Facebook permetterà di cancellare i dati di navigazione degli utenti

Mark Zuckerberg ha annunciato un nuovo strumento che permetterà agli utenti di Facebook di ridurre i dati che cedono al social network.
2.5.18

Gli utenti Facebook potranno cancellare i dati di navigazione che la piattaforma possiede, secondo il CEO Mark Zuckerberg.

Questa nuova funzione, chiamata "Clear History", è piuttosto notevole — l'azienda infatti sfrutta i dati delle persone per vendere pubblicità targettizzate, sia che gli utenti abbiano un account Facebook o meno — e potrebbe ridurre il bacino di dati che Facebook è in grado di raccogliere.

Pubblicità

Gli utenti potranno cancellare la loro "Cronologia Off-Facebook" e impedire direttamente alla piattaforma di raccogliere quel tipo di dati.

I cookie di tracking e i social plugin di Facebook sui siti di terze parti inviano informazioni sia sugli utenti che sui non-utenti del social network. I tracker dell'azienda, secondo il motore di ricerca DuckDuckGo, sono sul 24 percento del primo milione di siti internet del web. Facebook compra anche informazioni dai data broker per migliorare la sua raccolta dati, secondo un'indagine di ProPublica.

Facebook afferma che la funzione funzionerà retro-attivamente, e ciò significa che gli utenti potranno cancellare lo storico dei loro dati. "Stiamo ancora costruendo questa feature e sapremo dire di più molto presto," ha spiegato a Motherboard un portavoce di Facebook.

Ma alcuni dei dati rimarranno dove sono. Facebook continuerà a fornire alle app e ai sit i dati aggregati degli utenti, anche se le informazioni non verranno conservate in maniera da poter essere direttamente ricollegabili agli account da cui provengono.

Quando ho chiesto a Facebook di spiegare la differenza tra analytics e targeting, e di fornire uno user case per entrambi, un portavoce mi ha inoltrato il loro blog post sulle "Hard Questions," la "domande difficili," il quale definisce gli analytics soltanto come aiutare "i siti e le app a comprendere meglio come le persone che utilizzano i loro servizi.

"Per esempio, possiamo costruire dei report quando ci vengono inviate queste informazioni così possiamo dire ai developer [sic] se le loro app sono più popolari tra gli uomini o le donne di una certa demografica," ha spiegato oggi in un blog post Erin Egan, vicepresidente e Chief Privacy Officer di Facebook.

Zuckerberg ha condiviso maggiori dettagli durante l'F8 di oggi, l'annuale conferenza di sviluppo di Facebook, affermando che, dopo aver pulito i cookie, "il tuo feed Facebook non sarà così funzionale come prime, mentre apprende di nuovo le tue preferenze."

Pubblicità

"Dopo aver dato un'occhiata ai nostri sistemi, questo è il tipo di controllo che crediamo gli utenti debbano avere," ha aggiunto Zuckerberg mentre il pubblico applaudiva.

Facebook ha recentemente modificato l'usabilità delle sue impostazioni di privacy, con l'intenzione di rendere più facile per le persone il recupero e il download dei loro dati. Questa modifica anticipa la nuova privacy policy europea, un nuovo framework che fornisce alle persone più controllo sui loro dati.

Quando lo scorso mese Zuckerberg ha testimoniato davanti al Congresso, il repubblicano Jerry McNerney gli ha chiesto informazioni circa lo strumento "Scarica i tuoi dati" di Facebook.

"Be', il mio staff questa mattina ha scaricato le proprie informazioni," ha spiegato McNerney, "e la loro cronologia di navigazione non è inclusa. Quindi significa che Facebook non raccoglie questo tipo di informazioni?"

Zuckerberg ha risposto: "È corretto. Se in quel file non ci sono determinate informazioni, significa che Facebook non le ha raccolte o che l'utente non le ha inserite."

Come segnalato da TechCrunch, la risposta tattica di Zuckerberg ignora la moltitudine di dati off-site che Facebook raccoglie — dopotutto, Facebook evita da tempo di riconoscere pubblicamente quanto sa di te. In seguito ha chiarito che i "weblog" non sono scaricabili.

"Una cosa che ho imparato dalla mia esperienza al Congresso è che non avevo a disposizione risposte abbastanza chiare su alcune questioni riguardanti i dati," ha scritto Zuckerberg. "Stiamo lavorando per rendere questi controlli chiari."

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.