Tech by VICE

Come fare i soldi veri investendo in skin di 'Counter-Strike'

"Sono a 12.000 euro di skin, sono ancora messo bene."

di Paul Douard
26 ottobre 2017, 8:49am

Skin di un Kalashnikov. Immagine: screengrab dell'autore.

Se giudicate chi è disposto a spendere 800 euro per un iPhone un parassita della società, cosa ne pensate di chi investe 25.000 euro in una skin "AWP Dragon Lore"? Sto parlando di una decorazione con un drago giallo sopra un fucile da cecchino utilizzato in un videogioco — Counter Strike Global Offensive — che costa tanto quanto una Audi.

CS GO è uno degli eSport più popolari al mondo, giocato ogni giorno da circa 700.000 persone e team di professionisti che possono arrivare ad accumulare anche milioni di euro in un torneo. Pubblicato nel 2013, il gioco ha messo presto a disposizione la possibilità di vendere le skin delle armi per la gioia dei giocatori — ma soprattutto di Valve, proprietario del gioco e della piattaforma Steam su cui vengono effettuate la maggior parte delle transazioni.

Una skin è la modifica dell'aspetto di un'arma o di un accessorio, come un paio di guanti. Piuttosto che accontentarvi di un classico AK-47, lo potete pimpare con un sistema Stat-Trak che conta il vostro numero di vittime in tempo reale, fare incidere un'aquila reale e delle fiamme o il nome di uno dei vostri team di eSport preferiti sul caricabatterie di un M4A1. Queste personalizzazioni sembreranno inutili a tutti quelli che, nella vita,"preferiscono i libri." Tuttavia, questo mercato di micro-transazioni porta un sacco di soldi alla Valve, così come ai diversi team professionali. All'ESL di Colonia, nel 2015, in appena una settimana, sono stati acquistati 4,2 milioni di dollari in skin.

Skin di una M4A1. Immagine : screengrab dell'autore.

Prima di gridare alla decadenza dell'umanità, sappiate che non si tratta di una novità né di un fenomeno che accenna a scomparire. Il sistema di microtransazioni si è imposto sin dai primi giochi multiplayer di massa: si tratta di un sistema di pagamenti facilitati che consentono di acquistare o vendere contenuti all'interno del gioco stesso. Tutto è iniziato con Second Life, uscito nel 2003, con la propria moneta virtuale, i Linden Dollars, che consentiva anche a qualcuno di guadagnarsi da vivere con piccoli lavori virtuali. Oggi, è possibile acquistare una navicella spaziale in Star Citizen per rivenderla ad un prezzo più elevato e arrivare così a comprarsi un'auto — al contrario, estremamente reale — nuova di zecca.

Su Counter-Strike, potete sbloccare delle casse nel corso del gioco. Più giocate, più aumentano le possibilità di sbloccarle. In queste casse si trovano delle skin distribuite in modo casuale, ma è possibile aprirle solo dopo aver acquistato una chiave a 2,25 euro. Con il primo acquisto, si entra nell'ingranaggio. Si viene incoraggiati ad acquistare una skin direttamente da qualcuno tramite la piattaforma Steam. Lì sopra, un bel coltello scintillante può costare dai 40 euro ai 23.850 euro. Sì, un coltello virtuale. Vi sembra eccessivo? Quentin, un ragazzo di 23 anni con cui ho parlato, mi ha spiegato che ha pagato "12.000 euro in skin, quindi, va bene."

Se ovviamente ci sono migliaia di giocatori che comprano tra gli 1 e i 50 euro in skin per divertimento, quelli che spendono somme molto più elevate, come Quentin, rispondono a una logica completamente diversa: è un investimento. Thibaut, per esempio, un giocatore di 25 anni, mi ha spiegato il suo piano finanziario durante una partita: "All'inizio, l'ho fatto per divertimento. Si trattava di aprire le casse e fare degli acquisti impulsivi. Come comprarsi una giacca o delle scarpe nuove, solo che si tratta di skin. Dopo un po' ho iniziato a pensarlo come un investimento. Ed è lì che ho iniziato a fare trading."

"Il mese scorso ho investito 850 euro e ho guadagnato 1.7000 euro in una settimana."

Il trade è un po' come il mercato azionario delle skin. Si visitano siti specializzati — come OPSkins — per effettuare un ordine di acquisto, preferibilmente al di sotto del prezzo di mercato. Se si riesce a portare a termine un affare, si può rivendere la propria skin a privati tramite la piattaforma Steam. In termini pratici, significa acquistare delle banane in Brasile per poi rivenderle nel proprio paese, però con le skin. Se qualcuno è disposto ad investire un sacco di soldi in questo genere di affari, è perché il ritorno sull'investimento iniziale può essere molto interessante.

Lo stesso ragionamento fatto da Pierre, un giocatore di CS GO di circa 30 anni, che ho contattato su Facebook: "Il mese scorso, ho investito 850 euro e ho guadagnato 1.700 euro in una settimana. Per questi "investimenti," è più importante studiare il flusso delle vendite, l'aspetto estetico non conta. Per Maxence, 29 anni, si tratta più di un modo di tenere da parte dei risparmi: "Ho investito 3.000 euro in skin che ne valgono un po' di più, ma so che, in caso di bisogno, potrebbero tornarmi utili." Naturalmente, potreste anche rovinarvi con le vostre mani se le cose non dovessero andare bene. Julien, un giovane giocatore di appena 16 anni, mi ha raccontato via mail di aver perso "tra i 3.000 e i 4.000 euro nel trade."

Quentin, il giocatore che ha speso 12.000 euro, mi spiega la logica dietro ai suoi investimenti: "I miei amici non capiscono che non è solo una spesa di X euro, ma un investimento che può avere un ritorno. Può anche essere uno "scambio" che non mi costa nulla: se rivendo le skin, mi torna indietro tutto o, nel peggiore dei casi, il 95% del loro valore. L'obiettivo per qualcuno, quindi, è investire il proprio denaro nello stesso modo in cui si potrebbe farlo per un appartamento o un lingotto d'oro. Su alcuni siti, diverse skin vengono già utilizzate come valuta di riferimento sul mercato, come l'AK-47 Redline o l'AWP Asiimov. Queste skin sono molto ricercate e il loro valore non crolla. Sono l'equivalente di investire su uno studio in una grande città.

Le skin sono quindi un prodotto finanziario stabile e a basso rischio? Alcuni affermano di far parte di questo mercato senza nemmeno essere giocatori di Counter Strike, ma nessuno di loro ha voluto rispondere alle mie domande.

Skin di una UMP-45. Immagine: screengrab dell'autore.

Se i giocatori riescono a fare soldi in questo mercato, anche i siti che svolgono il ruolo di borsa ottenengono la loro fetta della torta. CSGO Lounge è un sito per lo scambio di skin; svolge il ruolo di sala da vendita e riceve una commissione corrispondente al 2% del prezzo di vendita. Secondo il sito specializzato Millenium, potrebbe guadagnare tra i 20.000 e i 50.000 euro al giorno. Non sorprende, infatti, che questi siti siano spesso al centro di cause legali e truffe di portata mondiale. Nel 2016, due Youtuber hanno pubblicato due video in cui spiegavano come guadagnare delle somme di denaro esorbitanti investendo nel mercato delle skin, in particolare attraverso il sito web CS GO Lotto; purtroppo per loro, la comunità online ha scoperto subito che i due erano in realtà i boss di CS GO Lotto e che tutti i video erano stati falsati.

Come risultato, Valve ha deciso di chiudere alcuni siti di gioco d'azzardo con il supporto delle autorità — ufficialmente per combattere le truffe stile CS GO Lotto. Tuttavia, è inevitabile chiedersi: e se Valve volesse semplicemente fare fuori i suoi concorrenti privati che guadagnano migliaia di euro vendendo skin al di fuori della piattaforma Steam? Lo studio non fornisce mai le cifre ufficiali sul numero di casse o di skin in circolazione, quindi, è difficile valutare quanto sia grosso questo mercato oggi — e soprattutto quali guadagni garantisca a Valve. L'unico dato certo è il guadagno dei designer di skin.

Skin di un Kalashnikov. Immagine: screengrab dell'autore.

Dietro a questo enorme mercato di skin CS GO, dove i giocatori e i siti web investono somme folli di denaro, ci sono anche creatori che sfruttano appieno questo business appetitoso. Su Twitch, un designer di skin ha rivelato di aver guadagnato 40.000 dollari con un'unica skin selezionata da Valve. Ha dichiarato che la skin in questione gli aveva richiesto un solo giorno di lavoro. Il designer francese NextgenZ si è rifiutato di rispondere alle domande su quanto ha guadagnato dal sito web specializzato VaKarM.

Quindi, la prossima volta che vi ritroverete a sgridare la vostra fidanzata o il vostro fidanzato imbambolati di fronte a Counter Strike, ricordatevi che giocando potrebbe finire per comprarvi la casa.

Seguici su Facebook e Twitter