Attualità

'Grazie a te dormo di nuovo' - Intervista alla più famosa youtuber ASMR italiana

Hermetic Kitten ha più di 250mila iscritti. Le abbiamo chiesto come ha iniziato, cosa cercano i suoi fan e chi sono.
Vincenzo Ligresti
Milan, IT
Grab via YouTube.

Sono uno di quei nove milioni di italiani che per riuscire ad addormentarsi deve pregare Shiva, Ipno, tutti i santi e sperare che votino a maggioranza in favore del suo benessere psicofisico. Visto che però le divinità sono infingarde per definizione, negli anni ho adottato anche altri metodi—video ASMR inclusi.

ASMR è un acronimo che sta per Autonomous Sensory Meridian Response (risposta autonoma del meridiano sensoriale). Ovvero, come riporta Wikipedia, "una piacevole sensazione di formicolio al cuoio capelluto, lungo la schiena o sulle spalle di solito accompagnato da uno stato di completo rilassamento mentale di chi la sperimenta." Tale sensazione può essere indotta da sussurri, particolari suoni e/o stimoli visivi: tutti elementi che chi crea video YouTube dedicati al genere—prevalentemente donne—ripropone con strani microfoni e specifici trigger.

Pubblicità

Da quando sono stati caricati i primi video ASMR nel 2009, la community di appassionati è cresciuta molto. Lo dimostrano infinite discussioni su Reddit, i milioni di visualizzazioni annessi, e l'interesse crescente della comunità scientifica. Secondo diversi studi, l'ASMR potrebbe essere paragonabile a una forma uditiva-tattile di sinestesia, capace di far rivivere ricordi infantili e coinvolgere ormoni del benessere come dopamina e serotonina. Tutte teorie che, come ha spiegato al Guardian un team di ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Sheffield, vanno indagate con "un attento equilibrio tra lo scetticismo e la mentalità aperta."

Ho deciso di parlare di tutte queste cose con Chiara, 26 anni, interprete e traduttrice che dal 2013 cura il canale ASMR Hermetic Kitten, oggi con più di 250mila iscrizioni. Ha fondato la comunità italiana dedicata all'ASMR e vi assicuro che ha una voce rilassante anche quando non sussurra.

VICE: Ciao Chiara, come hai scoperto l'ASMR?
Chiara: Mi stavo riprendendo da una malattia molto grave e siccome non riuscivo a dormire bene ho iniziato a cercare meditazioni, mantra, qualunque cosa potesse aiutarmi. A un certo punto però mi sono imbattuta in un video in cui figurava la sigla ASMR: ho iniziato inaspettatamente a sentire dei brividi mentre guardavo una ragazza spazzolare i capelli di un'amica, la sensazione mi ha completamente spiazzato e ho chiuso la scheda.

Pubblicità

Insomma, il primo impatto non è andato molto bene. Ho continuato però a pensarci: così qualche giorno dopo sono andata a ricercare il video, a informarmi, a capire che c'era tutto un mondo dietro e che volevo farne parte.

Così hai iniziato a fare i primi video.
Sì, ho iniziato nel 2013 con un Nokia scassato, in inglese e italiano, poi anche in spagnolo, francese e nelle altre lingue. Detto sinceramente non avevo davvero idea di cosa stessi facendo, ma sapevo che volevo aiutare gli altri facendogli sperimentare le sensazioni che provavo io ascoltando i video ASMR.

A quei tempi in Italia non c'era quasi nessuno che praticava l'ASMR—solo due o tre persone, di cui il più noto era uno youtuber che oggi si chiama Synergo e si occupa principalmente di cinema. Così mi sono decisa a fondare la comunità Facebook italiana e con un amico a creare la pagina Wikipedia. Adesso ci sono tantissimi canali, tantissimi utenti che li seguono, e la community è cresciuta negli anni.

Di che cosa parli nei tuoi video? E quali sono i trigger che preferisci?
Nei miei video parlo delle mie passioni: letteratura, scrittura, libri e fai da te. Mi è capitato anche di fare dei video motivazionali, ma in generale i video ASMR possono parlare un po' di tutto. L'importante è che esplorino il regno dei sensi—che afferisce al suono, alla voce, ai trigger visivi—permettendo all'utente di dimenticarsi un po' del presente.

Pubblicità

Per quanto riguarda i trigger che uso più spesso, invece, ruotano intorno a tutto ciò che è sabbia, sale e simili. Poi utilizzo spesso anche il brushing, una tecnica che consiste nel passare delicatamente un pennello sul microfono da "orecchio a orecchio". E, infine, i sussurri—sono davvero efficaci e senza alcun dubbio i miei preferiti.

C'è un genere di video che va per la maggiore?
A prescindere dal paese di provenienza dell'utente, ho notato che i roleplay—giochi di ruolo in cui interpreto un personaggio—sono quelli che riscuotono maggior successo. Probabilmente sono i video più gettonati perché propongono un'esperienza maggiormente immersiva rispetto ai video generici.

Come funziona invece quel microfono "con le orecchie" che usate spesso nei video?
È il più popolare tra chi fa i video ASMR. È molto particolare perché quando tocchi le orecchie del microfono sembra che tu stia toccando le orecchie dell'utente. Inoltre è in grado di carpire la distinzione tra alto e basso, destra e sinistra, quindi se giro intorno al microfono sembrerà che stia girando intorno alla stanza di chi guarda il video se indossa le cuffie.

Ho letto diverse cose sull'ASMR e molto spesso viene definito come un "orgasmo del cervello". Mi sembra piuttosto curiosa come definizione.
Secondo me, purtroppo, questa definizione ha dato luogo a tantissime interpretazioni sbagliate e fraintendimenti. Senza sapere cos'è l'ASMR in molti—associando la parola "orgasmo" a ragazze (o ragazzi) che sussurrano—hanno pensato si trattasse di qualcosa di strano, assimilabile al fetish.

Pubblicità

In realtà credo che questa definizione sia stata data in buona fede per far capire quanto è intensa la sensazione di rilassamento dell'ASMR, anche se in effetti non ha nulla a che vedere con un orgasmo fisico, almeno non nel senso letterale del termine. Diciamo che sarebbe stato meglio se l'avessero paragonato direttamente alla sinestesia, perché l'ASMR è po' come sentire i suoni con gli altri sensi e a livello fisico.

A proposito di fraintendimenti: a chi non conosce o non prova nulla coi video ASMR potrebbe venire quasi automatico pensare ai "giochi di ruolo" come un qualcosa di erotico—e in effetti qualche video tra tutti quelli che ci sono in rete potrebbe sembrarlo.
Non metto in dubbio che esistano dei canali del genere, ma sono casi isolati e non hanno nulla a che vedere con l'ASMR ben fatto. In quest'ultimo, infatti, si ricreano semplice quelle situazioni e sensazioni che nella vita quotidiana percepiamo come stressanti oppure rilassanti.

Nel primo caso si può ricreare una visita dal medico, nel secondo piccoli gesti quotidiani che ci colpiscono—per esempio io mi incanto sempre a guardare un commesso che impacchetta un regalo. In sostanza nell'ASMR il gioco di ruolo deve essere considerato alla stregua di un setting, setting che non ha niente di sessuale o ambiguo.

Se poi qualcuno vuole prendere persone a caso da internet per farci l'uso che vuole, lo farà tanto col mio canale quanto con un canale di cucina o di videogiochi. È una situazione un po' delicata, ma stiamo parlando davvero di casi rari. Più che altro esistono utenti che, magari a causa di problemi personali, diventano ossessionati con le ragazze che fanno video ASMR al punto di diventare invadenti. Oppure altri che vorrebbero diventassimo i loro terapeuti, ma non lo siamo e non abbiamo i strumenti per aiutarli in questo senso.

Pubblicità

Ma secondo te i video ASMR saranno mai usati per fini terapeutici?
Per quanto mi riguarda, l'ASMR dovrebbe essere già essere utilizzata a scopi terapeutici e considerata alla stregua di una terapia alternativa del suono—terapia da affiancare, aggiungere e non sostituire alle tradizionali cure. Per esperienza personale, la consiglio a chiunque soffre di stress, prova spesso ansia, ha difficoltà a prendere sonno o accumulato molta tensione.

Ma ci sono altri casi: molte persone che si sentivano sole, per esempio, hanno trovato conforto nell'ASMR.

C om'è visto in Italia il fenomeno dell'ASMR rispetto all'estero? Che commenti ricevi di solito?
In Italia c'è una grande attenzione verso il fenomeno ASMR, ma i media non se ne sono molto interessati. In tv, per esempio, soltanto due trasmissioni se ne sono occupate: Nemo, con un servizio che non è affatto piaciuto alla comunità ASMR, e Forum, che qualche giorno fa se ne è uscito con un episodio sull'ASMR molto divertente. In Spagna, Francia e nei paesi anglofoni, invece, si è affrontato il fenomeno con più serietà.

Riguardo ai commenti, ho un repertorio così ampio che ne potremmo parlare fino a dopodomani. Diciamo che in generale vanno dal "Mi hai aiutato a stare meglio"/"Adesso esco di casa"/"Grazie a te riesco di nuovo a dormire" fino al "Sei patetica"/"Ma perché sussurri"/"Non sei così speciale come credi." I commenti positivi per fortuna sono sempre molti di più, ma quelli negativi certe volte possono essere talmente negativi da fartici pensare tutto il giorno: credo sia l'aspetto più pesante di questo mondo.

Non sempre l'ASMR funziona—c'è chi ha formicolii guardando i video, ma c'è anche chi non prova nulla o ne è infastidito. I tuoi utenti di solito come reagiscono?
Ho fatto una piccola statistica personale chiedendo un po' a tutti gli iscritti del mio canale, e in effetti le persone che provano i brividi da manuale non sono tantissime, piuttosto lo sono le persone che si rilassano e basta. E c'è da dire che non sempre i brividi arrivano: a volte non li provi per tanto tempo, poi ritornano, poi se ne vanno di nuovo. Non c'è un modo giusto di sentire l'ASMR.

Secondo alcuni studi, le risposte positive ai video ASMR potrebbero essere connesse ai ricordi infantili e genitoriali. Pensi sia una cosa così freudiana?
Assolutamente. Col senno di poi, ho capito di aver percepito le prime sensazioni ASMR durante l'infanzia: quando sentivo la pioggia, una maestra spiegava la lezione con voce molto calma o la mia compagna di banco usava la matita. Si tratta di sensazioni fortemente ASMR ma che fino a qualche anno fa non sapevo definire.

Segui Vincenzo su Twitter