Tech by VICE

Come PornHub incoraggia le intimidazioni e il doxing

PornHub ospita video con milioni di visualizzazioni—ma le donne che compaiono in questi video dicono che non sarebbero mai dovuti finire in internet e che questo ha distrutto le loro vite.

di Samantha Cole e Emanuel Maiberg
03 settembre 2019, 1:29pm

Illustrazione di Emily Bernstein 

PornHub, uno dei siti più visitati al mondo, conserva sulla propria piattaforma video di donne la cui vita, sostengono le dirette interessate, è andata in rovina come conseguenza del fatto stesso che quei video siano finiti sul sito. E la piattaforma continua a guadagnarci.

I video sono stati prodotti da Girls Do Porn, un "partner di contenuti per PornHub" a cui hanno fatto causa 22 donne per frode, danni emotivi e appropriazione indebita della loro immagine. Stando a John O'Brien, uno degli avvocati che rappresentano le donne, almeno 100 donne intervistate dal team legale hanno dichiarato che Girls Do Porn avesse promesso che i video non sarebbero mai stati distribuiti su larga scala. "L'avvocato della parte civile ha parlato con oltre 100 di queste vittime, che sono state filmate dal 2009 fino al 2018, e ognuna ha raccontato una storia identica a quella delle querelanti," hanno detto alla Corte Superiore di San Diego gli avvocati che rappresentano le donne in questione.

"sono caduta in una depressione gravissima, tutti si prendevano gioco di me, mio padre non riusciva neanche a guardarmi e parte della mia famiglia non vuole avere più niente a che fare con me"

Stando a O'Brien, i video di almeno 11 delle donne coinvolte nel caso sono ancora disponibili su PornHub.

L'indagine di Motherboard ha scoperto che molte donne nei video di Girls Do Porn si sono cancellate dalla rete in seguito alle operazioni di doxing e bullismo online nei loro confronti e alle umiliazioni private e pubbliche subite nella vita reale.

Girls Do Porn è uno dei canali più popolari di PornHub e continua a caricare video sulla piattaforma. PornHub cita anche il canale tra le ragioni per sottoscrivere l'iscrizione premium a pagamento, che permette agli utenti di accedere a video altrimenti non disponibili.

Come funziona la frode di Girls Do Porn

La maggior parte dei video di Girls Do Porn cominciano allo stesso modo: una giovane donna è seduta sul letto di una camera di hotel. Un uomo esterno all'inquadratura le chiede se è nervosa perché è la prima volta che viene ripresa mentre fa sesso.

Poi, fa sesso davanti alla telecamera, con un uomo il cui volto non si vede mai.

Le donne di questi video sono arrivate su voli offerti da Girls Do Porn da ogni parte del paese fino a San Diego, per girare video che, stando a quanto riportato, i committenti promettevano che nessuno nelle loro città natali avrebbe mai visto. L'azienda, dicono molte di queste donne, ha detto loro che i video sarebbero stati venduti come DVD a "collezionisti privati" in Australia e Nuova Zelanda.

"Mi hanno detto personalmente che sarebbe stato venduto su DVD in un altro paese e l'ho anche chiesto di nuovo mentre ero in macchina diretta all'hotel," ha detto a Motherboard una donna che non è coinvolta nella causa legale, ma che è apparsa in alcuni video di Girls Do Porn. Motherboard ha garantito alla donna l'anonimato per via della natura sensibile dei video.

"Hanno anche cercato di pagarmi per dire alle altre ragazze che era andato tutto bene e che non c'erano conseguenze, ma ovviamente prima che i video fossero messi su GDP [Girls Do Porn, il canale] e su tutta PornHub," ha detto.

Le deposizioni e testimonianze delle altre querelanti, oltre ai racconti in prima persona di altre donne online, asseriscono a loro volta che Girls Do Porn avrebbe mentito sulla distribuzione dei video.

"Quando è stato pubblicato sono caduta in una depressione gravissima, tutti si prendevano gioco di me, mio padre non riusciva neanche a guardarmi e parte della mia famiglia non vuole avere più niente a che fare con me," ha detto la donna che ha parlato con Motherboard.

Le donne che hanno fatto causa a Girls Do Porn sostengono di essere state manipolate per firmare i contratti—talvolta sotto l'effetto di alcolici servito dall'azienda, o mentre erano bullizzate da uomini nelle stanze di albergo dove si sarebbero svolte poi le riprese, con un operatore e un attore porno uomo pronti, in attesa.

"Venivano dette bugie alle ragazze prima e mentre firmavano questi accordi," ha detto O'Brien a Motherboard.

In una deposizione, O'Brien sostiene:

Poco prima di filmare, e dopo aver sistemato trucco e capelli della modella, [Girls Do Porn] presentava dei presunti accordi di distribuzione da leggere e firmare alle giovani vittime, ma alcuni termini mancavano, compreso prezzo e sito web—e mentre distraevano le modelle o facevano loro fretta, travisando il contenuto e le conseguenze dei documenti, spesso dopo aver servito alcolici alle modelle (molte delle quali minorenni—anzi, una delle querelanti ha fatto le riprese il giorno dopo il suo 18esimo compleanno, e Mr Pratt [uno dei proprietari di Girls Do Porn] l'avrebbe reclutata per viaggiare dall'altra parte del paese quando era ancora minorenne. Gli imputati le avrebbero fatto trovare una torta di compleanno durante le riprese per enfatizzare il fatto che fosse appena entrata nell'età del consenso).

Gli accordi firmati con Girls Do Porn sono contratti da diverse pagine pieni di tecnicismi legali e non fanno alcun riferimento al fatto che i video saranno poi pubblicati online o persino al nome "Girls Do Porn," stando a O'Brien. "Per cui firmano qualcosa, ma non ne ricevono una copia. La prima volta che hanno visto questo documento è stato in questa disputa legale," ha detto.

"Non possiamo fornire commenti su questioni specifiche relative alle modelle i cui casi saranno presto presentati in tribunale," ha detto a Motherboard Aaron Sadock, uno degli avvocati che difendono Girls Do Porn. "In generale, molti fornitori di contenuti video per adulti promuovono i propri siti postando spezzoni su siti come PornHub. Il contratto standard che i miei clienti hanno sottoposto a tutte le loro modelle permette di promuovere i video in tutta la loro durata come qualsiasi altro sito per adulti. Abbiamo fiducia che il contratto sarà ritenuto valido dopo attenta considerazione dei fatti."

Ci sono circa 400 donne su Girls Do Porn, e solo 22 stanno facendo causa all'azienda. Ma O'Brien ha detto che lui e il suo team hanno parlato con più di 100 donne coinvolte nei video di Girls Do Porn, e che tutte hanno avuto esperienze simili.

La donna che ha parlato con Motherboard in via anonima ha vissuto la stessa situazione, ma non sapeva della disputa legale prima che la contattassimo.

"Nessuno mi ha mai contattata, né ho pensato che avesse senso cercare di denunciare qualcuno se ero stata io, stupidamente, a firmare un contratto che diceva che potevano fare quello che volevano con il video," ha detto.

Come PornHub incoraggia il doxing

Come le 22 donne che stanno facendo causa a Girls Do Porn spiegano in testimonianze scritte fornite al tribunale, postare questi video online, e nello specifico su siti enormemente popolari come PornHub, ha avuto un impatto disastroso sulle loro vite.

GirlsDoPorn.com, come sito separato da PornHub, esiste ancora e fa pagare gli utenti per un abbonamento. Ma i suoi video sono anche disponibili su PornHub come clip più brevi e gratuite o come contenuti più lunghi per "PornHub Premium."

Diverse donne che sostengono di essere state ingannate dall'azienda hanno detto di non aver realizzato che i video sarebbero stati distribuiti su larga scala finché non si sono ritrovate su PornHub. Le donne in questi video non rivelano i propri veri nomi alla telecamera, ma una volta che i video sono comparsi su PornHub, i nomi di alcune di loro sono stati diffusi (doxati) da utenti di PornHub.

Sui siti dedicati a molestare le persone che compaiono in video per adulti e a rivelare la loro vera identità, gli utenti hanno condiviso informazioni personali estese sulle donne dei video di Girls Do Porn, comprese fotografie rubate dai loro social media. Questa campagna di doxing ha portato diverse delle donne in questione a subire molestie, cadere in depressione e avere pensieri suicidi, stando ai documenti depositati in tribunale, ai post online e all'intervista con Motherboard.

Una delle donne, indicata con lo pseudonimo Jane Doe No. 6, ha detto di "aver sofferto danni emotivi," per via della situazione:

"Ho contemplato il suicidio. Mi sono fatta del male. Sono caduta in depressione, non riuscivo a uscire di casa e ho considerato di abbandonare gli studi. Le persone hanno iniziato a mandarmi messaggi con screenshot del video o li mandavano ai miei amici per prendersi gioco di me. La mia mamma sa del video, cosa che mi umilia e fa vergognare. Ho dovuto lasciare il college per le molestie dei miei compagni di corso. Mi hanno molestata a lavoro al punto che ho dovuto licenziarmi. E ora ho paura di fare colloqui. Mi arrivano richieste random sui social media da sconosciuti che mi chiedono di fare sesso con loro. Vivo ogni giorno nel terrore di incrociare qualcuno che sa del video. Sto cercando di trasferirmi in un altro stato."

Motherboard ha scoperto che le donne nei video di Girls Do Porn sono ancora vittime di doxing su PornHub, nonostante il caso legale in corso.

Stando ai Termini di Utilizzo di PorHub, e a una copia del tipo di contratto che partner come Girls Do Porn devono firmare con PornHub ottenuta da Motherboard, PornHub si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi video in qualsiasi momento.

"C'è grande abbondanza di porno consensuale—qualsiasi cosa che si porti dietro delle lamentele dovrebbe essere rimossa senza paura che ne risenta il modello di business."

PornHub non ha risposto alle domande di Motherboard sul doxing delle donne sulla sua piattaforma. Ma Corey Price, VP di PornHub, ha detto in una dichiarazione che "nel caso in cui qualcuno caricasse contenuti non autorizzati o incappasse in un contenuto non-consensuale, è incoraggiato a flaggarlo tramite il nostro form per la Rimozione di Contenuto."

"Noi di PornHub siamo sempre proattivi nel fornire agli individui e agli attori le risorse per segnalare materiale non-consensuale così che possa essere rimosso celermente," ha detto. "Abbiamo sempre condannato duramente l'upload di contenuti privi di autorizzazione sulla nostra piattaforma e tutti gli utenti che caricano contenuti devono aderire alle stesse misure e regole di tutti. Le nostre condizioni di utilizzo permetto di caricare solo materiale di proprietà."

Katelyn Bowden, fondatrice e CEO del gruppo di attivismo contro il revenge porn Badass, ha detto a Motherboard che il suo team è in contatto con diversi moderatori di PornHub, che sono in genere reattivi alle richieste di rimozione. Ma ha detto che Girls Do Porn di per sé non è stata per niente collaborativa con Badass.

"Spero che PornHub prenda nota di questa loro incapacità nel gestire le responsabilità e rimuova questi video non-consensuali velocemente," ha detto Bowden. "C'è grande abbondanza di porno consensuale—qualsiasi cosa che si porti dietro delle lamentele dovrebbe essere rimossa senza paura che ne risenta il modello di business."

Come PornHub guadagna grazie ai video che hanno danneggiato queste donne

Alcuni dei video pubblicati su PornHub sono stati visualizzati oltre 40 milioni di volte. Il canale di Girls Do Porn è attivo da otto anni e ha collezionato più di 677 milioni di visualizzazioni. È circa 20esimo tra i canali più popolari sul sito. Questa equivale a un'esposizione massiccia per persone che avevano detto di non voler essere viste sin dall'inizio. E mentre vanno in tribunale per esporre il proprio caso, PornHub continua a fare soldi sui contenuti in questione.

Oltre a essere uno dei canali più quotati sulla piattaforma, Girls Do Porn è anche usato da PornHub come incentivo per gli abbonamenti Premium. Girls Do Porn è promosso sulla pagina delle partnership, sia come "content partner" che come "partner viewshare Premium." I video dei content partner sono disponibili gratuitamente, mentre quelli viewshare sono limitati agli abbonati Premium. I video viewshare generano più profitti per il partner dei primi.

Per 9,99 dollari al mese, un abbonamento a PornHub Premium offre agli utenti l'accesso a una serie di vantaggi esclusivi, tra cui oltre 100.000 video di lunga durata "premium" e niente pubblicità aggiunta.

La "merce di prima qualità," dice PornHub nella pagina di domande frequenti, viene da partner come Girls Do Porn.

I partner viewshare di PornHub Premium devono firmare un contratto con PornHub, stando a un altro partner che ha chiesto di restare anonimo. Stando a una copia del "contratto di licenza sui contenuti (viewshare)" fornito a Motherboard, i partner dichiarano che i contenuti non "contengono materiale in alcun modo diffamatorio, minaccioso o di abuso illegale," e stipulano che "tutte le modelle e gli attori fotografati, filmati o in qualche modo presenti in qualsiasi video, devono poter fornire (e il produttore deve creare e conservare copia) due documenti identificativi che dimostrino un'età di almeno 18 anni il giorno in cui scatti o riprese sono stati effettuati."

Stando ai documenti presentati in tribunale, le donne che hanno fatto causa a Girls Do Porn sostengono di aver firmato degli accordi—ma sotto pressione, fretta, o in stato alterato dall'alcol nelle stanze di albergo—permettendo all'azienda di fare quello che volevano con i video.

Ad ogni modo, sia i contratti con i partner che i termini di utilizzo di PornHub dimostrano che PornHub può rimuovere un contenuto in qualsiasi momento. PornHub "si riserva il diritto di rimuovere i contenuti senza preavviso," si legge nei Termini.

Entrambe le parti—sia PornHub che il partner—possono interrompere la partnership in qualsiasi momento, per qualsiasi ragione.

In altre parole, PornHub si lava le mani di cosa le persone postano sulla piattaforma—anche se quel contenuto ha distrutto delle vite e continua a fare danni.

Il procedimento legale completo è disponibile qui.