Pubblicità
Motherboard

Sono state appena trovate centinaia di uova di pterosauro in Cina

È il ritrovamento più grande di questo tipo, e ci aiuterà a capire qualcosa di più su di loro.

di Federico Nejrotti
01 dicembre 2017, 11:29am

In un ritrovamento senza precedenti, il paleontologo cinese Xiaolin Wang della Chinese Academy of Sciences ha rinvenuto un gruppo 215 (e oltre) uova-fossili di pterosauri. La scoperta da record è stata annunciata ieri su Science, e promette di rivoluzionare la nostra conoscenza del Hamipterus tianshanensis, una specie che viveva nel nord-ovest della Cina un centinaio di milioni di anni fa e che somigliava agli odierni aironi.

Oltre alle uova, il team di Wang ha rinvenuto anche 16 embrioni di pterosauro che più di ogni altra cosa permetteranno di migliorare la nostra conoscenza del percorso di crescita della specie, per capire com'era fatta e come si comportava. Le uova sono state ritrovate fossilizzate in alcuni sedimenti lacustri.

Secondo i ricercatori, la specie aveva un'area di nidificazione nei pressi che, nel corso del tempo, è stata inondata più volte, facendo così finire le uova nel lago. Inoltre, i ritrovamenti sono stati effettuati in quattro diversi livelli di sedimenti: una caratteristica che suggerisce l'ipotesi di numerose inondazioni nel corso del tempo.

Le prime novità emerse dalla scoperta riguardano alcune caratteristiche della specie: gli embrioni nell'ultimo stadio di crescita non possedevano ancora denti, e le zampe anteriori erano meno sviluppate di quelle posteriori — Quest'ultima caratteristica stravolge l'ipotesi, finora mai messa in dubbio, secondo cui gli pterosauri fossero in grado di volare appena nati.

"Quando si parla di paleontologia spesso si parla per iperboli, ma questo caso è davvero fenomenale," ha spiegato un ricercatore della University of London (non coinvolto nello studio) a National Geographic. "La scienza è ancora agli inizi, ma la materia prima in gioco qui è potenzialmente rivoluzionaria."

Seguici su Facebook e Twitter.