Pubblicità
Motherboard

Alle mantidi piace mangiare il cervello degli uccelli

1. cattura un uccello, 2. mangiagli il cervello, 3. decapitalo.

di Sarah Emerson
14 luglio 2017, 1:52pm

Gli insetti giganti con una passione per la carne fanno pensare a un film di fantascienza. Ma questa fame terribile è molto più diffusa di quanto si pensi, e potrebbe scatnarsi proprio nel vostro cortile.

Non mi riferisco ai ragni assetati di sangue o agli scarafaggi antropomorfi. No, mi riferisco alle mantidi religiose e alla loro propensione a catturare e divorare uccelli.

Una mantide (Stagmomantis limbata) che mangia un colibrì (Calypte anna) in California. Prima l'uccello viene bloccato da una corda. Immagine: Megan Ralph/Dryad Ranch

Le mantidi che mangiano gli uccelli sono uno scherzo della natura raramente osservato dagli esseri umani. Eppure, questo fenomeno è abbastanza curioso da attirare l'attenzione di un gruppo di zoologi svizzeri e statunitensi. Considerando che le mantidi religiose sono carnivore, ma non cacciatrici voraci, i ricercatori hanno considerato più di 147 casi — rilevati sia in ambito accademico che amatoriale — in cui le mantidi cacciavano uccelli.

"Molti bird watcher e ornitologi più esperti hanno sentito parlare di questo comportamento, ma la maggior parte di loro ne sono ancora stupiti," mi ha spiegato via mail Kenn Kaufman, redattore presso la National Audubon Society che non è stato coinvolto nello studio. "Qualche anno fa, una rivista di bird wathcer ha pubblicato la foto di una mantide che catturava un colibrì e, come potrai immaginare, alcuni lettori sono impazziti."

Un mantide che mangia un colibrì nero (Archilochus alexandri) in Colorado. Immagine: Tom Vaughan

Le scoperte del team, pubblicate recentemente sul Wilson Journal of Ornithology, suggeriscono che, in tutto il mondo, le mantidi stiano aggrediscono gli uccelli ignari. Sono state osservate mantidi religiose aggredire 24 specie di uccelli differenti di 14 famiglie diverse. Quasi il 70 per cento dei casi si è verificato in Nord America, dove i colibrì di piccole dimensioni erano la preda più comune. Secondo lo studio, gli Stati con la più alta incidenza di questo fenomeno sono quello di New York, il North Carolina, il Texas, l'Arizona e la California.

"Nella letteratura meno recente, vengono riportati aneddoti di ogni tipo sulle mantidi che si cibano di prede bizzarre, come centipedi e ragni velenosi, ma questi erano solitamente incontri in stile gladiatori," in cui i ricercatori facevano confrontare una mantide e qualche altro temibile invertebrato in un barattolo o in una gabbia," mi ha spiegato via mail Michael Maxwell, coautore dello studio e ecologista comportamentale presso la National University.

Ma siti come YouTube hanno reso più facile per i riceratori raccogliere riprese di mantidi che catturano uccelli. L'idea di riesaminare le tesimonianze degli attacchi è dovuta alla volontà di risolvere la questione su "chi è predatore e chi la preda," ha aggiunto Maxwell.

È interessante sottolineare come questo comportamento sia stato osservato in tutti i continenti tranne l'Antartide, in ben dodici specie di mantidi — come dichiarato in un comunicato da Martin Nyffeler, docente senior dell'Università di Basilea che ha definito il fatto "una scoperta spettacolare".

"Per molti di noi, la cosa più sorprendente riguardo il nuovo studio è la gamma di specie diverse dai colibrì documentate come prede delle mantidi," ha aggiunto Kaufman. "Anche gli altri sono uccelli di piccole dimensione ma alcuni arrivano a pesare anche più di 9 grammi, il che mi sembra un bel peso da affrontare per qualsiasi insetto."

Stranamente, tutte le mantidi sono state identificate come femmine. Le femmine non sono necessariamente più aggressive ma, se particolarmente affamate, praticano il cannibalismo sessuale . In due occasioni, delle mantidi femmine sono state osservate nutrirsi di un uccello mentre si accoppivano con un maschio.

Le implicazioni di questo fenoneno non vengono affrontate nello studio, ma gli autori hanno osservato che spesso la predazione viene effettuata dalle mantidi di maggiori dimensioni, quelle che mediamente misurano sei centimetri di lunghezza del corpo rispetto alla media. Inoltre, alcune specie di mantide religiose presentano dimensioni sessualmente dimorfiche, questo significa che le femmine superano in dimensioni le loro controparti maschili.

La maggior parte degli uccelli venivano attaccati mentre cercavano cibo e le mantidi miravano quasi sempre alla testa, al collo o alla gola. Le loro vittime di solito morivano in pochi minuti, ma non senza provare a lottare. In qualche caso, le mantidi scuoiavano o decapitavano la loro preda, il che potrebbe sembrare inutilmente brutale, ma è una pratica in cui notoriamente indulgono le mantidi femmine rispetto ai loro compagni maschi dopo che si sono accoppiati con loro.

Ecco un metodo di attacco particolarmente brutale descritto nello studio:

Il modus operandi delle mantidi sembra essere quello di avvicinarsi all'uccello, che si appende a testa in giù, entrare nella cavità cranica attraverso uno degli occhi, alimentarsi dei tessuti cerebrali... Abbiamo trovato diversi esempi di mantide che si nutre con la testa dell'uccello e in almeno due occasioni la mantide ha tagliato la testa a fine pasto.

Un colibrì rubino (Archilochus colubris) soccombe all'attacco di una mantide (Tenodera sinensis) in Michigan. Immagine: Chris McCarthy

Detto questo, dovreste iniziare a uccidere ogni mantide religiosa che vedete? Sicuramente no.

Nel corso del secolo scorso, due specie di mantidi di grandi dimensioni, quella Europea (Mantis religiosa) e quella cinese (Tenodera aridifolia sinensis), sono state introdotte nel Nord America come forma di controllo dei parassiti. Lo studio ha teorizzato che queste mantidi potrebbero rappresentare un rischio per le popolazioni locali di colibrì. Ma mentre le mantidi possono abbattere qualche uccello, di sicuro, non rapprestano una minaccia per i colibrì più grave della distruzione del loro habitat.

"Per quanto strano/spaventoso possa sembrare questo comportamento, non credo che rappresenti una minaccia per la sopravvivenza di ogni specie di colibrì, perché non si verifica molto spesso rispetto alla popolazione totale," ha spiegato Kaufman. "Quindi direi che è un fenomeno interessante ma non preoccupante per la loro soppravvivenza."

Quindi, se vi capita di vere una mantide che divora un uccello, non cercate di salvarlo. Basta che vi copriate gli occhi girandovo dall'altra parte e ricordate quello che amiamo ripetervi da sempre: la natura è violenta.