Gli imitatori di Elvis europei non hanno alcuna intenzione di smettere
All photos by Andy Pilsbury

FYI.

This story is over 5 years old.

Gli imitatori di Elvis europei non hanno alcuna intenzione di smettere

Il fotografo Andy Pilsbury presenta una carrellata dei migliori discepoli del Re che ha incontrato per il progetto 'Still Taking Care Of Business’.
Giacomo Stefanini
traduzione di Giacomo Stefanini
Milan, IT

La leggendaria morte sul cesso di Elvis Presley si è verificata 40 anni fa esatti, ma se infilate la testa in un dopolavoro inglese o in un locale specializzato in matrimoni o addii al celibato/nubilato, rischiate di rimanere stupiti. Gli imitatori di Elvis rimangono un affare gigante e fanno parte della vita delle cittadine britanniche quanto due pinte di bitter ale e un pacchetto di patatine gusto crostacei. Questo fenomeno è stato documentato dal fotografo Andy Pilsbury nella sua nuova raccolta, Still Taking Care Of Business.

Pubblicità

Nel corso di oltre due anni di lavoro, il progetto ha visto Pilsbury esplorare ogni angolo della Gran Bretagna e dell'Europa alla ricerca dei fanatici più devoti all'eroe con il bacino d'oro. Tutti è iniziato alla Concorso annuale per imitatori di Elvis che si svolge a Birmingham. "Ho subito sviluppato un grande interesse per i concorrenti", ricorda, menzionando tanto i vincitori quanto i sfortunati partecipanti. "Non mi piaceva la musica di Elvis, ma, da esterno, ero intrigato. A essere sincero, mi sembrava molto divertente".

Il primo a partecipare è stato Patrick Byrne, un imitatore (o, come preferiscono loro, ETA – Elvis Tribute Act) di Basildon, a Est di Londra, e le cose sono diventate presto più serie. Prendendo contatti con ETA da tutta Europa, ha cominciato a documentare gli spettacoli, i locali, le gare, i festival, i fan e l'oggettistica di questo mondo sotterraneo ricoperto di lustrini. "Ho trovato una scena molto democratica", dice. "Chiunque può entrarci, e ci sono tanti diversi livelli—dai concerti piccoli e intimi in circoli dopolavoro a grandi palchi per le competizioni. L'intera cultura fa molto ridere, ma c'è anche una certa serietà nostalgica".


Leggi anche:


"Ci sono entrato pieno di pregiudizi", ammette, "ma scoprendo la connessione che questi ETA hanno con il pubblico, ho cominciato a prenderli un po' più sul serio e ad avere un maggiore rispetto per loro. È la loro vita e da fuori può sembrare un po' ridicola… ma tocca davvero le persone. È questo che importa nelle loro performance. E adesso mi piace anche Elvis!"

Pubblicità

Qua sotto, Andy condivide con noi alcune delle foto più belle di Still Taking Care Of Business, insieme alle storie più impressionanti—dalle sbronze giganti al pub alle lacrime al circoletto, alle gare sulla costa gallese.

YAM YAM ELVIS

"Sono andato a un'esibizione il giorno di San Giorgio dentro un Wetherspoons di West Bromwich. Era pieno di hooligan totalmente distrutti dall'alcol. Si stavano divertendo un casino. Il nome d'arte di questo imitatore è Yam Yam Elvis e viene dalla Black Country. È un tizio davvero simpatico, e suona da solo tipo one-man band. Non il miglior performer di tutti i tempi, ma non è una questione di suono per lui! L'importante è la festa!"

ELVIS DECENNE

"Oltre agli adulti, ci sono anche performer giovanissimi, fino a dieci anni. È davvero una sottocultura forte e importante. Per certe persone è un'ossessione; per altre è soltanto un secondo lavoro nel weekend. Il potere che Elvis ha generato culturalmente è davvero impressionante. Ha avuto un'influenza su varie generazioni."

NEIL

"L'ho fotografato allo Smallholders Club. Il pubblico era composto di ultracinquantenni che cenavano, sui tavoli c'erano formaggio a cubetti e robe del genere. Lui fece un'esibizione super energica. Per poco non faceva saltare l'intero impianto cantando 'Bridge Over Troubled Water' di Simon and Garfunkel! C'era questo pubblico vecchio che lo apprezzava evidentemente tantissimo, in più il locale era tutto antico e nostalgico. È stato epico. A un certo punto ho pensato che fosse davvero Elvis… e sono sicuro che lo ha pensato anche lui. La gente piangeva."

Pubblicità

ANDY

"Ho organizzato un incontro con questo Andy, che ha un tour bus. Una volta aveva un'attività di toelettatura per animali ambulante che lo ha fatto diventare milionario. Ha deciso che i soldi gli bastavano e che la sua vera passione era Elvis, così si è venduto l'attività, ha comprato questo enorme veicolo e assunto la sua famiglia e i suoi amici come staff. Si è fatto spedire un vestito su misura dagli Stati Uniti, fatto dalle stesse persone che creavano gli abiti di Elvis; i gioielli che porta sono forgiati negli stessi stampi di quelli di Elvis. Questo qua è uno serio! Aveva anche le groupie!"

PORTHCAWL ELVIS

"Se mescoli la cultura americana con l'antica mentalità di mare inglese, succede qualcosa di davvero speciale. A Porthcawl, in Galles, si svolge una Convention di Elvis annuale. Quando arriva, compaiono i costumi dal Elvis e tutto viene esagerato. Tutti gli hotel, i bar e i ristoranti, per quel weekend, diventano un tributo a Elvis. Arriva gente da tutta Europa."

MUJ

"Muj ha un negozio di dolci indiani a Small Heath e in questo momento si trova negli Stati Uniti per unirsi alle celebrazioni del 40esimo anniversario della morte di Elvis. È andato a Memphis a portare i suoi rispetti e a onorarlo. Mi ha mandato foto di casa sua, e la sua camera da letto è fatta esattamente come la stanza cinema di Elvis!"

BELLA E LYNNE

"Sono un duo composto da madre e figlia che sono fanatiche di Elvis. Bella, a sinistra, ha un tatuaggio di Elvis sul braccio, ha le lenzuola di Elvis e hanno perfino chiamato il proprio gatto Elvis—tra l'altro è morto da poco…"

Pubblicità

ROY

"Questo tizio di nome Roy è semplicemente un fan sfegatato; c'è proprio sotto con la musica. Non sono riuscito a entrare a casa sua, perché di lavoro fa il badante full time per bambini disabili. Vorrebbe soltanto andare a Graceland perché per lui è un posto fondamentale. Non penso che si riuscito ad andarci finora. È troppo impegnato con i bambini, così ha portato Graceland qui."

KEITH

"Keith vive in un piccolo paese chiamato Compton, vicino a Gloucester. È un fan molto serio. Sono stato a casa sua e ci sono souvenir dappertutto. Ha un sacco di piccole statuine che riproducono la casa di Elvis; porta sempre con sé una replica della patente di Elvis. Si è sposato con un abito da Elvis. È incredibile. Lui era uno figo."

Segui Andy su Instagram.

Segui Noisey su Instagram e Facebook.