Pubblicità
Motherboard

Harvard ha revocato l'ammissione ad alcuni studenti per dei meme razzisti

Ad almeno 10 matricole è stata revocata l’ammissione per aver aver condiviso contenuti offensivi su una chat di gruppo.

di Sarah Jeong
06 giugno 2017, 8:44am

C'è un pacchetto pesante nella buchetta della posta: è una lettera di ammissione al college! Stai per partire per il college! Improvvisi una piccola danza della vittoria. Lo dici ai tuoi genitori. Piangete tutti. Poi, ti unisci al gruppo Facebook per la classe del 2021.

Se ti sei diplomato quest'anno dalle superiori negli Stati Uniti, sei tra le centinaia di migliaia di altre matricole che stanno attraversando il processo di iscrizione. E se fai parte di una minoranza risicata e attentamente selezionata, sei stato ammesso a Harvard. Congratulazioni! A meno che tu non sia uno dei dieci (o più) studenti a cui è stata appena revocata l'ammissione per aver postato meme offensivi su Facebook.

Stando al Harvard Crimson, il giornale ufficiale del college, circa cento studenti appartenenti al gruppo ufficiale Harvard College Class of '21 sono passati in una chat di gruppo privata dove lo scopo è condividere meme. Da lì, un fetta ancora più sottile si è distaccata per dedicarsi a meme "vietati ai minori" che, a questo punto, immagino sia il termine con cui i ragazzini oggi definiscono i contenuti mega razzisti. Per poter entrare nel gruppo "vietato ai minori," — che a un certo punto era intitolato "Harvard memes for horny bourgeois teens" [letteralmente: "Meme di Harvard per adolescenti borghesi arrapati"] — gli studenti dovevano postare qualcosa di abbastanza pesante nella chat di meme principale.

Il Crimson scrive che i meme nel gruppo secondario scherzavano a proposito di argomenti come "violenza sessuale, Olocausto e bambini morti." Un meme in particolare faceva una battuta sul linciaggio di un bambino messicano, chiamandolo "pinata time."

Non è del tutto chiaro come gli amministratori di Harvard siano riusciti a intercettare il gruppo "Harvard memes for horny bourgeois teens," ma, a metà aprile, alcuni partecipanti hanno ricevuto un'email dall'ufficio delle ammissioni. Il Crimson ha ottenuto una copia della suddetta email, che recita: "La Commissione per le ammissioni è rimasta delusa nell'apprendere che diversi studenti iscritti a una chat di gruppo privata per la classe del 2021 fossero impegnati nello scambio di messaggi che contenevano grafiche e testi offensivi. Poiché siamo a conoscenza del fatto che tu sia tra i membri che hanno introdotto tale materiale nella chat, ti chiediamo di inviare una dichiarazione entro domani alle 12 per spiegare il tuo contributo e le tue azioni in vista di una discussione con la Commissione per le ammissioni."

Stando al Crimson, almeno dieci studenti hanno visto annullata la propria iscrizione ad Harvard in conseguenza alla situazione. L'università ha declinato la richiesta di commento sullo "status delle ammissioni dei candidati individuali."

Non è la prima volta che Harvard ha a che fare con gente che condivide meme problematici in una classe di matricole (solo l'anno scorso, gli amministratori hanno ammonito ufficialmente gli studenti della classe del 2020 via Facebook), ma questo è forse il primo caso in cui è stata revocata un'ammissione per dei meme. Il Crimson non fa nomi, probabilmente perché nessuno vuole essere ricordato come il ragazzetto che era quasi andato ad Harvard ma poi invece no, perché si è lasciato scappare la mano coi meme.

Pubblicare contenuti incredibilmente offensivi con il proprio nome in bella vista dimostra forse che non sei abbastanza intelligente per andare a Harvard? C'è un'ironia del tutto speciale nel pensare che niente di tutto ciò sarebbe mai successo se Mark Zuckerberg — studente di Harvard ritirato (nonché ospite d'onore al discorso d'apertura di quest'anno), non avesse creato Facebook? E ora che Harvard sta instaurando regole di condotta sui meme, la revoca dell'ammissione sulla base dello shit-posting diventerà una moda nazionale? Preferisco non pensare alle risposte a queste domande, ma, sfortunatamente, mi sa che basterà poco tempo per scoprirle.