FYI.

This story is over 5 years old.

Foto

La polio e le feste in spiaggia hanno reso David Alan Harvey il fotografo che è

Questo, e la vita quotidiana di un giramondo.
5.9.13

Rio de Janeiro, dal libro (based on a true story).

David Alan Harvey ha scoperto il suo amore per la fotografia da piccolo, ed era abbastanza talentuoso da trasformare questa passione in una carriera. Prima ha ricevuto riconoscimenti per il suo libro in bianco e nero, Tell It Like It Is, autopubblicato, su una famiglia povera del Norfolk, in Virginia. David poi ha viaggiato per il mondo per anni, scattando per National Geographic e ricevendo anche il premio Magazine Photographer of the Year. È diventato membro a tutti gli effetti della Magnum relativamente tardi, nel 1997.

Pubblicità

Da allora, ha continuato a fare foto dappertutto, oltre a promuovere lavori di altri grazie alla sua rivista online e alla sua casa editrice, burn. Il suo nuovo libro, (based on a true story) è un'affascinante storia fotografica che funziona un po’ come un cubo di Rubik in cui le immagini possono essere piazzate in ordini diversi, a seconda di chi le guarda. L’ho incontrato per parlare dei suoi segreti sulla vita e sulla fotografia.

Dal libro di David Divided Soul.

VICE: Ciao David, ho letto che hai iniziato a scattare molto giovane.
David Alan Harvey: Sì. Ho avuto una specie di illuminazione quando ero un bambino. Voglio dire, avevo 11 o 12 anni e ho avuto l’illuminazione. Quindi sì, è stata una fortuna—non solo per la fotografia, ma per la mia vita in generale, no? Avevo qualcosa su cui concentrarmi fin da piccolo, quindi sono stato alla larga dai guai. Anche se, forse, non completamente. [ride]

Ti ricordi cosa ti ha attratto della fotografia all’inizio?
Be’, ho avuto la polio da bambino, quindi a sei anni ero in isolamento in ospedale. Ero veramente in un confino solitario, perché la polio era una malattia molto temuta a quei tempi. L’unica cosa buona era che mia nonna e mia madre mi mandavano libri e riviste da leggere, quella era la mia fuga—libri, riviste, una combinazione di letteratura e immagini. Le immagini erano davvero molto presenti nella mia vita fin da piccolo. A un certo punto ho ricevuto una macchina fotografica—probabilmente come ogni altro bambino—ma mi hanno anche fatto una camera oscura e ho capito che potevo fare qualsiasi cosa con la macchina.

Rio de Janeiro, dal libro (based on a true story).

C’era qualche fotografo in particolare il cui lavoro ti piaceva all’epoca?
In realtà all’inizio guardavo il lavoro di artisti europei. Non ero molto interessato al 99 percento dei fotografi americani, ma mi piaceva molto l’arte europea—gli impressionisti francesi, per esempio, o i pittori italiani e olandesi. Loro mi hanno molto influenzato all’inizio, nel modo di guardare le cose.

Pubblicità

Le persone che mi piacevano erano quelle che riuscivano a fare qualcosa con niente—pittori, scrittori e fotografi. Ho indagato sulla fotografia e ho visto che c’erano fotografi sportivi che avevano bisogno di un olimpionico, fotografi di moda che avevano bisogno di una modella, e fotografi di guerra a cui serviva una guerra. Cartier-Bresson e Robert Frank e Riboud e gli altri—non avevano bisogno di niente; guardavano fuori dalla finestra o uscivano in giardino.

In altre parole, la vita di tutti i giorni era diventata una miniera d’oro per questi artisti, e io ero attratto dal fatto che si potesse prendere qualcosa che stava proprio di fianco a te e trasformarla in arte o comunicazione. Mi piaceva il giornalismo, ma ero sempre interessato alla fotografia. Le fotografie non dovevano comunicare un grande concetto, bastava che fossero.

Come ti è venuto in mente il soggetto perTell It Like It Is?
Ero al college e mi hanno dato un lavoro da fotografo su una spiaggia. Eravamo in sei o sette a fare foto della gente in posizioni plastiche, ed era un modo fantastico di abbronzarsi e incontrare ragazze. Però, ho avuto dei sensi di colpa, perché avevo passato metà dell’estate con questo stile di vita edonistico; mi sembrava di usare la macchina per uno scopo sbagliato. Quindi, sono salito in auto e sono andato a Norfolk, in Virginia, a 25 chilometri di distanza, ma culturalmente dall’altra parte del mondo, perché sono entrato nel ghetto e ho pensato, “devo aiutare questa gente.”

Pubblicità

Volevo mostrare come si stia da quelle parti, perché i bianchi che vivono nel mio quartiere a Virginia Beach non hanno idea di cosa significhi. E, subito, ho incontrato una famiglia e sono rimasto con loro. Dormivo sul loro divano e andavo a scuola col loro bambino. Nessun bambino bianco lo faceva. Non sapevo cosa farmene delle mie foto, ma son riuscito a pubblicare un piccolo libro e lo vendevamo per due dollari, ho preso il denaro e l’ho dato alla chiesa locale per comprare cibo e vestiti per il quartiere. Ce ne sono solo quattro ancora, visto che ne abbiamo buttati via molti quando sono andato all’università. Non avevo idea che un giorno sarebbe diventato qualcosa.

Una pagina di Tell it like it is.

Sei stato nominato come membro della Magnum nel 1993, giusto?
Sì, ero vecchio quando sono entrato alla Magnum. Avevo avuto un po' una storiella con loro quando avevo 30 anni; mi avevano nominato fotografo di riviste dell’anno e ci hanno un po’ provato con me. Ero sposato e con due figli all’epoca, e lei—come la maggior parte delle mogli—era più pragmatica di me, quindi mi ha invitato a non pensarci troppo, perché vedeva che avevo due tipi di lavori in corso. Avevo un lavoro fisso da National Geographic, che è l’unica rivista di foto che ti manda via per intere settimane. Quindi mi ha convinto a rimanere a National Geographic. Magnum non le sembrava un buon modo per sopravvivere, e le ho dato ragione.

Pubblicità

Ma poi, il tempo passava e mi ha sempre pesato che National Geographic fosse la mia unica occupazione. Non voglio screditare National Geographic perché fanno quello che fanno, e lo fanno benissimo, ma sapevo di non dare il meglio del mio potenziale lavorando solo per loro. Quindi, avevo un lavoro fisso al Geographic e sono entrato nella mia decima crisi di mezza età, ho divorziato e lascito il National Geographic allo stesso tempo.

Ti ha dato nuove prospettive, alla fine?
Sì, ho fatto il pieno di energia. Sono andato in Cile e ho iniziato a lavorare. Poi sono andato a Oaxaca e ho iniziato a mettere insieme il lavoro che poi è diventato il libro Divided Soul. Credo di essere stato nominato membro Magnum nel 1993, cinque anni dopo aver lasciato il National Geographic.

Sono andato in Vietnam, sono andato a Cuba, sono andato dai nemici degli Stati Uniti, in Libia, in ogni posto in cui non avevamo un’ambasciata e facevo un sacco di cose in giro per il mondo. Magnum mi ha aiutato molto, perché mi dava un senso di indipendenza e di riconoscimento.

Rio de Janeiro, dal libro (based on a true story).

Il tuo assistente mi ha mandato una bellissima copia di (based on a true story) e mi è piaciuto molto. Sembra che un sacco dei tuoi lavori riguardino la cultura spagnola.
Sì, be’, la cultura spagnola ne è sicuramente una parte. È la migrazione della Penisola Iberica nelle Americhe, passando per l’Africa dell’Ovest. Quindi ti relazioni a quattro culture: Spagna, Portogallo, Africa dell’Ovest e gli indigeni che vivevano in America per primi. È stata un’avventura di 25 anni in cui ho viaggiato per le Americhe, e poi lungo la penisola iberica e l’Africa dell’Ovest.

Pubblicità

Abbiamo lavorato un sacco, non ci siamo risparmiati nemmeno nella sua creazione fisica, perché non era facile da mettere insieme. Sono sempre stato interessato alla produzione di oggetti artistici e artigianali. Se non fossi un fotografo, sarei probabilmente un artigiano o qualcosa del genere. Mi è piaciuta la parte fisica del lavoro. Ora, credo che firmato il libro valga—be’ non vale niente se lo porti al supermercato. Sul mercato dell'arte, credo di averne venduto uno per 1.200 dollari l’altro giorno—davvero costoso.

Per curiosità, come ci sente?
Ci si sente benissimo, perché proprio non sono un imprenditore. Mi sono sentito bene a fare qualcosa da solo; non avevo una grande rivista dietro, non avevo grosse aziende, c’ero solo io. E non ci siamo risparmiati nella costruzione. Non abbiamo fatto alcun compromesso, come molti editori devono fare. Non me ne fregava nulla dei soldi, perché il profitto che ho tratto da quella vendita è andato tutto per regalare l’altro. Vedi, mentre preparavo questo, abbiamo stampato un’altra versione del libro sulla stessa carta ma senza alcuni dei fronzoli e lo abbiamo regalato. Sono appena tornato da Rio, dove abbiamo regalato 2.500 copie del libro nel posto in cui è stato scattato—nelle favele di Rio.

È divertente—davvero divertente. Ho imparato un modo completamente nuovo di pensare ai progetti che voglio fare in futuro e mi ha dato un vero senso di indipendenza—non supportato dai soldi, solo dalla volontà, capisci?

Dal libro di David Divided Soul.

Cosa hai pensato per il futuro?
Lavoro molto con altre persone. Questa è un’altra cosa importante. Mi spacco il culo da solo—mi prendo cura di David Alan Harey, ma passo un sacco di tempo a lavorare con altri fotografi. Passo un sacco di tempo a insegnare e ho sempre qualche workshop attivo.

Pubblicità

È davvero encomiabile che tu—da persona che ha lavorato per tanto tempo e potrebbe tranquillamente fermarsi e rilassarsi—abbia assunto questo ruolo di curatore, editore e mentore.
Sì, sono impegnato. È divertente—in realtà ho sempre fatto questa cosa del mentore. Ho iniziato a insegnare fotografia quando ero uno studente, quando avevo 22 anni—l’ho sempre fatto. Mi sono sempre sentito fortunato o benedetto che le cose andassero bene per me. Ho lavorato duro e me lo son meritato, ma anche se ti meriti qualcosa, ci vuole fortuna che un autobus non ti investa o qualcosa del genere. Mi sono sempre sentito fortunato, quindi mi dicevo, no, perché non cercare di passare quello che so agli altri?

Be’, hai un buon karma dalla tua parte.
La gente a cui insegni ti dà energia. È davvero bello allontanarsi da sè un po’. Sai, ti concentri sulle tue cose, e poi è veramente facile consumarsi, per modo di dire. In questo modo impari la mano di nuovi fotografi e ti entusiasmi per i loro lavori. È stimolante già di per sé. Poi puoi staccare e andare a fare le tue cose. Poi, non ne puoi più di te stesso, cosa che mi succede spesso, e puoi concentrarti su qualcun altro. Non ti consumi.

Certo. Non c’è niente che mi ispiri più di guardare il lavoro di un altro fotografo.
Assolutamente. Alcuni fotografi mi chiedevano, “Perché lo regali?” Io non la vedo così. Mi sento sicuro di quel che so fare. Ero sempre bravo al college e al liceo e ho avuto un lavoro al giornale subito dopo il college—non ho mai avuto la sensazione di aver bisogno di andare a competere con qualcuno. Così sono sempre riuscito a raccogliere un sacco di energia dalle altre persone.

Pubblicità

La vita dipende da come la vedi. È tutta questione di atteggiamento e di filosofia, più che di realtà, perché la realtà di ciascuno di noi è simile, ma tutti abbiamo problemi o vantaggi. Quindi, ho sempre lavorato con i miei compagni e ho detto loro come la pensavo. Quella era la mia priorità—l’ho fatto per tutta la vita.

Date un occhio alle pagine successive per altre foto di David Alan Harvey.

Una pagina di Tell it like it is.

Rio de Janeiro, dal libro (based on a true story).

Dal libro di David Divided Soul.

Rio de Janeiro, dal libro (based on a true story).

Rio de Janeiro, dal libro (based on a true story).

Dal libro di David Divided Soul.

Rio de Janeiro, dal libro (based on a true story).

Da Tell it like it is.

Segui Christian su Twitter: @christianstorm

Altri fotografi che ci piacciono

Il re della strada

Chris Steele-Perkins non riesce a smettere di fotografare l'Inghilterra