Ho provato ad allenarmi come Putin per una settimana

Pesi, equitazione, nuotate nel laghetto ghiacciato e bistecche: ho provato ad allenarmi seguendo il metodo di Putin per capire cosa sarebbe stato di me, e sono sopravvissuta per raccontarlo.
4.12.15

Foto di Olly Day

Non farò finta che non sia così e non indorerò la pillola: sono pigra. Sono pigra e golosa e con me le diete non funzionano mai perché sono troppo pigra e troppo golosa per pensare seriamente di mettermi a fare palestra o di smettere di mangiare le cose che mi piacciono. Fidatevi, ci ho provato: ho provato tutti gli esercizi che riuscite a immaginare e ogni sorta di dieta miracolosa, dalle più conosciute a quelle a base di uva e frullati di cavolo.

O almeno pensavo di aver provato tutto, finché non mi sono imbattuta in un video che ho capito subito avere il potenziale di cambiarmi la vita. Mostrava Vladimir Putin e Dmitri Medvedev, rispettivamente il Presidente e il Primo Ministro della Russia, che facevano palestra insieme—sollevavano pesi, completavano una dopo l'altra sessioni sui vari macchinari, mangiavano bistecca a colazione e in generale si comportavano come due veri maschi alfa.

Da quando il video ha cominciato a girare su internet è persino comparso un account Instagram in suo onore, "Putinspiration," e le riviste specialistiche hanno pubblicato articoli su ogni aspetto dell'argomento, dalla vera efficacia del regime di allenamento del Presidente russo al costo esagerato della tenuta che usa per allenarsi.

Visto che in vita mia ho provato praticamente tutti i DVD di workout delle celebrità disponibili sul mercato e li ho trovati tutti terribili, ho pensato di dare una possibilità a Putin e di allenarmi come lui per una settimana. Ero pronta a un'esperienza del tutto priva di gioia, piena di duro lavoro e di inespressività. Niente musica, niente atmosfere particolari. Solo allenamento duro e bistecche.

Lunedì

Dato che per ovvi motivi preferisco non mostrarmi in topless in pubblico, non sono potuta rimanere a torso nudo come ha spesso fatto Putin in passato. Invece, ho optato per una maglietta bianca infilata nei pantaloni della tuta grigi, il look utilizzato dal Presidente russo nel famoso video dei suoi allenamenti.

Da quello che sono riuscita a capire guardando e riguardando quel video, in sostanza il regime di allenamento di Putin consiste nel sollevare pesi senza alcuna espressione facciale per un tempo piuttosto lungo. Perciò l'ho fatto anch'io, finché le vene sulla mia fronte non sono diventate visibili e non ho iniziato a sentirmi rimbombare il cuore nelle orecchie.

Quando sono tornata a casa ho mangiato una bistecca, proprio come avevo visto nel video. All'inizio ho scartato il grasso, ma poi ho deciso di mangiare anche quello pensando fosse una cosa da Putin: politica estera aggressiva, dichiarazioni nonsense e zero scarti di cibo nel piatto.

Ci ho messo diverse ore a digerire, poi.

Foto di Daniel Lewis

Martedì

Dopo aver provato la palestra, ho preso mezza giornata di ferie per andare a fare equitazione. Su internet girano così tante foto di Putin a cavallo che ho pensato fosse uno dei suoi modi preferiti per fare attività fisica. Quando sono entrata nelle scuderie mi sono sentita un po' fuori luogo. Non è il genere di posto in cui vai vestita in modo sportivo; è più un ritrovo per gente che può permettersi di pagare una manicure settimanale al proprio cane.

La cavalcata tutto sommato è andata bene: è un ottimo esercizio per le cosce, ma non si può dire lo stesso per la zona genitale. Ho pensato a come affronti Putin tutto ciò, ma poi mi sono ricordata che deve la sua fama all'essere un duro a capo di uno stato che occupa un ottavo della superficie terrestre, per cui probabilmente non ha tempo per preoccuparsi di un dolorino ai testicoli.

Per cena ho mangiato di nuovo una bistecca.

Mercoledì

Mercoledì pomeriggio ho preso l'autobus per andare a lezione di judo, che com'è noto è un altro dei passatempi preferiti di Putin. Mentre ci andavo ho preso un gelato al pistacchio—uno dei gusti preferiti di Putin, a quanto pare. È stato una piacevole variazione nella dieta a base di bistecche che seguivo da due giorni.

Arrivata in palestra sono stata accolta da Sensei Dave. Era un uomo tutto d'un pezzo, che in qualche modo riusciva ad essere insieme duro e pacato. Ho fatto lezione in coppia con il suo secondo, l'unico altro adulto in un gruppo di bambini di 10 anni. Sull'autobus mi ero guardata "Let's Learn Judo with Vladimir Putin", per cui ero psicologicamente preparata, ma avevo mangiato così tanto gelato al pistacchio che persino cambiarmi prima di iniziare mi provocava delle fitte.

"Devo infilarmi la maglietta nei pantaloni?" ho chiesto ansimando. "No," mi ha abbaiato Dave. Ho obbedito a tutti i suoi ordini come non ho mai obbedito a nessuno in vita mia, per il semplice motivo che mi terrorizzava. Aveva muscoli di cui ignoravo addirittura l'esistenza.

Subito dopo è iniziata l'altalena. Il gelato aveva preso vita nel mio stomaco. Ero terrorizzata. Avrei avuto qualche possibilità di uscire indenne da quella palestra subito dopo aver vomitato su un gruppo di ragazzini? Probabilmente no. Per fortuna, la lezione è finita prima che potessi scoprirlo.

Osservando i muscoli delle braccia e del collo di Sensei Dave ho capito perché a Putin piaccia così tanto il judo. Il judo ti fa diventare enorme, una qualità che può tornarti utile se all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite le cose tra te, Obama e Hollande si mettono male.

Giovedì

Giovedì mattina, come tutte le mattine da lunedì a quella parte, sono tornata in palestra per farmi torturare ancora un po' le braccia. Anche questa volta ho cercato di resistere il più a lungo possibile, finché le mie braccia non hanno ceduto e sono corsa a casa per la mia bistecca mattutina.

A questo punto, la bistecca era forse la cosa più difficile dell'intera esperienza. Dato che stavo giocando a essere Putin ma avevo un budget limitato, i miei pasti erano tutti piuttosto tristi. Tutto questo senza considerare che a quanto ne so mangiare troppa carne rossa non è proprio il migliore dei metodi per stare in salute. Cercando disperatamente un'alternativa, ho letto su una fanpage non proprio ufficiale che Putin è un grande amante del merluzzo dell'Antartico.

Dopo una breve ricerca su Google, mi è sorto il dubbio che mangiare questo pesce non fosse proprio legale. Nemmeno il ragazzo della pescheria vicino a casa lo sapeva, né del resto aveva modo di vendermelo. Per cui non ho potuto far altro che tornare alle bistecche.

Venerdì

E così è arrivato venerdì, detto anche "il giorno delle gambe" dalle persone che associano i giorni della settimana alle parti del loro corpo che alleneranno in palestra. Ovviamente non appartenevo alla categoria: per me venerdì era solo un altro giorno delle braccia, il quinto. I miei bicipiti mi odiavano cinque volte più di quanto avrebbero potuto odiarmi normalmente. E io ero decisamente stufa.

Le mie braccia non riuscivano più a svolgere le loro funzioni primarie. A un certo punto venerdì pomeriggio, durante una riunione, ho fatto fatica a sollevare una penna.

Sabato

Ho perso il fiato non appena mi sono immersa nello stagno di Hampstead Heat, e non mi sono ripresa del tutto fino a che non sono riuscita a scongelarmi sull'erba mezz'ora dopo. C'era solo un'altra persona con me—una donna che nuotava tranquillamente nell'acqua torbida facendomi sembrare una viziatella. A un certo punto è persino riuscita a dirmi sorridendo: "Ehi, abbiamo lo stesso costume!" Non ho potuto risponderle, perché ero troppo concentrata ad annaspare e agitare le braccia nel tentativo di stare a galla.

Come testimonia la foto che mi sono messa sul comodino, accanto al letto, lo stile preferito di Putin è la farfalla. Ovviamente è quello più competitivo e da maschio alfa, ma è anche il meno adatto, se sei immersa in un lago ghiacciato e le tue braccia sono ridotte a rami secchi a causa dell'allenamento.

Quando sei così debole, è impossibile dissimulare queste difficoltà. Puoi anche sorridere con fare rassicurante al bagnino, ma a un certo punto ti costringerà a uscire per avergli reso il lavoro troppo stressante.

Domenica

Guardando il video che mi ha ispirata, ho notato che a un certo punto Putin dà una pacca sulla schiena a Medvedev, quasi a incoraggiarlo. Così, per quello che immagino sia stato l'ultimo "giorno delle braccia" della mia vita, ho passato svariati minuti intorno ai pesi in attesa di potermi complimentare con qualche omone sudaticcio.

"Ottimo lavoro!" ho urlato. Nessuno si è accorto di me.

La settimana è stata piena di alti e bassi—soprattutto bassi. Allenarsi come Putin è davvero poco gratificante e utile: i bicipiti sono cresciuti di soli due millimetri in sette giorni. Che tristezza. Non sono nemmeno sicura che questo aumento di massa sia dovuto ai muscoli, perché forse è stato merito del grasso. Dall'altra parte, il cibo che ho ingurgitato non si è nemmeno trasformato in chili in più. In pratica, ho nuotato in un lago ghiacciato per niente.

Spero che Putin non legga mai questo articolo :(.

Segui Pascale Day su Twitter

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: