Stuff

Come fare dei sogni lucidi che soddisfino le tue fantasie più nascoste

Quando la mia amica Christina mi ha detto che stava facendo pratica coi sogni lucidi per poter fare sesso con Kurt Cobain ho pensato fosse matta. Eppure, i sogni lucidi sembrano portare a esperienze sessuali intense.
06 maggio 2016, 8:52am
Illustrazione di Aparna Sarkar.

Quando la mia amica Christina mi ha detto che stava facendo pratica coi sogni lucidi per poter fare sesso con Kurt Cobain ho pensato fosse matta. Christina è sempre stata matta in un modo affascinante e tutto suo, ma questo andava oltre ogni limite. Premetto che sono un tantino scettica sulla meditazione trascendentale, come lo sono sulla ipnoterapia, quindi la capacità di poter controllare i propri sogni e contemporaneamente riuscire a visualizzare un incontro sessuale con Kurt Cobain mi sembrava impossibile.

Ma Christina ci credeva davvero. Stava attraversando un periodo di pseudo-insonnia, e si stava attrezzando per inserire i sogni lucidi nella sua routine. Ha letto libri. Guardato video su YouTube. Si è calata nel mondo di chi crede che lo spazio tra la coscienza e i sogni sia talmente sottile da poter essere varcato continuamente. E la sua strategia ha funzionato.

"Mi sono dovuta allenare un sacco per il sogno con Kurt [Cobain]," mi ha detto Christina. "Alla fine è diventato ricorrente, e ogni volta si aggiungevano sempre più dettagli. Mi ci avvicinavo ogni volta di più. Ero sempre più cosciente del fatto che stessi sognando e fossi in grado di controllare tutto quello che accadeva."

"[Il sogno_] inizia così: sono a un concerto, in un locale minuscolo e sudicio," mi ha raccontato. "Mi ci hanno portata degli amici che nella vita reale non conosco. Sono giovane, avrò vent'anni. Incontro Kurt al bancone. I Nirvana non sono ancora famosi, quindi non conosco la band che sta per suonare né ho idea di chi sia lui. Mi dice che sta per esibirsi e mi consiglia di rimanere ad ascoltarlo. Resto, e loro iniziano a suonare canzoni da _Bleach. Subito dopo mi chiede se mi va di bere un bicchiere di whiskey sul furgone della band mentre gli altri smontano gli strumenti. Si offre di riaccompagnarmi a casa, ma ci sbronziamo e finiamo a casa sua. Rimaniamo svegli tutta la notte a bere e fare sesso, poi è mattina e mi preparo di fretta per andare dritta a lavoro."

Robbert Waggoner—scrittore, oratore e sognatore lucido—è il presidente dell'International Association for the Study of Dreams (IASD) e ha sogni luci sin dai tempi del liceo. Nel 1975 lesse le memorie di Carlos Castaneda e si fissò su una specifica parte: quella in cui il narratore suggerisce di visualizzare le proprie mani durante i sogni, in modo da essere consapevoli di star sognando. Waggoner rimase spiazzato; voleva capire cosa si provava a essere lucidi mentre si sogna. Quindi iniziò a emulare la tecnica del libro: ogni sera, prima di andare a letto, fissava le sue mani, pensando, "Stanotte visualizzerò le mie mani mentre sogno e capirò che sto sognando."

Dopo qualche notte, è successo.

Nonostante uno psichiatra olandese abbia coniato il termine nel 1913, i sogni lucidi non sono diventati un tema di discussione nella comunità della psicanalisi fino agli anni Sessanta-Settanta, quando la psicologa e scrittrice inglese Celia Green li ha legati alla prima fase del sonno—la fase REM. Mentre molti ricercatori dubitavano che i sogni lucidi fossero qualcosa di più di "brevi momenti di risveglio," alcuni studi di fine anni Settanta e Ottanta si sono focalizzati sulle caratteristiche specifiche dei sogni lucidi utilizzando l'elettroencefalogramma, così da misurare l'attività cerebrale tramite elettrodi non invasivi posti sul cuoio capelluto. L'attività sessuale era un elemento ricorrente. In uno studio del 1983, nel momento in cui il soggetto diventava lucidamente cosciente, doveva segnalare, tramite dei movimenti specifici degli occhi, quando capiva di star sognando, quando iniziava a succedere qualcosa di erotico e quando aveva un orgasmo.

"Venere dormiente" di Giorgione, 1510. Immagine via

Wikimedia Commons

"La cosa stupefacente di questi studi—oltre a mostrare come appare il cervello durante un sogno lucido—è che hanno confermato tutto quello che i sognatori lucidi hanno sempre detto: sono consapevoli di essere in uno stato di sogno, di poter decidere delle loro azioni, e hanno la capacità di focalizzare i loro obiettivi o intenti per cercare di portarli a termine ed esplorare questo stato," spiega Waggoner.

Secondo alcune statistiche risalenti al 1988, la maggior parte delle persone ha un sogno lucido almeno una volta nella vita, ma solo il 20 percento è in grado di raggiungere lo "stato ibrido di coscienza" una volta al mese o più. Uno studio pubblicato nel 2014 sulla rivista Dreaming suggerisce che i sognatori lucidi abbiano, inoltre, delle capacità maggiori di creare connessioni tra vari argomenti e siano più intuitivi rispetto agli altri.

"Direi che tre persone su quattro riescono ad avere un sogno lucido," spiega Waggoner riflettendo sulle sue esperienze (anche se potrebbe essere di parte, visto che lavora con persone aperte alla pratica). "Ma per essere un buon sognatore lucido, bisogna essere devoti alla causa."

Come per la maggior parte di questo tipo di attività, spesso la dedizione deriva dal livello di eccitazione. Sul sito World of Lucid Dreaming, c'è un'intera sezione dedicata a come imparare a fare sesso nei sogni lucidi. "Avere il controllo dei sogni significa essere in grado di soddisfare le vostre fantasie più recondite, il più delle volte altrettanto tangibili e vivide quanto nella vita reale," scrive la creatrice e autrice del sito, Rebecca Turner. "Il sesso e il volo sono due delle azioni più attraenti del controllo dei sogni."

In altre parole, è una cosetta che le persone vogliono imparare a fare per finire a letto con Emma Stone o Kurt Cobain. Ma come raggiungere questo obiettivo è un altro discorso. Molte teorie sul sesso nei sogni lucidi si riducono allo stesso concetto: il sogno lucido non si basa sul sesso, ma sui legami emotivi con la figura che si sogna. Esiste una teoria che spiega perché, quando ti ci avvicini, quell'avvenente donna del sogno si trasforma improvvisamente in tuo zio: sono i tuoi limiti mentali. La fantasia sta nel rapporto, nel legame.

"Se hai degli interessi sessuali, puoi coltivarli e avere esperienze molto intense," spiega Waggoner. "Perché in un sogno lucido molti dei sensi sono simili a quelli della vita reale e della realtà fisica. Il senso del tatto è simile, se non superiore; il senso della vista è acuto. Col loro potenzialmento, l'esperienza sessuale può rivelarsi stupenda. Tuttavia, quando le persone arrivano all'orgasmo, sono talmente investite dalle sensazioni che si risvegliano subito. Si tratta di una sorta di interruttore."

"Non mi ricordo molto delle nostre conversazioni," mi ha detto Christina riguardo i suoi sogni su Cobain. "Ricordo ancora quando mi ha rivolto la parola mentre eravamo in coda per la birra, perché le nostre facce erano vicinissime. Sentivo il suo respiro. Mi ha sfiorato il collo e mi ha fatto venire i brividi. Questa è stata la sensazione più reale che abbia provato, nonostante ero consapevole che stessi sognando. Quando ci ripenso, mi sembra incredibile."

Segui Mish Barber-Way su Twitter

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: