Cosa succede quando è una donna a stuprare un'altra donna

Di solito quando si pensa a uno stupro si dà per scontato che il responsabile sia un uomo e la vittima una donna. Invece, ci sono casi di donne sono vittima di abusi da parte di altre donne, è solo che raramente denunciano i fatti.

|
apr 20 2016, 4:31am

Foto di Jenna Carver. Questo articolo è comparso originariamente su Broadly.

Al suo risveglio, Cassandra Perry era circondata da persone profondamente addormentate. Terrorizzata all'idea di fare rumore, aveva camminato in punta di piedi tra i corpi alla ricerca delle sue cose, e aveva rubato un paio di infradito perché non trovava le scarpe. L'ultima cosa che ricordava della notte prima era un uomo che le diceva che non avrebbe usato profilattici e le mani di una donna che le aprivano le gambe. Quella notte, due persone avevano avuto un rapporto non consensuale con Perry—aveva sempre pensato allo stupro come all'azione di un uomo su una donna, ma in quel caso a prendere l'iniziativa era stata un'altra donna.

Lo stesso vale per Sophie*, costretta ad avere rapporti nel corso di una relazione violenta; e per Emma*, aggredita da due donne a 22 anni. Le loro storie appartengono a una sezione poco documentata della narrativa degli abusi sessuali, una sezione fatta di esperienze svalutate e screditate. Se le statistiche riportano dati variabili, secondo i CDC, i centri americani per la prevenzione e consultori, circa una donna americana su cinque nel corso della vita si troverà ad affrontare una violenza sessuale o una tentata violenza. Secondo un report del 2013 del Dipartimento di giustizia, spesso i responsabili sono maschi. Ma cosa succede quando l'abuso non rientra nelle casistiche che ci aspetteremmo?

Jennifer Marsh, vicepresidente del consultorio per le vittime del Rape Abuse and Incest National Network (RAINN) ha detto che anche se non sono comuni quanto quelle di uomini violenti, le storie di donne che abusano di altre donne sono frequenti, e richieste di aiuto telefoniche arrivano tutti i giorni al loro centralino. "È un crimine in cui il genere, nella percezione comune, fa tanto," mi dice al telefono Marsh. "Spesso per noi i responsabili sono gli uomini, non ci fermiamo nemmeno a pensare."

Per questo, allo staff del RAINN è stato insegnato a non fare supposizioni sul genere dell'aggressore quando rispondono alle chiamate. "Sul nostro numero verde usiamo i pronomi neutri," dice Marsh, aggiungendo che purtroppo non è la norma. "Tutti [di solito] usano i pronomi femminili quando parlano della vittima e maschili quando parlano dell'aggressore. Noi cerchiamo di non farlo."

La decisione di RAINN di usare i pronomi neutri nasce dal desiderio di far sentire tutte le vittime accolte. "Non c'è niente di più alienante per una vittima, che si sentirà fuori luogo," dice Marsh. "Dicono 'nessuno mi capisce, è successo solo a me, mi sento così sola.' E il fatto che le persone che dovrebbero aiutarti abbiano dei preconcetti sul sesso dell'aggressore peggiora la situazione."

Per molte donne vittime di violenza da parte di altre donne, il fatto che ci siano poche storie simili rende difficile identificare la loro esperienza. Liza, 48 anni, ne aveva 11 quando ha subito le molestie di una cugina. Come molte altre ragazze, era disorientata. "Non pensavo nemmeno fosse possibile," mi ha detto Liza. "Non avevo nemmeno le parole per parlarne."

A quanto ne sapeva Liza, i responsabili di una violenza sessuale dovevano essere forti, sconosciuti e maschi—non giovani, parenti e femmine. Le molestie che le sono state fatte non avevano niente di "normale" o "credibile" e l'assenza di informazioni, esempi e sostegno post-traumatico hanno fatto sì che Liza non fosse in grado di affrontare razionalmente un'esperienza che ha avuto un impatto duraturo sulla sua vita.

Essere una donna molestata da un'altra donna crea una serie di "barriere specifiche," dice Laura Palumbo, direttore della comunicazione per il National Sexual Violence Resource Center. "Quando parliamo di cura per le vittime [di abusi eterosessuali], in qualche modo possiamo portare l'esperienza di altre vittime che sono sopravvissute." Ma, dice Palumbo, le donne vittime di abusi di altre donne di solito non hanno la stessa sicurezza. Secondo lei, "le vittime di aggressioni non-eterosessuali non hanno accesso a trattamenti di sostegno, non sentono il sostegno dell'opinione pubblica e non hanno spazi in cui parlare della loro esperienza."

Angela Esquivel, consulente e fondatore di As One Project, organizzazione di sostegno alle vittime, concorda. "Tutti pensano che se sono due donne, be', ovviamente si amano e hanno a cuore il benessere della partner e tutto," dice, "ma non è così."

Spiega che il potere e l'autorità non hanno nulla a che fare con il genere. "Ci sono donne che hanno gli stessi problemi con il potere e il controllo che hanno gli uomini," dice, aggiungendo che, "le coppie omosessuali non sono immuni a quegli squilibri o abusi di potere nella relazione."

I dati raccolti dai CDC sembrano confermare queste osservazioni, ma mentre i dati di questo tipo riguardano donne lesbiche, le vittime femmine di abusi omosessuali possono essere di ogni orientamento, e queste stime non riportano il numero di donne etero aggredite da altre donne, vittime di uno stupro occasionale o altri tipi di aggressione che esulino dagli schemi classici.

"Durante la mia carriera di avvocato, ho sentito moltissime storie di donne e ragazze molestate da altre donne, da casi di date rape a abusi durante l'infanzia a sfruttatrici della prostituzione e adescatrici che sfruttano le giovani donne per soldi," dice Brooke Axtell, direttore della comunicazione e del sostegno alle vittime per Allies Against Slavery e fondatrice di Survivor Healing Empowerment.

Secondo Axtell le responsabili di aggressioni hanno meno probabilità di essere classificate come una "minaccia", e questo è un risultato del modo in cui, culturalmente, consideriamo la violenza sessuale. Perciò i numeri e l'impatto delle molestie non-eterosessuali sono stati "artificiosamente sottovalutati," mentre "la violenza delle donne su altre donne non è meno grave." In effetti, dice, "può creare ancora più confusione e disorientamento perché non rientra nell'immaginario comune di abuso sessuale."

Le statistiche non dicono quante donne si siano rifiutate di denunciare i fatti. Secondo un report del Bureau of Justice Satitistics (BJS), le donne avrebbero denunciato solo il 34 percento dei tentati stupri, il 36 percento degli stupri effettivi e il 26 percento delle molestie sessuali tra il 1992 e il 2000. La ragione per cui le donne non denunciano i fatti sono varie, ma secondo Sophie*, vittima di stupro da parte di una donna, la decisione dipende dalla paura che una denuncia metta alla berlina l'intera comunità LGBT.

Sophie, aggredita da una donna transessuale, temeva che rendere pubblica la propria storia avrebbe significato far cominciare spiacevoli discorsi sull'identità di genere della responsabile, piuttosto che sulla violenza in sé. "Temevo la transfobia, e temevo di sollevarne un'ondata—cosa che non avrebbe giovato in alcun modo," dice Sophie. Perciò, Sophie è rimasta in silenzio. Parlare delle molestie subite è già abbastanza difficile, ma temere che la propria testimonianza possa mettere a rischio la reputazione di una comunità già ghettizzata crea un ulteriore ostacolo che rende ancora più difficile richiedere l'aiuto di cui si ha bisogno dopo un evento così traumatico.

C'è qualcosa che può rendere l'elaborazione di un abuso meno dolorosa? Quando le chiedo che cosa avrebbe potuto farla stare meglio, Cassandra Perry mi dice che la lotta per dare un nome e quindi affrontare la sua storia nasconde una questione più ampia: "Finché non avremo un lessico che ci permetta di parlare di queste cose, di descrivere quello che ci è successo, quello che è successo alle altre, non riusciremo a capirlo fino in fondo."

*I nomi sono stati cambiati.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia:

Altro da VICE
Vice Channels