La comunità di Detroit che ha costruito una rete internet fai-da-te

Ignorati dalle grandi aziende, questi cittadini stanno costruendo un network con le loro stesse mani.
20.11.17

Non avere possibilità di accedere a internet è un problema che pensiamo spesso solo il relazione alle parti rurali di un Paese come gli Stati Uniti. Ma anche in alcune delle più grandi città americane, una parte significativa della popolazione non è mai online.

Prendete Detroit, dove il 40 percento della popolazione non ha accesso a internet — di qualsiasi tipo, non solo quello veloce — nella propria casa, stando alla Federal Communications Commision. Il 70 percento dei bambini in età scolare nella città rientra in questo gruppo. Detroit soffre di uno dei più gravi divari digitali dell’intero Paese, sostiene la FCC.

Pubblicità

“Se pensiamo a tutti i modi in cui internet condiziona la nostra vita e a come il 40 percento delle persone a Detroit non abbiano accesso alla rete, comincia a capire perché Detroit sia bloccata in questa disparità economica da così tanto tempo,” mi ha detto Diana Nucera, direttrice del Detroit Community Technology Project, quando sono andata a trovarla nel suo ufficio.

Nucera fa parte di un gruppo crescente di abitanti di Detroit che ha dato inizio a un movimento dal basso per chiudere il divario, costruendosi internet da soli. È una coalizione di membri della comunità e diverse no-profit di Detroit. Stanno cominciando dai tre quartieri meno forniti, installando connessioni a internet veloci che irradiano da antenne poste sulla cima dell’edificio più alto della strada e arrivano nelle case delle persone che vivono senza da troppo tempo. L’hanno chiamata la Equitable Internet Initiative.

Image: Lara Heintz

Il problema non sono solo i costi, per quanto siano effettivamente proibitivi per molti abitanti di Detroit, ma anche le infrastrutture. Per via dei guai economici della città, molte grandi aziende di telecomunicazioni non hanno mai ritenuto abbastanza vantaggioso investire nell’ampliamento della rete per raggiungere queste comunità, mi ha detto Nucera. La città è piena di cavi scuri per la fibra ottica che non sono connessi né a case, né a uffici — reliquie risalenti a giorni più ottimisti.

Pubblicità

I residenti che non posso permettersi internet, che affidamento su una sorta di sussidio federale o cittadino come i buoni pasto, e gli studenti hanno la priorità per l’iniziativa, mi ha detto Nucera. Il progetto ha avuto inizio l’estate scorsa, quando sono state create liste di amministratori, residenti in ognuno dei quartieri che fossero interessati a lavorare per la coalizione no-profit, ricoprendo qualsiasi mansione, dal diffondere la voce, al promuovere l’alfabetizzazione digitale, all’installare router e stendere fibra.

Immagine: Lara Heintz

Molti di loro hanno iniziato senza una vera preparazione tecnica, ma dopo un periodo di training di 20 settimane sono diventati capaci di installare, dignosticare problemi e mantenere un network. Stanno anche cercando di aumentare la consapevolezza delle persone a riguardo, affinché possano padroneggiare la rete.

"Vogliamo assicurarci che non stiamo soltanto installando l'hardware necessario, ma anche educando la community," ha detto Rita Ramirez, una delle assistenti che lavorano al progetto nel quartiere a sud-ovest di Detroit.

Una delle componenti che il gruppo è particolarmente felice di costruire è l'intranet che risulterà dalla connessione di molte abitazioni (circa 50 per ogni quartiere) che condividono la connessione wireless. Stanno incoraggiando i residenti a utilizzare l'intranet e a costruire tool condivisi come un forum e un network di comunicazione completamente localizzato, e sicuro.

In una città che sta uscendo da un decennio di crisi economica, internet non può ancora essere un lusso per ricchi. La rinascita di Detroit non ci sarà finché tutti non avranno accesso a quanto necessario per lavoro, educazione, salute e comunicazione. Tutta Detroit (o almeno il 60 percento) ha bisogno di avere accesso a internet, e la struttura fornita attualmente dai grossi provider non è stata utile.

"La comunicazione è un diritto umano fondamentale," ha detto Nucera. "Questa si chiama giustizia digitale."