Negli USA sono morti sei svapatori. Dovresti smettere con le sigarette elettroniche?

Negli Stati Uniti, la morte di sei persone è stata legata allo svapo: abbiamo chiesto a degli esperti se dobbiamo iniziare a preoccuparci, e forse dovremmo.
11.9.19
svapo
Foto via Gender Spectrum Collection.

Una settimana fa, il Public Health Service statunitense ha fissato a cinque il numero di persone decedute in seguito a un'ancora misteriosa malattia polmonare legata allo svapo. Martedì, in Kansas, è stata registrata una sesta vittima, e sono circa 450 i casi di malattie potenzialmente associate all'uso di sigarette elettroniche registrate nelle strutture ospedaliere di oltre 30 stati americani. I ricoverati sono per lo più giovani e senza precedenti complicazioni, e i sintomi includono febbre, nausea, dolore toracico, mancanza di respiro e tosse. Tutti avevano utilizzato sigarette elettroniche—per il consumo di erba, nicotina o entrambe—nei novanta giorni precedenti al ricovero.

I casi rappresentano una piccola percentuale degli svapatori, ma la malattia—che sembra polmonite virale o batterica, ma non lo è—ha messo in allarme molti. (In un editoriale del New England Journal of Medicine si afferma che siamo di fronte “a un'epidemia che richiede risposte urgente" e che i medici "dovrebbero scoraggiare i loro pazienti dallo svapare.") I medici hanno riferito di "gravi lesioni polmonari" e, per quanto riguarda la morte in un paziente anziano, di un "lungo e complicato ricovero in ospedale." Come raccontato dal Washington Post, un paziente è passato dalla nausea a "un passo dalla morte" nel giro di due giorni—sei settimane dopo aver lasciato l'ospedale, il 20enne ha ancora una ridotta la capacità polmonare e problemi con la memoria a breve termine. I medici non sono sicuri se si riprenderà mai del tutto.

Anche se esistono ricerche che descrivono il disturbo polmonare acuto legato allo svapo, la causa esatta rimane poco chiara. Non è stata ricondotta a un prodotto o dispositivo specifico; e gli studiosi non sono sicuri che si tratti di un nuovo fenomeno o di qualcosa di cui si sta prendendo solo adesso coscienza—anche se i i dettagli sembrano ricondurre alla prima ipotesi.

Quindi: da fumatore, come puoi sapere se stai svapando in modo consapevole? Lo abbiamo chiesto a degli esperti.

Sono al sicuro se ci fumo solo nicotina?

No. “Molti, ma non tutti i casi, sono stati collegati a prodotti contenenti THC,” mi ha detto MeiLan K. Han, docente di medicina interna specializzata in medicina polmonare e terapia intensiva, al MIchigan Medicine e direttore del Michigan Airways program. La studiosa, basandosi sui test effettuati dalla Food and Drug Administration (FDA), ha rilevato che nei prodotti utilizzati dalle persone che si sono ammalate era presente la vitamina E acetato, un olio derivato dalla vitamina E. Quell’olio potrebbe aver causato l’infiammazione polmonare, mi ha spiegato. Ma non tutte le persone ammalate hanno riferito di aver usato questa tipologia di prodotti, e alcune utilizzavano solo prodotti a base di nicotina. "Al momento non esiste una forma di svapo ‘sicura'," ha continuato Han.

Come posso sapere se la mia sigaretta elettronica è sicura?

La Food and Drug Administration ha messo in guardia gli svapatori dall'acquisto di prodotti "non autorizzati" o manomessi, sottintendendo che i prodotti “a norma” sarebbero più sicuri. Ma come ha notato Deborah Buckles, direttrice del Tobacco Treatment Program all’Indiana University Melvin e il Bren Simon Cancer Center, "[Negli USA] non esistono regolamentazioni sui prodotti o controlli sui rivenditori, quindi non c'è modo di dire se un dispositivo o un liquido provengano da un luogo ‘affidabile.’" Ciò significa che anche un dispositivo dal design mega fico acquistato legalmente a Los Angeles potrebbe non essere sicuro. Nel giugno 2017, l'amministrazione Trump ha rimandato di quattro anni l'introduzione delle norme per regolamentare l'industria delle sigarette elettroniche, che entreranno in vigore nel 2022, sebbene un procedimento giudiziario in corso potrebbe accelerare la scadenza.

Wow, ok. Io svapo varie volte al giorno. Dovrei smettere subito?

“Sì, dovresti,” ha detto Buckles. Dal momento che non è ancora stata identificata la causa del problema polmonare, ha aggiunto, la soluzione più facile è non svapare. A inizio settembre, il Centers for Disease Control and Prevention ha raccomandato di non fare uso di sigarette elettroniche almeno fino alla fine dell’indagine.

Ma non riesco a smettere di fumare. Vuoi dirmi che le sigarette sono meglio?

Le sigarette fanno male alla salute, e lo sappiamo tutti. “Le sigarette sono collegate all’aumento del rischio di cancro ai polmoni, problemi cardiaci e altre complicanze a livello polmonare,” ha detto Han. “Il punto è che i polmoni non sono fatti per respirare cose che non siano aria pulita. Quindi qualsiasi altra cosa ci vada dentro è una potenziale minaccia alla salute.”

I rischi per la salute collegati alle normali sigarette sono noti, mentre sulle sigarette elettroniche al momento non si sa ancora abbastanza—e la scarsità di informazioni va al di là dell’ondata di ricoveri. Le sigarette elettroniche sono un fenomeno relativamente recente. Presentate come un’alternativa più sicura alle sigarette, sono uscite sul mercato senza una base sostanziosa di studi scientifici. Ci sono tanti buchi in materia, e più vengono fatti studi, meno sembrano sicure.

“Ai venditori e i produttori di sigarette elettroniche piace dire che aiutano a smettere di fumare,” ha detto Buckles. “Ma al momento non ci sono prove scientifiche della bontà di tali affermazioni.” La FDA tratta le sigarette elettroniche alla stregua di prodotti con tabacco, non come prodotti per smettere di fumare.

In poche parole, quindi, a fronte di queste incertezze, le sigarette tradizionali sembrano un po’ meno un’incognita—con tutti i “ma” del caso: “le sigarette non sono sicure,” ha ribadito Buckles. “In ogni sigaretta ci sono 69 agenti che causano o sono sospettati di causare il cancro”—e smettere di fumare o svapare appare come l’unica vera soluzione.