Pubblicità
Food by VICE

Un'artista sudcoreana ha distribuito 500 DVD su come fare la pizza in Nord Corea

500 copie di Pizza for People sono state distribuite sul mercato nero di Pyongyang; oltre le istruzioni per le pizze anche immagini sullo stile di vita occidentale.

di Jelisa Castrodale
11 maggio 2018, 2:47pm

Screengrab via YouTube

Oltre al debole per le le tute militaristiche, lo sviluppo di armi nucleari e le sue menzogne circa i suoi punteggi a golf, il dittatore nordcoreano coreano Kim Jong-il ama anche la pizza. Ha sognato di aprire una pizzeria per più di un decennio tanto da mandare i suoi cuochi a Napoli e a Roma, in modo che potessero riportare a Pyongyang i segreti dei pizzaioli italiani.

(“Uno degli ufficiali [chef Ermanno] Furlanis si è allenato imparando a quale distanza vengono messe le olive su una pizza” è stato scritto in un articolo del Guardian del 2009.) Nel 2008, ha aperto il suo tanto atteso ristorante - chiamato intelligentemente "Pizza Restaurant" - facendo volare farina, burro e formaggio dall’Italia, e dove i membri dell'élite potevano avere le migliori (e uniche) fette di pizza a nord di Seoul.

"Il generale Kim Jong-il ha detto alla gente che dovrebbe essere consentito l'accesso dei cittadini ai più famosi piatti del mondo", ha detto all'epoca il manager del ristorante, Kim Sang-Soon. Ma i dittatori tendono ad essere pieni di merda, quindi il ristorante - e il boccone di pomodoro e formaggio - è rimasto off-limits per la maggior parte dei cittadini nordcoreani. (A metà degli anni '90, mentre Kim sognava a occhi aperti i condimenti per la pizza, più di 2 milioni di persone morivano di fame e malnutrizione).

Poco dopo l'apertura della pizzeria, l'artista sudcoreana Hwang Kim ha deciso che la pizza non doveva essere limitata solo a Kim Jong-il e ai suoi compari. Ha quindi iniziato a lavorare su una serie di quattro cortometraggi, sperando di spiegare ai nordcoreani alcuni aspetti della cultura occidentale, e forse anche un po' di educazione culinaria.

"Nella Corea del Nord non c’è molto accesso alle influenze di altre culture, almeno per la gente comune, e resta comunque strettamente controllato", ha detto l’artista a Deutsche Welle. "La leadership politica ha ovviamente questi privilegi, come il ristorante pizzeria, ma pochissime persone possono effettivamente mangiare lì".

Nel corto da lei realizzato, ha definito Pizza for the People, ipotizzando l'idea di cosa sarebbe successo se la Corea del Nord fosse diventata una democrazia, e due attori maschili e femminili hanno recitato in ogni puntata mettendo in scena quattro scenari: uno in cui dispensavano le istruzioni per creare una pizza (fatta interamente in casa), un’altro in cui facevano le valigie per andare all'estero, e uno su i festeggiamenti per il Natale e l’ultimo "come diventare un leader di tendenza nella danza pop”.

"Il tutto voleva essere una sorta di miscela tra una soap opera e un home video", ha detto Kim. "Volevamo usare un tono leggero e satirico per cercare di spiegare qualcosa dello stile di vita occidentale ai nordcoreani".

Dopo aver completato le riprese, ha masterizzato il video su 500 DVD e li ha consegnati a cinque contrabbandieri, che avevano il compito di portarli oltre confine e nella nazione eremita. I DVD sono stati distribuiti sul mercato nero e, anche se Kim non sa quante persone alla fine hanno visto il suo film, o se i contrabbandieri li hanno effettivamente distribuiti, ha detto che in seguito ha ricevuto foto e lettere da persone che avevano replicato con successo la sua pizza.

Kim ha recentemente presentato tutte e quattro le parti del documentario in un festival teatrale a Heidelberg, in Germania. E più tardi, quando i membri del pubblico sono tornati a casa passando davanti alla pizzeria, forse, si sono sentiti un po' più fortunati rispetto a poche ore prima.

Questo articolo è apparso originariamente su MUNCHIES US.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali di VICE? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.