Perché non vale più la pena costruire un PC-miniera di Ethereum

Non ci si guadagna più da mesi, e presto diventeranno completamente obsoleti.

|
19 dicembre 2017, 9:55am

Immage: Daniel Oberhaus/Motherboar

A maggio ho scritto una guida a prova di idioti per costruire un PC-miniera di Ethereum, un tipo di computer che costituisce la spina dorsale della rete Ethereum e fa guadagnare ai suoi proprietari l'ether, la valuta digitale della rete. Poco tempo dopo, Motherboard ha anche pubblicato un video che documentava il processo. Da allora ho ricevuto un'enorme quantità di mail dei lettori che mi chiedevano informazioni sul mio impianto. La domanda che mi pongono tutti è se vale ancora la pena di costruire un PC-miniera.

La risposta è no. Costruire un PC-miniera di Ethereum non è più remunerativo da qualche mese e presto sarà completamente obsoleto.

Probabilmente, non valeva la pena costruire un PC-miniera di Ethereum neanche quando l'ho fatto a maggio, come mi hanno spiegato molti lettori dopo la pubblicazione dell'articolo e del video. Sono in parte d'accordo con loro, ma sono necessarie alcune precisazioni.

Neanche durante circa il primo anno e mezzo dell'esistenza della criptovaluta il mining di Ether era remunerativo. Il suo valore si è aggirato intorno ai 10 dollari dal 2015 fino all'inizio del 2017, quando è salito a 25. Questo significava che il suo valore era superiore al costo dell'elettricità necessaria per estrarlo. In altre parole, fino a quel momento, le miniere di piccole dimensioni operavano in perdita nella convinzione dei loro proprietari che, un giorno, i token con cui venivano ricompensati sarebbero valsi molto di più.

A posteriori questi primi miner avevano ragione — il valore dell'ether è aumentato di oltre il 4.000 per cento nell'ultimo anno, e ora vale circa 700 dollari. Per un breve intervallo di tempo favorevole, da circa febbraio a fine aprile di quest'anno, minare ether era redditizio ma non se ne sono accorti in molti. Poi a maggio, l'improvvisa impennata del prezzo ha portato a un corrispondente aumento nell'interesse per il mining. Ed ecco come siamo giunti al mio articolo.

La guida o il video non sono stati pensati come endorsement del mining, ma piuttosto per fornire uno sguardo pratico su come trasformare dell'hardware del valore di poche centinaia di dollari in un dispositivo per verificare le transazioni sulla rete Ethereum.

Immagine: Daniel Oberhaus/Motherboard

Poco dopo l'uscita dell'articolo, molti lettori mi hanno contatto per farmi domande tecniche su come montare le parti del loro impianto e li ho aiutati volentieri. Altri mi hanno chiesto se pensavo che fosse il caso che se ne costruissero uno. Di solito rispondevo 'probabilmente no,' se non altro perché le schede grafiche che alimentano gli impianti erano diventate introvabili o avevano prezzi proibitivi.

Alla fine di ottobre ho smesso di usare il mio PC-miniera. A quel punto, aveva già prodotto abbastanza ether da farmi recuperare l'investimento per realizzarla, ma non ho smesso per quel motivo. Ogni volta che un blocco viene estratto sulla blockchain di Ethereum, il minatore che ha scoperto l'hash corretto per quel blocco viene ricompensato con una certa quantità di ether. Dalla sua creazione nel 2015, la ricompensa era di 5 ether per blocco. Quando è nato Ethereum, includeva del codice che avrebbe reso sempre più difficile nel tempo la risoluzione di un blocco.

La difficoltà di estrazione di un blocco viene calcolata in base al tempo impiegato tra una soluzione di un blocco e l'altra. I creatori di Ethereum volevano che si risolvesse un blocco circa ogni 12 secondi e, per mantenere questo tasso all'aumentare della potenza di calcolo sulla rete, è necessario aumentare la difficoltà per trovare la soluzione hash per il blocco successivo.

Già a ottobre, la difficoltà di risolvere un blocco sulla blockchain di Ethereum era aumentata di quasi otto volte rispetto a quando ho iniziato a fare mining in maggio, e la stessa cosa poteva dirsi della potenza di calcolo totale sulla rete.

Poi, il 15 ottobre, la difficoltà di estrazione di un blocco è quasi dimezzata, mentre il premio per l'estrazione mineraria è stato ridotto da cinque a tre ether dopo l'hard fork sulla blockchain di Ethereum, che è stato aggiornato ad una versione più leggera e veloce. La complessità di calcolo richiesta per estrarre un blocco è rimasta costante da allora, ma la quantità di potenza di calcolo sulla rete ha continuato ad aumentare.

L'effetto pratico di questo cambiamento — a quanto pare implementato dalla Ethereum Foundation per ricompensare i miner con dei guadagni extra prima del passaggio della rete al sistema Proof-of-Stake (spiegato di seguito) — è stato che il mio PC-miniera riusciva ad estrarre metà dell'ether di quando avevo iniziato.

Il recente aumento del valore dell'ether ha fatto sì che persino la mia capacità drasticamente ridotta sia ancora redditizia. Ma questo solo se il prezzo dell'ether non scende.

Se non siete ancora convinti, considerate quanto tempo potrebbe essere necessario per estrarre una quantità di ether sufficiente a ripagare il costo della vostra strumentazione. Quando ho costruito il mio PC, mi aspettavo che ci volessero circa 6 mesi per recuperarne il costo (circa 2.000 dollari), purché il prezzo dell'ether si mantenesse intorno ai 250 dollari. Il valore invece ha continuato ad aumentare, così mi sono potuto ripagare l'impianto in circa 5 mesi.

Costruire lo stesso tipo di rig oggi richiederebbe probabilmente un maggiore investimento iniziale, dato che la scarsità di GPU ha fatto quasi raddoppiare il loro prezzo. Ora, solo le sei GPU necessarie potrebbero costare quasi 2.000 dollari (se le trovate), per non parlare di altri 300-500 dollari per scheda madre, CPU, RAM e alimentatore. Anche con il valore di un ether seduto che supera i 400 dollari, ci vorrebbero probabilmente 7-8 mesi per avere un ritorno di investimento su questo tipo di rig. Se l'ether scende al di sotto dei 400 dollari, potrebbe volerci anche più di un anno.

Inoltre, è probabile che tra un anno, nessuno estrarrà ether.

Immagine: Daniel Oberhaus/Motherboard

Ad un certo punto del 2018, la rete dovrebbe passare da un modello Proof-of-Work (POW) a un modello Proof-of-Stake (POS). Essenzialmente, con il POW, i miner verificano le transazioni sulla blockchain di Ethereum e sono ricompensati in ether per la potenza di calcolo che mettono a disposizione. Nell'ambito dei POS, invece, questo processo di validazione viene svolto da chi possiedono ether a seconda della propria quantità. In breve, i miner diventeranno obsoleti. Non è chiaro quando avverrà il passaggio il POS, ma si tratta dell'inevitabile punto finale della rete Ethereum.

Tuttavia, se avete già acquistato l'attrezzatura per un PC-miniera, non avete nulla da temere. Potete passare ad altre criptovalute come Monero o ZCash — ottimizzate per l'anonimato — non è difficile. In alternativa, potreste anche effettuare il mining per organizzazioni di beneficenza come Bail Bloc, che dona le valute minate per pagare la cauzione alle persone a basso reddito di New York finite in carcere. In alternativa, potreste convertire il vostro PC-miniera per giocare a dei videogiochi o donare la vostra potenza di calcolo a SETI@home, un progetto di calcolo distribuito che analizza i segnali radio per individuare segnali di vita extraterrestre intelligente. (Ci sono molti altri progetti di calcolo distribuito super interessanti che possono beneficiare della vostra potenza di calcolo).