FYI.

This story is over 5 years old.

Corea del Nord

Queste foto mostrano come vive l'élite della Corea del Nord

Christian Petersen-Clausen ha immortalato alcune scene di vita delle classi agiate di Pyongyang — che stanno rapidamente scoprendo cosa vuol dire 'lusso'.
18.11.16
Foto di Christian Petersen-Clausen.

Quando Christian Petersen-Clausen ha visitato la Corea del Nord lo scorso anno, è rimasto colpito da quante poche persone avessero un cellulare. In un mondo in cui sembra che praticamente tutti siano connessi grazie alla tecnologia mobile, il paese asiatico sembrava esserne immune. Ma quando il fotografo, che vive in Cina, ha fatto ritorno a Pyongyang a inizio 2016, la situazione era improvvisamente - e decisamente - cambiata.

Pubblicità

"Li avevano tutti, letteralmente" ricorda. "Ho visto anche persone con due telefoni."

I cellulari sono ancora una specie di rarità in Corea del Nord - ci sono solo 2,5 milioni di abbonati a servizi mobile in un paese di 24 milioni di abitanti - ma l'aumento di proprietari di telefoni è un'indicazione della ricchezza personale che parte della società coreana sta iniziando ad accumulare.

Un ragazzo nordcoreano fissa il suo smartphone nella stazione della metro.

La recente esperienza in Corea del Nord di Petersen-Clausen - parte di una escursione di dieci giorni che il sito NK News ha trasformato in un calendario del 2017 - combacia con quello che gli esperti e i disertori dicono da anni: c'è una crescita di una classe relativamente ricca di cittadini che non sono direttamente coinvolti con l'onnipotente partito che governa il paese. In coreano sono chiamati donju che si traduce con "maestri dei soldi."

Sono le persone che frequentano "Pyonghattan," il soprannome coniato dagli stranieri per una ricca enclave della capitale, in cui si trovano centri commerciali, ristoranti, e una caffetteria aperta 24 ore al giorno — il tipo di locale molto comune altrove ma che è ancora una novità trendy in Corea del Nord.

Fino a pochi anni fa era raro imbattersi in uomini in carne - come questo signore - tra le strade di Pyonyang

I nuovi ricchi del paese devono la loro comparsa nella società locale a un decreto governativo del 2002 che ha permesso ai cittadini di partecipare al commercio di beni e di gestire delle imprese — come spiega Michael Madden, visiting scholar della US-Korea Institute alla Johns Hopkins School of Advanced International Studies. Oggi, dice Madden, i donju hanno una sorta di relazione simbiotica con il regime di Kim Jong-un, che gli permette di esistere in cambio di mazzette o "tasse informali."

"Sono come gli oligarchi russi," dice Madden. "Alcuni di loro si sono fatti da soli, ma i donju partecipano in gran numero alla corruzione ufficiale in Corea del Nord. Dalla nostra prospettiva è corruzione, ma è come fanno affari lì. Non puoi fare alcun tipo di attività senza corrompere le autorità, tramite beni o soldi, non importa."

Madden spiega che questi imprenditori hanno fatto leva sulla decisione del governo di privatizzare alcuni settori di proprietà dello stato, e sarebbero ora coinvolti in qualsiasi cosa, dai trasporti agli immobili, agli appalti per i progetti di costruzione statali.

E nonostante le sanzioni internazionali studiate per impedire alla Corea del Nord di importare beni di lusso, Petersen-Clausen dice che non sembravano mancare oggetti di lusso per cui i donju potevano spendere. Ricorda di aver avvistato diverse Audi A6 nuove di zecca sulle strade, e di aver trovato TV a schermo piatto e borse di marca nei centri commerciali di Pyongyang.

Una coppia di neosposi posa per delle fotografie con un cane dello zoo cittadino.

Anche se i ricchi del paese stanno diventando più ricchi, il fotografo dice che non ha dovuto allontanarsi molto da Pyongyang per trovare la terribile povertà che affligge ancora gran parte dei nordcoreani. Ricorda una fattoria che ha visto mentre viaggiava dalla capitale alla città costiera di Wonsan.

"Era la stagione del raccolto," dice. "Avevo appena lasciato la Cina, dove tutti usano gli stessi macchinari per il raccolto che puoi trovare nell'Iowa. Vai in Corea del Nord e trovi 30 persone in fila che si passano le pannocchie. È un lavoro che ti spacca la schiena."

Un uomo appena sceso da un taxi stringe la sua borsa di pelle.

Un uomo parla attraverso un dispositivo bluetooth mentre gira per la città in bicicletta.

Una lezione di equitazione nel centro ippico Mirim di Pyongyang

Una giovane coppia di nordcoreani vestiti alla moda.

Un carretto che vende snack nella stazione di Pyongyang.

Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook