Le guardie di Guantanamo soffrono di disturbo post-traumatico da stress

Alcuni documenti esclusivi ottenuti da VICE News mostrano che i soldati che lavorano nella struttura soffrono di altissimi tassi di DPTS e depressione.
28.10.16

Poche settimane dopo l'inizio del suo lavoro come medico per i detenuti di Guantanamo Bay, il paramedico della Marina Nichole York ha cominciato ad avere gli incubi.

"Venivo attaccata dai detenuti," racconta dei sogni che aveva durante il suo dispiegamento del 2010, durato nove mesi. "Facevo incubi in cui loro mi bloccavano in qualche modo, mi afferravano per i capelli e mi sbattevano la faccia contro una porta d'acciaio."

York si sentiva completamente isolata e spesso spaventata; per gestire la cosa, ha iniziato a bere parecchio. Ma la sua esperienza di dolore, per lo più silenzioso, era tutt'altro che un caso isolato tra i 28.000 soldati che hanno servito nella prigione militare statunitense da quando ha aperto, nel 2002, per tenere rinchiusi a tempo indefinito i prigionieri della "guerra al terrore."

screen-shot-2016-10-24-at-3-26-48-pm

Tra il 2008 e il 2011, la task force congiunta che gestisce l'istituto di detenzione ha evacuato in segreto almeno 19 soldati che avevano lavorato in operazioni coi detenuti a causa di seri "motivi di salute comportamentale," stando a uno studio dell'Istituto Militare di Salute Pubblica ottenuto in esclusiva da VICE News.

Questo studio, assieme a due report militari interni sulla salute mentale dei soldati, e alle interviste di due ex-guardie di Guantanamo, mostrano che le ferite invisibili largamente associate ai combattimenti in guerra, interessano anche i soldati che hanno lavorato nell'istituto di detenzione. Il presidente Obama ha dichiarato che spera ancora di chiudere la prigione entro la fine del suo mandato.

Il centro di detenzione è situato in un angolo isolato della base navale che si estende per più di 116 chilometri quadrati, affacciata sulla baia di Guantanamo, nella parte sud-orientale di Cuba. Al picco della sua attività ospitava 779 detenuti; oggi, ne restano 60.

Per anni i giornalisti hanno tentato di ottenere informazioni dall'esercito sulla possibilità che il personale schierato a Guantanamo soffrisse di sindrome da stress post-traumatico durante e dopo il periodo di lavoro. L'esercito non hanno mai fornito alcun dato, ma nel 2010 l'Istituto Militare di Salute Pubblica ha condotto uno studio comportamentale dopo che un gran numero di soldati erano stati evacuati dalla base. Un anno dopo sono stati preparati due rapporti. Gli esiti, rimasti segreti finora, tracciano un quadro tragico di deterioramento della salute mentale tra il personale che vi ha prestato servizio.

Lo studio ha dimostrato che dei 1.422 soldati che sono stati sottoposti al questionario, 565 avevano sviluppato problemi comportamentali e avevano mostrato sintomi di stress post-traumatico che erano associabili direttamente con il servizio prestato a Guantanamo. Quasi 300 di coloro che sono stati osservati, cioè uno su cinque, erano considerati a "rischio elevato," cioè avevano istinti suicidi o un problema di salute comportamentale, come ansia o depressione grave, e avevano bisogno "di gestione medica intensiva e/o terapia."

I maggiori livelli di disagio psichico sono stati riscontrati tra i soldati dell'Esercito e della Marina il cui lavoro ha richiesto loro "un'esposizione quotidiana ai detenuti." Lo studio afferma che all'interno dell'Esercito, i soldati che avevano lavorato in operazioni di detenzione "risultavano tendenzialmente positivi alle idee suicide, alla depressione grave e ai problemi di sonno," mentre i soldati della Marina mostravano "screening positivi a stress post-traumatico grave, comportamento aggressivo e uso problematico di alcol."

La gravità e il tasso di patologie comportamentali che interessavano i soldati di Guantanamo — a parte l'uso di alcol — erano pari a quelli dei soldati statunitensi che avevano prestato servizio nelle strutture di detenzione in Iraq.

VICE News ha ottenuto i rapporti del Comando Sud degli Stati Uniti, che supervisiona la task force congiunta che opera a Guantanamo, grazie a una causa tramite il Freedom of Information Act durata tre anni.

Lo studio ha rilevato che lo stress sperimentato dai soldati durante il loro servizio medio di nove mesi era dovuto in parte a condizioni di vita pessime — i soldati avevano la sensazione che i detenuti ricevessero cibo migliore del loro, e l'82 per cento dell'Esercito e il 60 per cento della Marina hanno sostenuto che nel complesso, i detenuti venivano trattati meglio di loro. I soldati hanno anche menzionato un'incapacità di "reazione" agli abusi fisici e verbali dei prigionieri, e che a contribuire al loro stress vi era anche una preparazione inadeguata prima di essere mandati a Guantanamo.

Andrew Turner, un sottoufficiale della Marina di prima classe quando è stato congedato, ha lavorato a Guantanamo tra il 2009 e il 2010. Sia Turner che Nichole York erano membri della Task Force Platinum, l'unità militare che lavora nel tristemente noto e top-secret Campo 7, dove sono imprigionati Khalid Sheikh Mohammed e altri 14 ex prigionieri della CIA. Sia York che Turner hanno detto che non avevano idea di cosa fosse la Task Force Platinum prima di arrivare, e non hanno ricevuto alcun addestramento speciale per fronteggiare i detenuti speciali.

screen-shot-2016-10-24-at-3-28-33-pm

"Ci avevano insegnato come eseguire le estrazioni forzate dalle celle," spiega Turner, oggi 43enne, riferendosi alla procedura in cui le guardie in tenuta antisommossa bloccano e rimuovono un detenuto rissoso dalla sua cella. "Ci avevano insegnato ad ammanettare i detenuti in diversi modi. Avevamo avuto qualche giorno di addestramento alla lotta, che è la versione delle arti marziali miste dell'Esercito… Mi sentivo incredibilmente impreparato e molto vulnerabile."

Turner e York hanno parlato a VICE News della loro esperienza a Guantanamo nella speranza che il loro gesto incoraggi i soldati che manifestano i sintomi dello stress post-traumatico a cercare una diagnosi e cure mediche. Dato che hanno lavorato in un campo top-secret, né Turner né York hanno voluto parlare dei singoli detenuti di Guantanamo con cui hanno interagito o dell'entità del loro lavoro con la Task Force Platinum. Nessun altro membro della Task Force Platinum ha mai parlato pubblicamente del Campo 7.

Turner inizialmente credeva che il suo servizio a Guantanamo sarebbe stato "una passeggiata." Non era il solo. Secondo lo studio, prima di essere spediti a Guantanamo, il 70 per cento dei soldati intervistati "percepiva l'incarico come meno stressante dello schieramento sul campo." Ma una volta iniziato il lavoro, solo il 40 per cento lo pensava ancora — e tra i soldati che interagivano direttamente coi detenuti, la percentuale era ancora più bassa: il 25 per cento.

Leggi anche: L'Esercito Italiano ha un problema col disturbo post-traumatico da stress di cui nessuno parla

York aveva 20 anni quando è stata arruolata, nel 2010. Quando è arrivata sull'isola e ha scoperto che avrebbe lavorato con detenuti importanti — e che era l'unico medico donna nella Task Force Platinum — ha pianto.

"Siamo arrivati nelle nostre stanze temporanee, ed ero l'unica femmina," racconta. "Mi sono seduta lì e ho letteralmente pianto disperatamente per tre giorni… Ho pensato tipo, dove cazzo sono, e cosa cazzo succederà? O in che guaio mi ha cacciata la Marina?"

Anche se il suo lavoro non comportava il combattimento fisico, "mentalmente ed emozionalmente, è un combattimento." York continua a fare incubi sull'essere attaccata dai detenuti.

Turner, invece, ha subìto dei danni fisici durante il suo servizio. A sole due settimane dall'inizio, la sua mano è stata frantumata durante un'estrazione forzata da una cella, quando lui e una squadra di guardie hanno tentato di impedire a un detenuto di sbattere la testa sul pavimento di cemento della sua cella.

"Ero fottutamente spaventato, e faccio ancora incubi su quella giornata," racconta Turner. "Stavo cercando di tenermi quella paura dentro. Era l'unico modo in cui avrei potuto cavarmela. Semplicemente essere duro il doppio rispetto a chiunque altro, mentre in realtà dentro ero spaventato a morte… Non sapevi mai che cosa ti aspettava dietro l'angolo, ed era al 99 per cento noia e poi all'1 per cento solo pura e assoluta follia."

Andrew Turner in ospedale

Turner non ha più recuperato l'uso completo della mano; l'incidente ha di fatto messo fine alla sua carriera militare.

I mesi trascorsi a Guantanamo hanno lasciato profonde cicatrici psicologiche sia in York che in Turner; i medici dell'Amministrazione dei Veterani hanno diagnosticato a entrambi la sindrome da stress post traumatico.

"Ogni giorno devo capire come mi sentirò, e fa schifo," dice Turner. "Non dovevo farlo prima. Non mi piacciono le folle; un tempo non avevo alcun problema, ma ora mi provocano degli attacchi di panico. I rumori forti e le luci molto potenti mi danno qualche problema. Queste sono tutte cose che non mi succedevano prima che entrassi in servizio."

Sia York che Turner sapevano che a Guantanamo c'era un servizio che assisteva i soldati affetti da stress emotivo e psicologico, ma non erano incoraggiati a cercare aiuto e anzi era causa di stigma. Solo quando sono tornati sul suolo americano si sono resi conto che c'era qualcosa che non andava e che avevano bisogno di aiuto. I loro partner li hanno spinti a curarsi.

Un portavoce della struttura di Guantanamo ha detto che chiunque nella task force può usufruire della terapia per gestire la depressione e lo stress grazie al Team Congiunto di Mitigazione dello Stress e Ripresa.

Lo studio sulla sanità pubblica dell'Esercito raccomanda al Comando Meridionale di lavorare con la task force congiunta per "rivedere l'addestramento pre-servizio affinché sia più specifico per la missione, e prepari mentalmente ed emotivamente i soldati a quello che devono aspettarsi."

Inoltre, lo studio consiglia di effettuare un pre-monitoraggio su tutti i soldati per identificare problemi di comportamento pre-esistenti per prevenire "che coloro con un rischio maggiore di esiti comportamentali negativi vengano assegnati" alla base.

"Questo, a sua volta, ridurrebbe probabilmente il numero di soldati evacuati da Guantanamo per problemi di salute comportamentale," afferma lo studio.

I documenti completi ottenuti tramite il FOIA possono essere consultati qui.


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook