Se non hai problemi di salute, eliminare pomodori e melanzane non ha alcun senso

Mangiare i pomodori non ti farà venire l'artrite, chiaro? Come mai le Solanaceae adesso sono considerata uno dei mali del nostro secolo.
11 marzo 2019, 3:58pm
eliminare pomodori dalla dieta
Kristin Duvall/Stocksy

Anche se non sei una di quelle persone che leggono i tarocchi ogni sera o che caricano di energia i cristalli nelle notti di luna piena, forse avrai sentito parlare della belladonna, una pianta velenosa. Chi ha visto Amori & Incantesimi, ricorderà sicuramente la scena in cui Sally (Sandra Bullock) uccide involontariamente il fidanzato violento della sorella mettendo un po' troppo estratto di belladonna nella sua tequila. Alcuni pensano che la pianta violacea sia la stessa utilizzata nel dramma shakespeariano di Romeo e Giulietta, responsabile della morte funesta della giovane innamorata.

La belladonna fa parte del gruppo delle solanacee che comprende oltre 2000 specie di vegetali, alcuni commestibili e altre velenose. Sicuramente avrai mangiato tantissime volte quelle commestibili: si tratta di pomodori, pomodorini, melanzane, patate, peperoni e peperoncini, bacche di goji e molte altre cose buone.

Chi ha paura delle solanacee si preoccupa generalmente anche del loro alto contenuto di lectina, che alcuni sostengono sia un anti-nutriente che fa male al nostro corpo.

Ok, ora ti stai chiedendo come fai a essere ancora vivo? Be', i pomodori ovviamente non sono velenosi quanto la belladonna. Ma alcuni sostengono che tutte queste piante possano avere conseguenze dannose sul nostro organismo. Tom Brady, per esempio, il quarterback dei New England Patriots ha eliminato del tutto le solanacee dalla sua dieta. "Non mangia pomodori, peperoni, funghi o melanzane," ha detto Allen Campbell, il suo chef, a Boston.com nel 2016. "I pomodori compaiono ogni tanto qua e là, ma forse una volta al mese, non di più. Faccio molta attenzione ai pomodori, perché causano infiammazione."

Brady e il suo chef traggono questa convinzione dal fatto che le piante velenose come la belladonna contengono livelli molto alti di alcaloidi, componenti potenzialmente pericolosi se ingeriti in grandi quantità. Ma le piante commestibili di questa categoria, come i pomodori, contengono questi componenti in quantità molti limitate, che si riducono ulteriormente con la cottura o quando togli la buccia, o i germogli nel caso delle patate, spiega Reyna Franco, dietista e nutrizionista certificata a New York.

Oltre agli alcaloidi, chi ha paura delle solanacee si preoccupa generalmente anche del loro alto contenuto di lectina. Kelly Clarkson, ad esempio, è finita su tutti i giornali lo scorso anno quando ha dichiarato che la dieta senza lectina avrebbe curato i suoi problemi di tiroide. Alcune persone sostengono che la lectina sia un "anti-nutriente" che fa male al nostro corpo. La teoria vuole, infatti, che le lectine siano elementi che proteggono le piante da chi vuole mangiarle, impedendone la digestione, e il consumo, si dice, provocherebbe reazioni infiammatorie. Ma, come nel caso degli alcaloidi, le lectine si scompongono quando vengono processate o cotte. E anche se dovessi per caso ingerire delle lectine crude da alimenti come i pomodori, dovresti davvero mangiarne in quantità enormi perché si verifichino effetti negativi sulla tua salute, secondo la Mayo Clinic.

Nonostante tutto, c'è ancora chi sostiene che mangiare solanacee possa scatenare dolori e complicazioni in chi soffre già di patologie croniche infiammatorie, come la psoriasi o l'artrite reumatoide, dice Gerard Mullin, professore di medicina e gastroenterologia presso il Johns Hopkins Hospital. Alcune persone dicono di essere più sensibili a questo tipo di verdure, spiega, e per queste persone può avere senso limitarne il consumo, o eliminarle del tutto. "Molti pazienti mi hanno detto che sono stati molto meglio [dopo aver eliminato le solanacee]," dice Mullin.

"Io sono dell'idea che se puoi mangiare una cosa, non dovresti privartene"

In un sondaggio del 2017, condotto su 1206 persone con la psoriasi, circa il 52 percento degli intervistati ha detto di aver eliminato questi alimenti della propria dieta per cercare di limitare gli episodi infiammatori. Eppure, né questo sondaggio, né qualsiasi altra ricerca ha trovato una chiara correlazione sul perché l'eliminazione di pomodori, patate e peperoni aiuterebbe le persone con patologie autoimmuni, dice Mullin. Non esistono prove scientifiche a sostegno di queste teorie. Forse si tratta di un effetto placebo, o forse gli esperti semplicemente non hanno ancora individuato la spiegazione. Va ricordato, inoltre, che a molte persone che soffrono di reflusso viene sconsigliato il consumo di pomodori perché sono molto acidi.

Quello che sappiamo con certezza è che non è necessario che tutti eliminino le solanacee dalla propria dieta. Anzi, sarebbe ridicolo se lo facessimo. "Io sono dell'idea che se puoi mangiare una cosa, non dovresti privartene," dice Stacy K. Leung, nutrizionista e dietista certificata di stanza a New York. Ovviamente, gli snack a basso contenuto nutritivo come le patatine in sacchetto possono essere ridotti senza problemi, anzi. Ma a meno che tu non riscontri reazioni bizzarre—se la cipolla ti crea aria nella pancia, o se gli arachidi ti fanno gonfiare la faccia—non c'è motivo di eliminare determinati alimenti.

Forse chi soffre già di artrite o di altre patologie infiammatorie, potrebbe notare un lieve miglioramento eliminando o riducendo il consumo di pomodori, ma dall'altro lato, sappiate che mangiare i pomodori non vi farà venire l'artrite, spiega Franco. Pensatela così: alcune persone soffrono di patologie autoimmuni, come celiachia o intolleranza al glutine, e quindi per loro ha senso eliminare i prodotti del grano, frumento e segale. Ma quando le persone sane seguono la tendenza e decidono di eliminare completamente il glutine, non stanno facendo nulla di buono per il proprio organismo, anzi si stanno solo togliendo il piacere di mangiare del pane (e di assimilare tutti i nutrienti dei cereali).

Qualsiasi nutrizionista ti dirà che la dieta migliore è quella equilibrata, ricca di frutta e verdura, e tra queste ci sono anche le solanacee. "Se torniamo indietro ai nostri avi e alla loro cultura alimentare, scopriamo che molti di questi cibi erano già presenti sulle loro tavole. E hanno contribuito a fornire loro il nutrimento necessario, quindi penso che debbano essere presenti ancora oggi nell'alimentazione di tutti," dice Leung.

I pomodori sono ricchi di antiossidanti, detti licopene. I peperoni sono ricchi di vitamina C. Le patate contengono più potassio di una banana. E le melanzane sono un'ottima risorsa di vitamina B e manganese. Se decidi di togliere questi alimenti senza motivo, senza reintegrare queste sostanze con cibi simili, l'apporto nutritivo potrebbe risentirne. E poi, perché dovresti mai scegliere di vivere senza mangiare patate, se non sei obbligato a farlo?

Insomma, ignora qualsiasi dieta restrittiva consigliata dalle celebrities o da chiunque faccia una distinzione netta tra cibi "buoni" e cibi "cattivi." La domanda che devi sempre farti è: questo alimento mi fa venire prurito, nausea, gonfiore, o qualsiasi altro sintomo negativo? Se la risposta è no, allora mangialo e non preoccuparti di nient'altro.

Quest'articolo è comparso originariamente su TONIC US.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram .

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanali.