La comunità indigena del Canada dove in 100 hanno tentato il suicidio in 9 mesi

A Attawapiskat, una riserva da circa 2.000 persone nella regione nord di Ontario, la gente continua a suicidarsi in modo preoccupante.

|
15 giugno 2016, 12:39pm

March and vigil in Attawapiskat in April, after 11 suicide attempts in one day. (Photo by Chris Wattie/Reuters)

Dopo mesi di richieste d'azione e incontri con vari ministri federali, il leader di una piccola riserva indigena, diventata il simbolo della crisi di suicidi che sta devastando diverse comunità in tutto il Canada, si è incontrato con il primo ministro Justin Trudeau lunedì, per discutere alcune soluzioni.

Attawapiskat, una riserva da circa 2.000 persone nella regione nord di Ontario, ha visto più di 100 tentativi di suicidio negli ultimi nove mesi, inclusi gli 11 tentativi in un sabato sera di aprile, e finiti sulle pagine dei giornali di tutto il mondo — spingendo i capi a dichiarare lo stato d'emergenza.

Prima dell'incontro di lunedì con il capo Bruce Shisheesh, Trudeau aveva annunciato che il governo avrebbe stanziato nei prossimi tre anni quasi 70 milioni di dollari (circa 50 milioni di euro) per includere servizi di salute mentale nelle riserve, comprese quattro squadre d'intervento per le comunità di Ontario, Manitoba, e Nunavut, più una linea d'ascolto "culturalmente adeguata" attiva 24 ore al giorno.

"Intanto continueremo a coinvolgere i nostri partner indigeni nel cercare soluzioni a lungo termine per queste questioni impellenti, sappiamo che c'è bisogno di un'azione urgente - e immediata - per affrontare le crisi di salute fisica e mentale a cui sono esposti gli indigeni," scrive Trudeau in un comunicato, lunedì.

Ma i leader First Nations - un gruppo di popoli indigeni canadese - e alcuni politici sostengono che il governo abbia bisogno di un'azione più incisiva per affrontare i problemi di fondo che hanno dato inizio all'ondata di tentati suicidi.

Lo scorso mese, il governo di Ontario aveva promesso di stanziare, in tre anni, oltre 150 milioni di euro per il sistema sanitario delle First Nations, includendo un aumento delle giornate in cui i medici sono presenti nelle comunità del nord, e aggiungendo nuove equipe ospedaliere di traumatologia e addetti ai servizi di salute mentale.

Alvin Fiddler, grand capo della Nishnawbe Aski Nation, la quale include anche la comunità Attawapiskat, ha riferito a VICE News che i fondi federali sono un buon punto di partenza, ma non risolveranno necessariamente i problemi cronici di fondo che molte altre comunità della regione si trovano ad affrontare, tra cui inadeguate condizioni abitative e mancanza di programmi sociali giovanili. Tutte questioni sollevate dalla delegazione di 22 giovani delle comunità NAN, che hanno incontrato Trudeau e i leader federali lunedì.

Il gruppo ha presentato al primo ministro una dichiarazione dei diritti che include il diritto ad abitazioni adeguate, senza muffa, il diritto alla protezione da ogni forma di abuso fisico, sessuale o mentale, e il diritto a un'educazione non-discriminatoria e totalmente finanziata.

"Dobbiamo affrontare problemi di lunga data, non soltanto gli ultimi preoccupanti episodi di salute mentale," sostiene Fiddler. "Se possiamo costruire case adatte, assicurarci che i bambini abbiano accesso a un'educazione, a un sistema sanitario e ad acqua di qualità. Questo va al di là della crisi di salute mentale."

Leggi anche: Nelle prigioni artiche del Canada, dove le condizioni di detenzione sono "deprecabili"

Charlie Angus, politico del New Democratic Party, critico delle questioni indigene e membro del parlamento per territori che includono Attawapiskat e altre comunità First Nations, concorda con i dubbi sollevati da Fiddler in un'intervista telefonica.

"La reazione a cui stiamo assistendo è per lo più una risposta alla crisi di Attawapiskat," sostiene. "Ma l'annuncio dei fondi è meno convincente di quello che mi aspettassi."

La maggioranza delle altre comunità First Nations non ha nessun specialista di salute mentale, e i due addetti promessi a Attawapiskat nel nuovo annuncio di finanziamenti sono qualcosa che il governo aveva già promesso di fornire in passato, prosegue Angus.

"Ci stiamo concentrando sulla crisi dei suicidi, ma abbiamo bisogno di una risposta a più ampio raggio. Ci sono giovani che ci stanno dicendo di vivere in una comunità dove non possono lavarsi i denti, e dove ti vengono delle piaghe se ti fai la doccia," fa notare Angus. "C'è una negazione sistematica dei servizi di base... Abbiamo ancora tanta strada da fare."

Il capo di Attawapiskat, Bruce Shisheesh, ha riferito al Guardian dopo l'incontro che era felice di accogliere i finanziamenti. "Sono ancora preoccupato, comunque. Stiamo ancora faticando." L'incontro era avvenuto a pochi giorni dal tentato suicidio di altre sei persone. "Siamo ancora in modalità d'emergenza."

Shisheesh ha anche scritto un tweet a Trudeau dopo l'incontro invitandolo a visitare Attawapiskat, come aveva già fatto per mesi. Il giorno successivo, ha postato su Twitter un articolo riguardo l'annuncio di fondi, sostenendo che "le soluzioni-cerotto hanno peggiorato la situazione: abbiamo bisogno di [soluzioni] permanenti."

A marzo, il governo Trudeau aveva annunciato che avrebbe speso quasi 6 miliardi di euro nei prossimi cinque anni per un programma per aborigeni e altre questioni che toccano le comunità di tutto il paese, come la mancanza di acqua pulita e un'inchiesta nazionale sulle donne indigene scomparse e assassinate. Ha promesso anche di porre fine all'emergenza idrica delle riserve First Nations, una cosa che molti gruppi per i diritti umani in Canada e all'estero considerano impossibile con il budget attuale.

Leggi anche: Nel lato oscuro della pizza a New York: eroina, mafia e mozzarella


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook