FYI.

This story is over 5 years old.

VICE News

Fare il professore in Turchia è diventato uno dei lavori più pericolosi al mondo

Tra le decine di migliaia di persone licenziate o incarcerate dalle purghe post-golpe di Erdogan ci sono anche giudici e professori universitari.
22.7.16
Des membres de l'Association de la Jeunesse Turque ultra-nationaliste brandissent une banderole sur laquelle on peut lire "Les universités devraient être nettoyées de l'organisation terroriste de Fethullah". Photo de Baz Ratner/Reuters

Dopo il golpe fallito in Turchia, il governo di Erdogan ha scatenato un'offensiva contro quella una vasta rete di presunti complottisti, definita "stato parallelo" e capeggiata dal clerico esiliato Fethullah Gülen, acerrimo nemico del presidente.

Alcuni dei bersagli delle purghe sono piuttosto ovvi: migliaia di ufficiali militari, inclusi alcuni generali, sono stati deposti e poi imprigionati. Altri invece sono meno scontati: tra le decine di migliaia di persone licenziate o incarcerate, infatti, ci sono anche giudici e professori universitari.

Pubblicità

Mercoledì, Erdogan si è arrogato alcuni poteri eccezionali che gli permettono di bypassare il potere del parlamento per almeno tre mesi, legiferando tramite decreti. E tra i professori universitari, a cui è stato vietato di lasciare il paese per evitarne la fuga, si è diffusa la paura di un presidente sempre più autoritario a cominciare dal giro di vite degli ultimi giorni.

"Quello a cui stiamo assistendo è lo stadio finale di una caccia alle streghe," racconta il professore associato di un'università turca che, come tutti gli altri intervistati in questo articolo, ha chiesto di rimanere anonimo per salvaguardare la propria incolumità.

È cominciato tutto molto prima del tentato colpo di stato, spiega, per zittire "ogni voce d'opposizione al governo," inclusi i giornalisti e gli accademici.

Leggi anche: Sono stata fermata senza motivo per 30 ore in Turchia

"La caccia contro gli accademici è cominciata qualche mese fa," quando l'esercito turco ha lanciato un'operazione contro i militanti curdi che chiedono l'indipendenza della regione a est del paese. "Il presidente stesso ha detto che i 1.128 accademici che avevano firmato la petizione per la pace con i curdi erano 'rifiuti intellettuali', e alcuni di loro sono stati imprigionati. Molti hanno perso il lavoro senza nessuna possibilità di rientrare in campo accademico," racconta.

Le forze di sicurezza hanno cominciato anche a detenere alcuni professori universitari sospettati di essere complici nel tentato golpe.

Pubblicità

Jule Sarac, rettore dell'università di Dicle, è stato arrestato nella città orientale di Diyarbakir. Era stato già indagato per i suoi presunti rapporti con Gülen, che Erdogan ritiene responsabile del tentato colpo di stato militare e per il quale chiede l'estradizione dagli Stati Uniti.

Anche i rettori della Yildiz Technical University – una delle più importanti di Istanbul – Yalova, e Gazi Universities sono stati rimossi dai loro incarichi per ordine del governo.

Martedì, il consiglio per l'istruzione superiore ha ordinato le dimissioni per 1.577 presidi di facoltà, in università pubbliche e private, perché sospettati di avere rapporti con non meglio specificate "cellule nell'esercito." La televisione di stato TRT ha riportato che l'università di Istanbul aveva rimosso 95 accademici dalle loro posizioni lavorative. Questo oltre al licenziamento di massa di 22000 impiegati del ministero dell'istruzione, per lo più insegnanti.

"Ogni giorno ci sono accademici che vengono licenziati o chiamati traditori dal governo perché danno voce alle loro idee e dicono la verità," ci ha detto un professore di una delle più grandi università turche, che ha conseguito un dottorato negli Stati Uniti ed è poi tornato nel paese natìo per insegnare. "Penavo che la Turchia fosse un paese più stimolante e appagante per uno scienziato sociale, rispetto a molte prestigiose università occidentali," dice. Ma adesso, precisa, "mi sento soffocato."

Pubblicità

"L'amministrazione della mia università potrebbe passare nelle mani di un ideologo appuntato dal governo, il prossimo semestre," si lamenta.

Il consiglio per l'istruzione superiore ha dato alle università fino al 5 agosto per inviare rapporti dettagliati su ogni professore, inclusi gli stranieri, per accertarsi che non abbiano relazioni con Gülen. Il ministero dell'istruzione ha chiuso 524 scuole private e 102 istituzioni sospettate di essere collegate a lui.

Lo scopo di tutto questo, ha detto il professore, va ben al di là della purga dei sospetti traditori del governo eletto dalla nazione.

Erdogan "userà questa crisi come una scusa per prendere due piccioni con una fava," dice. Il presidente vuole "eliminare tutta la restante autonomia delle istituzioni educative del paese, specialmente delle università, che sono sempre state una fonte importante di opposizione… e portarle sotto il totale controllo del governo."

Alcuni accademici stanno ricevendo avvisi di licenziamento piuttosto sommari, senza troppe spiegazioni.

"Ho ricevuto un'email dall'amministrazione dell'università per cui lavoro," spiega lo scienziato sociale e dottore di ricerca. "Dicono che i tweet che ho postato dopo gli eventi del 15 luglio, per essere esatti il 16 e il 17 luglio, sono stati considerati pericolosi per le nostre istituzioni."

Non erano nemmeno tweet suoi, spiega: "Ho ritwittato i messaggi di altri accademici o giornali, più che altro contro la pena di morte e chiedendo al governo di rispettare la democrazia e i diritti umani."

Pubblicità

Il suo posto di lavoro in università è stato comunque sospeso, e ci sarà un'inchiesta. Le è stato chiesto di inviare un memorandum di difesa entro una settimana.

Il clima di paura intorno alle università è palpabile, ha detto il professore associato che teme una caccia alle streghe.

"Quelli che hanno perso il lavoro non avranno nessuna possibilità in altre università, e quelli che rimangono si censureranno," spiega, ricordando il caso di un accademico dell'università di Bilgi che è stato licenziato dopo che uno studente aveva registrato alcuni commenti fatti in classe e che sarebbero stati apparentemente contro il governo.

Un quarto professore, anche questo uno scienziato sociale, dice di non aver mai dovuto nascondere la propria identità prima.

"Questa è la prima volta che non potrò firmare con il mio nome un testo da me scritto," dice. "Sono triste di dover mantenere l'anonimato per forza e non per scelta." A differenza di molti suoi colleghi, ha ancora un lavoro. Ma non ha dubbi sul futuro che attende lui e quelli come lui, nella Turchia odierna.

"L'unica ragione per cui ho ancora un lavoro," dice, "è perché probabilmente la lista è molto lunga."

Leggi anche: Come cambia il potere di Erdogan dopo il golpe fallito in Turchia


Segui Alberto Riva su Twitter: @AlbertoRiva

Segui Asli Pelit su Twitter: @brefootcontessa