FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Micologia 1 - La guida di VICE ai funghi davvero molto interessanti

Gli esperti di funghi sono i professori di scienze che chiunque avrebbe voluto avere.
6.8.09

David Fischer è un esperto di funghi e co-autore di Mushrooms of Northeastern North America. Andate su Americanmushrooms.com per un altro milione di fatti interessanti: è in inglese, ma ne vale la pena, anche solo per le foto.

CANTARELLO

È sempre eccitante trovare un cantarello perché crescono simbioticamente sulle radici degli alberi e non si possono coltivare. Ne ho trovati un paio l’altro giorno, dietro a un cimitero. Sono molto costosi. Wegmans, un enorme negozio di alimentari vicino a casa mia, li vende per 70 dollari al chilo. Il cantarello giallo [nella foto], in particolare, ha un profumo fruttato davvero fantastico, simile all’albicocca, ed è delizioso. Ma ricordate, i funghi selvatici vanno mangiati cotti!

SATIRIONE

I satirioni puzzano di carne decomposta e hanno un’apparenza molto fallica. Questa tipologia in particolare sembra quasi che abbia dei testicoli alla base, e il Satirione Canino sembra… Be', sembra il pene di un cane. Che ci crediate o meno, i satirioni sono considerati dei cibi pregiati in alcune parti del mondo. Li mangiano quando sono ancora uova. Li aprono con un coltello e l’anima del fungo, quella che nella fase adulta non è altro che un fluido puzzolente, è molto dolce e ricca di zuccheri.

BOLETO BAIO

Questi sono funghi a ombrello con una testa e un gambo, ma invece di essere coperti dalle tradizionali branchie sotto all’ombrello presentano uno strato di tubicini appuntiti. Sembra una spugna, perché dal basso si vede la parte aperta dei tubi. La cosa bella di questi funghi è che diventano blu, lentamente. Rompendone una parte è possibile osservare il giallo del fungo diventare blu, per via dell’ossidazione. Alcuni sono buonissimi, ma altri sono velenosi. Nessun boleto è psicoattivo.

FUNGO DELL'OLIVO

Se avete molta fortuna e ne trovate uno fresco, potrete portarlo in una stanza buia, e appena i vostri occhi si abitueranno noterete che brillano di una luce verde. Non è l’unico fungo a brillare al buio, anzi. Spesso sul mio sito mi chiedono se i funghi fluorescenti vicino alle centrali nucleari sono radioattivi. Sono sempre delusi quando spiego che si tratta di specie normali, e non mutanti. Questi sembrano delle canterelle, ma sono velenosi. Dovete stare attenti perché spesso non si nota la fluorescenza che li distingue.

ANGELO DELLA MORTE

Uno dei funghi più fatali del mondo. È molto comune e molto velenoso. Un paio di anni fa un uomo di Buffalo morì perché li scambiò per dei semplici funghi da supermercato. Non è un bel modo di andarsene. Non ci sono sintomi per 24 ore, e poi arrivano i primi—nausea, diarrea, vampate. Poi passano, e spesso la gente pensa di aver avuto un attacco di influenza. Nel frattempo, le tossine si stanno mangiando il tuo fegato. Diventi giallo dall'itterizia e ti sparano in cima alla lista per i trapianti di fegato. Se fanno in tempo a dartene uno nuovo, sopravvivi. Se no, sei morto.

GALLINA DEI BOSCHI

Questo è un fungo molto coltivato, gustoso e molto utile a livello medico. È pieno di vitamine e minerali, e viene spesso utilizzato per dare una mano al sistema immunitario. Viene impiegato per le sue doti anti-tumore; è consigliato per aiutare il trattamento di certi tipi di cancro. A nord di New York stanno costruendo un enorme complesso senza finestre dove crescere i Maitake, per poi venderli ai ristoranti. Crescono in abbondanza. Ho visto alcune querce con le basi ricoperte di almeno 50 kg di Maitake.

VESCIA GIGANTE

Questo è il primo fungo del quale mi parlò mio padre quando ero piccolo. Ne avevamo uno che cresceva nel giardino di casa. È una grossa palla bianca, perfettamente sferica. Al tatto sono molto curiosi—leggeri e spugnosi, ma anche solidi e secchi. State attenti a cucinarli. Fanno molto fumo a fiamma alta, e alcuni cercano di rimediare esagerando con l'olio, trovandosi poi con una viscida pastella oleosa. State attenti con le vesce piccole perché sembrano Angeli della morte. Usate solo vesce grandi quanto una palla da tennis. Possono crescere fino a un metro in diametro.

OVOLACCIO

L’Ovolaccio, o Agarico delle mosche, o Amanita muscaria, è il fungo tipico dei racconti per bambini. La variante a testa rossa cresce principalmente in Siberia e nell’Europa del nord, e ha potentissimi effetti psichedelici. Nel 1967, R. Gordon Wasson scrisse un libro sull’Agarico, chiamato Soma, che avviò la rivoluzione dei funghi allucinogeni in Occidente. Tradizionalmente, i ricchi siberiani mangiano l’Agarico per le sue doti psicoattive, per poi urinare in un vaso e lasciarlo sulla porta di casa per permettere ai poveri di bere l’urina per andare in trip. Non fa per me.

PSYLOCIBE

Lo psilocybe crea una fortissima esperienza allucinogena. È molto diverso dal trip dato dalla Amanita. Nel 2006 sono uscite due ricerche indipendenti che consigliavano lo psilocybe per la terapia farmacologica. Non è una nuova ipotesi: negli anni Cinquanta, il fondatore degli Alcolisti Anonimi, Bill Wilson, dopo aver sperimentato con l’acido e lo psilocybe, propose di utilizzarli per aiutare gli alcolizzati a ripulirsi, sostenendo che il risveglio spirituale aiutasse il programma di disintossicazione. Può anche essere utile nel trattamento della sindrome ossessivo-compulsiva.

Leggete anche:

Il fiasco psichedelico della moda islandese

Bando ai funghi