Stranamente, nessuna delle teorie cospirazioniste al Bilderberg 2013 aveva alcun senso

Sono andato in cerca della verità tra i cospirazionisti anti-Bilderberg, ma ne sono uscito più confuso di prima.

|
13 giugno 2013, 10:41am

Ogni anno, il gruppo Bilderberg—che raccoglie personalità influenti in campo politico, economico e bancario—si riunisce per discutere di come preservare la propria influenza. Ora, considerato che le ultime due settimane non sono state le migliori per la democrazia (con ringraziamenti in extremis a governo turco e NSA), non posso biasimarvi se la prospettiva di capi di Stato che si incontrano segretamente con l’élite della finanza, lontano dall’occhio vigile dei media, vi fa un po’ incazzare. Specialmente dato il tasso di disoccupazione in crescita, le città in fiamme e la situazione siriana in continuo peggioramento.

Il fatto è che il teorico cospirazionista medio guarderà a queste informazioni e non vedrà solo un orribile casino a cui siamo arrivati a causa di errori e debolezze umane. I teorici della cospirazione leggeranno la parola “Bilderberg” e inizieranno immediatamente a unire i puntini: stanno inquinando le riserve d’acqua, stanno schiavizzando la vostra mente, e questo è un piano malefico orchestrato contro gli umani dal New World Order. Con una lista degli ospiti che include David Cameron, il capo dell’FMI Christine Lagarde (una delle 14 donne tra i 134 delegati), David Petraeus e i dirigenti della British Petroleum, Goldman Sachs e Shell, il pubblico ha il diritto di sapere di cosa discutano. Sfortunatamente, questa legittima richiesta di copertura mediatica viene screditata dallo sciame di teorici cospirazionisti che ogni anno si presenta all’evento per accamparsi fuori dal cancello a urlare stupidaggini sulle società segrete.

Come previsto, quando quelli del Bilderberg sono arrivati al lussuoso Grove Hotel a Watford lo scorso weekend, la più grande folla di cospirazionisti mai vista era lì ad attenderli. Hanno deciso di trasformarlo in un evento e così è nato il Bilderberg Fringe Festival, completo di campeggio, tenda per la stampa e i nomi più conosciuti nel mondo del cospirazionismo, inclusi David Icke e Alex Jones. Quale sarà l’ultima verità segreta inventata dai potenti per fotterci? Sono andato al Grove per tastare le acque (sature di fluoruro).

Al mio arrivo, la polizia stava operando la politica del “uno dentro uno fuori”. “L’evento ha già superato il limite di capacità,” urlavano. “Dovevano esserci 1.000 persone, e ora ce ne sono 2.000. Per favore, fuori dal prato.” “Fuori dal prato? È per questo che paghiamo le tasse?” ha iniziato a sbraitare un ragazzo, con la folla che lo incitava e faceva il tifo per lui. Ho atteso con pazienza il mio turno per avvicinarmi al Fringe Festival, insieme a un gruppo di media totalmente legittimi come InfoWars, WeAreChange e Truthjuice. Sembravano tutti nervosi e l’aria ricordava la fragranza vincitrice della Cannabis Cup


Indie Meds.

Dopo aver osservato giornalisti fare la fila e poi andarsene sconsolati, sono finalmente riuscito a passare. Alex Jones, l’oratore principale, non aveva ancora iniziato il suo discorso, quindi mi sono preso qualche minuto per fare amicizia.

“Ciao, come ti chiami?” ho chiesto a un ragazzo in tunica marrone.

"Indie Meds. È il mio nome illuminato, da quando mi sono svegliato.”

"Quando ti sei svegliato?”

"Ho iniziato circa un anno fa, quando ho avuto un ictus all'emisfero sinistro. Dopo il mio lato consapevole si è svegliato e ho iniziato a notare che le notizie non erano altro che spazzatura. Ho fatto le mie ricerche sulle piramidi d’Egitto, i maya, la geometria sacra—e gli alieni. Sono tutti interconnessi e io ho messo insieme i pezzi da solo.”

"Che cosa lega tutte queste cose?”

"Il messaggio è lo stesso—per i maya, per gli egizi e per Atlantide ancora prima: Tu sei Dio, tu sei uno.”


Poco lontano c’è il Grove Hotel, location del meeting Bilderberg.

“E cosa c'entra col Bilderberg?”

"Il gruppo Bilderberg è solo parte del gioco di potere,” mi dice. “Tutte le guerre, tutti i media, tutti i politici, tutte le religioni. Sono sicuro siano legati anche al Vaticano. Una volta che inizi con le ricerche, scopri che tutto può essere collegato a tutto, e non appena avrai davanti a te tutti questi collegamenti, la tua visione del mondo cambierà.”

"Ok. Perché il costume?”

"Perché mi piace vestirmi come uno Jedi.” Le parole di Indie non mi avevano chiarito granché. Cosa voleva dire essere “sveglio”? Dovevo avere un ictus per potermi risvegliare? E come poteva la geometria sacra avere a che fare con un sacco di persone potenti che si incontrano una volta l’anno in assenza di telecamere? Ho chiesto aiuto ad altre persone.


Phillis (sinistra) e Jud Charlton.

Forse Jud Charlton e il suo pupazzo da ventriloquo, Phillis, avrebbero potuto facilitare il mio risveglio.

“L’idea dietro a Ventriloqui Contro la Cospirazione è di riunirsi,” mi spiega Jud.

“Se venissi da solo non starei bene,” ridacchiava Phillis.

"Mi sembra giusto. Quale sarebbe la cospirazione?”

“Tutto lo è: tiriamo fuori tutte le informazioni. Rendiamo pubblico tutto quello che stanno facendo.”


Molte delle persone “risvegliate” sembravano passare il tempo dormendo.

“Cosa stanno facendo?”

"Be’, questo è il problema, no?” L’ho fissato in modo assente per un paio di secondi. “Sì. Aspetta—mi ripeti qual è il problema?” Prima che potessi indagare più a fondo, un’ondata di urla e persone che intonavano la “Marcia Imperiale” di Star Wars mi hanno suggerito che Alex Jones stava raggiungendo palco. Lo show stava per cominciare.


Alex Jones.

Penso che ormai sappiate chi è Alex Jones. Se non fosse così, ecco una sua mini-bio: è come un wrestler, se solo gli sceneggiatori di WWE obbligassero quel wrestler a interpretare il personaggio di un paranoico una volta salito sul ring. Sembra aver frequentato un master di retorica in cui inondi l’ascoltatore con una tale quantità di falsità che non riusciresti nemmeno ad affrontarle tutte nella vita reale.

“Se pensate che gli stupri sui minori e la necrofilia siano tutto, sappiate che sono solo la superficie,” ha iniziato, facendosi strada dolcemente nell’altalena dei fatti.


Gli elettrodi erano uno degli accessori più in voga.

“Potrebbero uccidermi per essere salito qui e avervi detto queste cose, ma stanno facendo girare dei virus tumorali—per questo ci sono centinaia di nuovi tumori mai esistiti prima. Ecco perché 30 anni fa—ne ho parlato con dei medici—i dottori attraversavano il Paese per vedere un bambino col cancro. Ora mi basta uscire di casa per incontrare bambini malati di cancro nel parco giochi, con quel mozzicone pieno di veleno da chemio addosso!” La folla esultava.

“Questi poliziotti. Ognuno di questi poliziotti. In sei anni, il 40 percento di loro avrà il cancro.” La folla rideva ed esultava ancora. Ah ah! Cancro.


Una bambina sfonda la barriera della polizia, presumibilmente per unirsi agli Illuminati.

“Sul serio. Entro il 2030 saranno più del 70 percento. E questi sbirri se lo ricorderanno, quando seppelliranno il figlio minore per colpa del cancro. E diranno, ‘Oh, questo cancro non esisteva 20 anni fa, ma tutti i bambini se lo stanno prendendo. Ma non discutiamo del perché stia accadendo, doniamo denaro per trovare una cura.’ È come se Jack lo Squartatore stesse accoltellando la gente e noi cercassimo un modo per guarirla invece di cercare Jack lo Squartatore!”

Nel caso non l’aveste colto, dato che non ha alcun senso, quello che Jones sta essenzialmente sostenendo è: “Invece di donare soldi alla ricerca per scoprire da dove vengono queste nuove forme tumorali e come trattarle, continuiamo semplicemente ad accusare i manager e i politici di voler inventare nuovi metodi per mutare i nostri geni.”

Poi ha guidato la folla nello slogan, “Sappiamo che siete assassini!” Presumibilmente lo scopo era arrivare al Grove Hotel, a buoni 600 metri da noi.

Verso la fine del discorso, un provocatore solitario è saltato sul palco e ha iniziato ad accusare Jones di essere parte del New World Order lui stesso, facendo infuriare la folla di fedeli, che urlava, “Polizia! Arrestatelo!” Il livello di ironia nell’aria era tale da soffocarmi. Non ho potuto fare a meno di immaginare il provocatore predicare alla sua devota legione di teorici della cospirazione infangati: il Bilderberg Fringe Festival del Fringe Festival.

In quell'occasione, in mezzo alla massa sconvolta, con ogni probabilità ci sarebbe stato un altro provocatore pronto a interrompere il discorso del primo invocando la verità (la vera verità). Tra secoli, quando tutto sarà ormai storia, si scoprirà che quel ragazzo—il teorico della cospirazione che ha messo in dubbio il teorico della cospirazione, che ha messo in dubbio il teorico della cospirazione, che ha messo in dubbio il New World Order—aveva ragione.


Trevor.

Nonostante la valanga di nuove informazioni, avevo bisogno di sapere di più. Il discorso di Jones aveva attivato i miei recettori, e non potevo non approfittare.

“Quale pensi sia stato il punto principale del discorso di Alex?” ho chiesto a Trevor.

"Cercare di illuminarci sui retroscena.”

"Che retroscena?”

"Be’, l’incontro del gruppo Bilderberg.”

“Perché indossi orecchie da elfo?”

“Oh, sono orecchie da fata. Me la spasso con un gruppo di fate.”


Janet (sinistra) e Valerie.

Mi sono girato verso due delle fate, Janet e Valerie, per chiedere loro, “Quale pensate fosse il punto centrale del discorso di Alex?”

“Sensibilizzare il pubblico, penso,” mi risponde Janet. “Per vedere tante persone con la stessa mentalità riunirsi, penso che il cambiamento sia vicino.” “Sì,” Valerie era d’accordo.

"Un cambiamento in cosa? Per favore, puoi spiegarmi di cosa dovrei essere consapevole?”

"Stanno cambiando molte cose. Penso che la gente inizi a svegliarsi,” ha concluso Janet prima di saltellare via con Valerie. Credo fossero in cerca di vibrazioni migliori e di persone che non le riempivano di domande sul perché si stessero riempiendo di domande.

Ma avevo ogni diritto di sentirmi frustrato. Ero arrivato per capire cosa non andasse nel Bilderberg—o, al limite, cosa queste persone pensavano stesse succedendo nel Bilderberg—e nessuno aveva una risposta chiara. È stato più o meno in quel momento che ho iniziato a notare un preoccupante numero di bambini che giocavano intorno alla “zona di guarigione spirituale”, allestita per contrastare qualsiasi cerimonia oscura si stesse evocando poco lontano, nell'hotel. Non potevo fare altro che chiedermi quanti di loro avrebbero avuto una vita di paranoia.

Ma forse ero solo cinico. Forse contribuivano regolarmente al tanto lodato InfoWars ed erano lì volontariamente? Forse, con la sincerità e l'ingenuità tipica di quella fase della vita, avrebbero potuto aiutare a svegliarmi?

Ho chiesto a una bambina cosa pensava stesse accadendo alla conferenza del gruppo Bilderberg.

“Um. Si divertono!” Si divertono? Aveva forse anche lei un ruolo nel New World Order? 

"Cosa pensi che stia succedendo in quell’hotel?” ho indagato.

“Non so." Non ero convinto.

"È il luogo in cui il New World Order si incontra per discutere dei programmi di eugenetica?”

"Sì!” Me ne sono andato il più velocemente possibile, prima che mi iniettasse il cancro nel sangue.


La maglietta di questa signora dice, “Sono andata al Bilderberg 2013 e tutto quello che ci ho trovato è questo disgustoso New World Order.”

Fino a quel momento avevo incontrato molte persone supponenti che non sembravano voler condividere alcuna opinione al di fuori del fatto che i membri del Bilderberg fossero i tizi dietro al cancro. Eppure ho visto abbastanza eventi del genere per sapere che il circolo dell’hula hoop riserva sempre grandi sorprese. Forse le ragazze del circolo mi avrebbero finalmente aiutato.


Francesca.

Francesca aveva un sorriso mozzafiato. Se l’aura è una cosa reale, lei ne ha senza dubbio una, tanto che riuscivo a percepirne l’energia. Penso che anche lei sentisse la mia. “Cosa ci fai qui?” le ho chiesto.

“Sono venuta per diffondere quanto più amore incondizionato mi è possibile. Verso tutti. E penso stia funzionando—lo sento.”

"Anche io penso funzioni. Quale pensi fosse il tema centrale del discorso di Alex?”


Le guardie di sicurezza civili scortano fuori un uomo con la sola forza del loro potere di arresto inesistente.

“Ci rendono consapevoli, è una cosa meravigliosa. Apprezzo il fatto che siano qui a fare la cosa giusta e a parlare della verità.”

"Di cosa ci stanno rendendo consapevoli, di preciso?”

"Di cosa succede nel mondo. Noi non ascoltiamo i media e tutto il resto.”

Ero triste che Francesca non avesse le risposte che cercavo, almeno fino a che non mi ha detto che mi amava e mi ha abbracciato per salutarmi.


Bryony.

“Cosa ti ha portata qui?” ho chiesto a un'altra ragazza, Bryony.

"Persone, tutti, connessione e informazioni."

"Quali informazioni, in particolare?”

"Uh, su… i tizi riuniti lì. Come si chiamano?”

"Bilderberg?"

“I Bilderberg, sì. Non dovremmo ascoltarli, perché cercano di controllarci e opprimerci. E avvelenarci.”

"Come ci avvelenano?”

"Ci avvelenano buttando fluoruri nell’acqua e modificando geneticamente la natura.”

"Qualcuno qui sostiene questa teoria?”

"Tipo, ecco il fatto—sono venuta qui con una mente aperta. Sono venuta per connettermi alle persone e per amare.”

Be’, chissenefrega. Il Bilderberg Fringe Festival è strano. Mi aspettavo teorici della cospirazione che mi sarebbero saltati addosso da ogni angolo nel tentativo di spiegarmi la “verità”. Invece non sapevano nemmeno dirmi in cosa loro o gli altri credessero. L’unica cosa su cui sembravano essere tutti d’accordo, era che il Bilderberg ci stia in qualche modo controllando/uccidendo attraverso la fluorizzazione delle acque. Se così fosse, avrebbero bisogno di incontrarsi per più di cinque minuti per discuterne (“Mettiamo un po’ più fluoruro nelle riserve d’acqua” "Ok")?

Non c’è da sorprendersi che in tempi di ristrettezze economiche la gente cerchi qualcuno da colpevolizzare, ma se gli hippy del Bilderberg Fringe non riescono a incanalare la loro rabbia in qualcosa di concreto, screditano chiunque altro stia genuinamente lottando per il cambiamento. Sappiamo bene che quando assumi droghe tutto sembra collegato in una qualche gigantesca cospirazione cosmica, ma le soluzioni ai problemi del mondo non sono semplici quanto tentare di smascherare una società segreta di uomini-lucertola il cui intento è governare il mondo. 


Altri punti di vista:

La marcia della morte

I gatti sono spie mandate dagli alieni?

Altro da VICE
Vice Channels