La vita nelle campagne della Moldavia, la nazione più povera d'Europa

FYI.

This story is over 5 years old.

Foto

La vita nelle campagne della Moldavia, la nazione più povera d'Europa

Asa Sjöström documenta la resilienza dell'infanzia nell'ex nazione sovietica.
12.5.16

La Moldavia è la nazione più povera d'Europa. Ha ottenuto l'indipendenza dalla Russia nel 1992, e da allora penso che i media non se ne siano occupati molto. L'ho trovato un posto curioso, sconosciuto e poco esplorato dal mainstream, quindi sono andata a fare qualche foto.

In quanto piccolo paese di confine tra l'Ucraina e la Romania, la stabilità economica della Moldavia ha sofferto ulteriormente con l'esplosione del conflitto ucraino. I legami di scambio di beni agricoli e vino tra la Russia e l'Ucraina sono stati interrotti, lasciando poche prospettive lavorative e spingendo molti giovani a trasferirsi altrove—per la maggior parte in Europa e Russia—in cerca di lavoro, di un futuro migliore, o per guadagnare soldi da spedire ai loro cari, lasciando spesso i bambini con i parenti più anziani, in collegi, o qualche volta abbandonandoli.

Pubblicità

Le proteste e le manifestazioni contro la corruzione che hanno seguito il crollo del sistema bancario sono riuscite a catturare l'attenzione mediatica, e la nazione è divisa tra chi è a favore dell'Europa e chi della Russia.

La vita nella Moldavia rurale si sta dimostrando più difficile che mai. Negli anni ho visitato spesso il paese, fotografando i bambini nella loro vita quotidiana. Durante la mia ultima visita sono stata con i Gradinaris, una fantastica famiglia con sei bambini che incarna perfettamente la generosità, l'onestà e l'orgoglio del popolo moldavo. Il padre lavora in Russia e la madre nella tenuta di famiglia, anche se fatica a trovare i soldi per la semenza. I bambini lavorano e aiutano come possono.

Nonostante le prospettive grigie per il futuro del paese, ho visto i bambini vivere momenti di gioia. Sono rimasta stupita di quanto resiliente può essere la purezza dell'infanzia, e dall'incredibile resistenza di una nazione che soffre.

Come raccontato a Francesca Cronan asasjostrom.com

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: