Come azzeccare la schedina per gli europei con l''intelligenza dello sciame'

Un redditor italiano ha cercato di usare la Swarm Intelligence su Reddit per capire chi vincerà questi europei di calcio.
10.6.16

UNU (Unanimous AI) è una piattaforma di Swarm Intelligence, una forma di "intelligenza di gruppo"—letteralmente "intelligenza dello sciame"—che può essere sfruttata per effettuare previsioni accurate grazie alla collaborazione fra più individui. Secondo quanto sostengono i creatori di UNU, la swarm intelligence si basa sul fatto che la capacità di prevedere un evento da parte di un gruppo di individui sia superiore alla somma delle singole capacità individuali.

Pubblicità

Qualche giorno fa, mi sono imbattuto in un post ad opera di un utente di Reddit che ha pensato a un utilizzo creativo di questi strumenti un "EspEURImento": provare a beccare le 6 squadre che si classificheranno per prime nel rispettivo gruppo e poi le due squadre che passeranno come prima e seconda in ordine libero per ciascun girone dei campionati Europei 2016, per poi condividere pubblicamente i risultati che, chi vorrà, potrà usare per scommettere.

Il problema è che la piattaforma UNU, è troppo USA-centrica (gli orari di ritrovo degli utenti, infatti, sono pensati per le ore serali della Costa Atlantica, inoltre difficilmente i suoi utenti statunitensi seguono gli Europei di Calcio). Così, invece di impostare un gruppo su UNU, CamilloBrillo—questo il nome del Reditor che ha proposto l'impresa—ha creato un Google form con 12 domande a scelta multipla, raccomandando ai partecipanti di comportarsi "come se steste facendo la vostra bella schedina alla ricevitoria."

I votanti sono stati 343, CamilloBrillo ha processato i dati raccolti e ha riportato i pronostici—che siete ancora in tempo a giocare—con le percentuali delle varie previsioni vincenti.

Geniale: combinare la grande passione italiana per il calcio con le tecniche di "intelligenza artificiale" o comunque con le tecniche di Swarm Intelligence. Ho deciso, di contattare CamilloBrillo via mail per chiedergli come sta procedendo il suo progetto, scoprendo a chi appartiene il nickname: Andrea Nepori che si occupa di tecnologia su La Stampa. Ecco cosa ci siamo detti via Skype.

Pubblicità

Motherboard: Ciao Andrea, perché hai deciso di tentare questo esperimento?

Andrea Nepori: È nato da un interesse personale. Normalmente sono pressoché disinteressato alle partite di campionato, ma quando iniziano gli Europei o Mondiali divento un "pallonaio ludopatico", vado in fissa per le partite e mi diverto ad azzeccare i vari marcatori e le schedine. Ad esperimento già ampiamente avviato, ho accennato alla redazione di questo mio progetto e mi hanno chiesto di scriverne. Non mi era neanche lontanamente passato per la testa l'idea di tirarci fuori un pezzo. Mai avrei pensato che un argomento così nerd sarebbe potuto risultare d'interesse, così, ora sono costretto a doxxarmi da solo, non mi era mai capitato prima.

Detto questo, il pretesto è un articolo uscito qualche settimana fa su TechRepublic, in cui un giornalista ha utilizzato UNU per prevedere precisamente la "Superfecta" (la combinazione dei quattro cavalli vincenti in ordine di arrivo) del Kentucky Derby. La combinazione era data dai broker a 1 a 540.

Il concetto di Swarm Intelligence in informatica si rifà a modelli come di sistemi auto-organizzati che riescono a svolgere un'azione complessa in virtù di un'intelligenza collettiva.

Ma in cosa si distingue il sistema di UNU rispetto a quella che in informatica viene propriamente definita Swarm Intelligence?

Il concetto di Swarm Intelligence in informatica è più complesso di "wisdom of the crowd"— la cosiddetta saggezza della folla—e si rifà a modelli come di sistemi auto-organizzati che riescono a svolgere un'azione complessa in virtù di un'intelligenza collettiva. In natura, degli esempi possono essere le colonie di insetti, gli stormi di uccelli oppure i branchi di pesci. Inoltre, ha un'accezzione legata all'intelligenza artificiale.

Pubblicità

UNU calcola risposte rilevanti attraverso un poll con un limite di tempo preimpostato per rispondere alla singola domanda. Non mi è sembrato di notare l'intervento di un qualche algoritmo particolare che affinasse i risultati. Per farla breve, non ho rilevato che il metodo di calcolo sia legato in qualche maniera particolare alla piattaforma, ma che piuttosto sfrutti la cosiddetta "wisdom of the crowd". Infatti, per quanto i giudizi vengano dati in maniera anonima, non potranno mai essere liberi da bias o pregiudizi vari tipici degli esseri umani.

Non sono un esperto di sondaggi e non so come evitare il bias. Così, per rendere le domande le più imparziali possibili, ho provato a presentare le domande del Google form in maniera random e ho chiesto agli utenti di rispondere in maniera istintiva rifacendomi alla loro buona fede—in effetti, potrei riproporre l'esperienza embeddando un timer in Javascript, per assicurami che non ci pensino troppo su.

E quali conclusioni hai tratto?

Premettendo che questo tentativo non ha alcuna pretesa di scientificità, volevo vedere cosa sarebbe emerso in condizioni simili a quelle della piattaforma: anonimato, velocità e istintività. Una situazione differente dalla classica schedina giocata al bar con gli amici.

Tornando al nostro caso, ho avuto l'impressione che, per via delle condizioni richieste per le risposte, come la velocità e l'istintività, gli utenti abbiano indicato le squadre notoriamente più forti e prestigiose come favorite, facendo tendere i risultati verso una certa uniformità. Un approccio più freddo e ragionato, invece, come quelli usati nei cosiddetti "sistemi", comporta il prendere in considerazione le esperienze passate: i mondiali e gli europei ci hanno insegnato che almeno una delle squadre più rilevanti finisce per fare schifo e, al contrario, una delle insospettabili finisce sempre per stupirci, diventando la rivelazione del campionato. In ogni modo, ci sono sempre troppe variabili in gioco da prevedere e il caso—pensa agli infortuni—può sempre giocare dei brutti scherzi.

Pubblicità

L'esperimento finisce qui?

Assolutamente no, ho intenzione di analizzare le prime 50 risposte del form (oppure 50 scelte caso) per capire se la quantità di partecipanti è un fattore che influenza il bias del risultato. E poi, il prossimo passaggio, dopo l'indovinare chi vincerà gli ottavi, sarà prevedere chi arriverà ai quarti…

Come mai hai scelto Reddit come luogo in cui proporre l'esperimento?

Per un motivo molto semplice: sono un reddittor da anni. Ora lo frequento un po' meno, ma mi diverto sempre molto a utilizzarlo. Si tratta del luogo ideale per questo tipo di prove: una comunità nutrita, vivace, che risponde rapidamente e che si è rivelata ricettiva.

Il post, infatti, è andato molto bene.

Certo, i tentativi di utilizzo dell'intelligenza collettiva su Reddit possono rivelarsi anche disastrosi, come quando si è tentato di identificare gli attentatori di Boston—in quel caso specifico era stato indicato un innocente a cui è stata sostanzialmente rovinata la vita. Ma nel mio caso—complice anche il fatto di trattare un argomento molto più leggero—i rischi massimi che potevo correre erano quelli di ricevere una risposta aggressiva, invece, non è accaduto nulla di tutto questo.

Andrea, ma alla fine, com'è messa questa Italia per gli Europei secondo i redditor?

Le previsioni per l'Italia mi sembrano quelle più affidabili. Salvo sorprese, dovremmo essere più forti dell'Irlanda. Il Belgio è una squadra strana, sulla carta sembra molto forte, sono quotati bene. Nel nostro girone mi preoccupa la Svezia, mi ricordo ancora quando la per la partita Svezia-Danimarca, un match con le quotazioni più basse di sempre, si è verificato il cosiddetto "Biscotto" (ovvero quando due squadre entrambe favorite pareggiano senza mettersi d'accordo) e i tifosi svedesi avevano delle bandiere con scritto "CIAO ITALIA" per sfotterci.

Riguardo gli altri gironi, invece, mi ha sorpreso la fiducia dei redditors per il Portogallo, una squadra che nelle competizioni internazionali non è mai andata bene. Ma la vera incognita degli Europei è l'Islanda… anzi, varrebbe quasi la pena di farci un pensierino.

Seguici sulla nostra nuova pagina!