crimine

Quattro ex detenuti raccontano le cose più assurde che hanno visto in carcere

"Nella cella di un mio compagno d'ala è stata ritrovata una federa piena di teste mozzate di piccione."

di Nick Chester
06 marzo 2017, 10:36am

La prigione sembra essere una fonte quasi inestinguibile di storie assurde. Solo negli ultimi mesi, la stampa internazionale ha parlato di carcerati che guerreggiavano mezzi nudi a colpi di spazzolino da denti, che cercavano di far saltare in aria i propri nemici con liquidi esplosivi, e che, nudi, sgattaiolavano fuori dalla cella dalla porticina del cibo. Basti dire che dietro le sbarre succedono molte cose che hai poche possibilità di vedere nel mondo libero. 

L'idea che la prigione sia un mondo a sé può sembrare un cliché, ma è anche logico che le regole della società comune non si applichino in un luogo riservato a persone ritenute inadatte a vivere nella suddetta società. Quindi, ho chiesto a quattro ex detenuti di raccontarmi le cose più bizzarre che hanno visto mentre erano in carcere. Ecco cosa mi hanno risposto. 

JOHN WILLIAM, 67 ANNI
È STATO IN CARCERE DIVERSE VOLTE PER RAPINA A MANO ARMATA

Sono due gli "incidenti" che mi sono successi durante le mie permanenze in carcere e che mi sono rimasti in mente in modo chiaro. Il primo è stato quando le guardie del carcere di Albany hanno disseppellito il colpo della mia cocorita, pensando che avessi sotterrato della merce di contrabbando. Chi doveva scontare una condanna lunga aveva il permesso di avere un uccellino, e per me la mia cocorita era quasi come un figlio. Fuori dalla mia ala c'era un piccolo spiazzo erboso con un albero, e io l'avevo scelto come luogo per la sepoltura. Circa 20 minuti dopo, ero in cella e dalla finestra ho visto un gruppo di guardie che si dirigevano lì.

Con mio enorme dolore, hanno cominciato a scavare, pensando ovviamente che avessi nascosto merce di contrabbando. Devono avermi visto scavare e aver tratto le loro conclusioni. È stato del tutto surreale. Alla fine hanno trovato il cadavere, e si sono fatti una grande risata. A me non ha fatto ridere per niente. Avevo sviluppato un legame più stretto con quell'uccellino che con molti esseri umani, a quel punto della mia vita, che probabilmente è il motivo per cui sono finito in carcere.

Il secondo incidente è stato quando un detenuto è stato beccato con addosso la biancheria intima della moglie del direttore del carcere. L'hanno perquisito, e si è scoperto che indossava delle mutandine molto sexy. Hanno perquisito la sua cella e ne hanno trovate altre. Volevano sapere che diamine stesse succedendo, e hanno cominciato a sparargli domande a raffica: "Cosa succede?", "C'è un contrabbando di mutande?", "Dove le hai prese?" Lui si è rifiutato di rispondere, perciò è stato portato davanti al direttore con l'accusa di essere in possesso di beni non autorizzati. 

In seguito ho scoperto che il direttore gli aveva letto le accuse e chiesto se aveva qualcosa da aggiungere. "Sì," ha detto il ladro di biancheria. "Mi dispiace molto signore, sono le mutande di sua moglie." Gli era stato permesso di uscire dal carcere per tinteggiare la casa del direttore, dato che era un detenuto fidato, e lui era entrato e aveva rubato le mutande.

JUSTIN ROLLINS, 32 ANNI
È STATO IN CARCERE PER RAPINA

La cosa più strana che ho visto è successa nel carcere di massima sicurezza di Highdown, nel Surrey. In quel periodo ero in infermeria perché mi ero tagliato le braccia con un rasoio. Era un'area più tranquilla di quella per i giovani carcerati in cui ero detenuto. 

Highdown è un carcere pensato per prigionieri adulti, pericolosi o che potrebbero voler scappare, ma ha anche uno spazio per i giovani—e io ero uno di loro. In infermeria erano tutti adulti tranne me, e molti avevano gravi problemi psichiatrici. Un giorno ho visto alcune guardie carcerarie in tenuta bianca anticontaminazione trascinare fuori da una cella un tizio. L'hanno portato in una cella fatta apposta per ridurre al minimo le possibilità che riuscisse a farsi del male. 

Era abbastanza comune che i prigionieri venissero trascinati fuori da uomini in bianco, di solito succedeva quando si ricoprivano di merda—cosa che succedeva regolarmente. Questa volta però il motivo era molto più strano: nella cella di quest'uomo era stata trovata una federa piena di teste mozzate di piccione. Aveva usato briciole di pane per attirarli nella sua cella, aveva staccato loro la testa e ne aveva fatto una collezione.

Dopo quell'episodio non abbiamo mai più visto il killer di piccioni. Immagino che sia stato trasferito in un altro carcere o in un ospedale psichiatrico. Gli altri carcerati l'hanno trovato un episodio divertente. In fondo, quando sei in carcere devi abituarti a un certo umorismo nero. I membri dello staff erano ancora più duri dei detenuti. Avevano visto qualunque cosa. Detto questo, una guardia ha vomitato la colazione dopo aver visto le teste di piccioni, e non posso biasimarla. 

CERI "CESTO" STOKES, 33 ANNI
È STATO IN CARCERE DIVERSE VOLTE PER AGGRESSIONE

L'episodio più assurdo a cui ho assistito in carcere è stato quando un uomo ha preso in ostaggio una guardia con una bomba finta fatta di una provetta e dei fili di una radio. Era irlandese e faceva leva sullo stereotipo sui suoi connazionali. In realtà, non aveva idea di come fare una bomba. L'ostaggio era una donna, Emma, che era davvero una stronza. Tutta la nostra ala si era lamentata di lei e l'irlandese aveva deciso di fare qualcosa. L'aveva chiusa nel suo ufficio, e la minacciava di farla saltare in aria. Lei se la stava facendo sotto e noi lo trovavamo molto divertente, perché ci aveva reso la vita un inferno. 

Presto era diventato evidente che le guardie avevano perso il controllo dell'ala, e noi eravamo in rivolta. Sono riusciti a chiuderci tutti nel cortile, dove ci hanno tenuto fino a mezzanotte. I detenuti delle ali circostanti lanciarono fuori dalle finestre i loro materassi, e noi gli appiccammo fuoco. La rivolta finì addirittura sui giornali.

L'irlandese si prese altri quattro anni per aver preso ostaggi. Il direttore alla fine assicurò a tutti quanti noi in cortile che non ci sarebbero stati inasprimenti di pena se avessimo tutti accettato di tornare alle nostre celle. Anche se mantenne la parola, alcuni vennero trasferiti in altre carceri poco dopo. È stata una cosa strana, buffa quasi, ma rende bene che posti assurdi possono essere le carceri a volte.

STEPHEN JACKLEY, 30 ANNI
È STATO IN CARCERE PER 12 ANNI PER RAPINA A MANO ARMATA

Una delle cose più strane che ho visto dietro le sbarre è stato quando le guardie del carcere di massima sicurezza di Parkhurst hanno cancellato l'ora d'aria perché c'era una nuvola in cielo. Immagino che, nell'ottica di una guardia, la pioggia significhi suolo bagnato, che è un problema per la regolamentazione di salute e sicurezza. Una nuvola significa che potrebbe piovere, e volevano essere proattivi e affrontare l'emergenza pioggia prima che si presentasse. Considerato come si vive in carcere, non sarebbe certo stata una nuvola la cosa più pericolosa della nostra giornata. 

John, Justin, Cesto, e Stephen ci hanno detto di essere persone nuove, ora. Justin ha scritto un libro sui suoi giorni da criminale, Stephen ha la sua casa editrice, John è un blogger che si occupa di carcere e crimine, e Cesto fa il rapper.

Segui Nick e Joel su Twitter: @Nickchesterv e @JoelBenjaminDraws