Tech by VICE

Come tenerci i robot, perdere il lavoro e diventare finalmente ricchi

Non è così folle come sembra, ma richiederebbe una prospettiva politica e sociale completamente nuova.

di Jordan Pearson
06 marzo 2017, 1:53pm

Il governo dell'Ontario è sempre più vicino a far partire il suo programma sperimentale di un reddito di base — essenzialmente una forma di integrazione economica per i redditi delle persone che guadagnano sotto una determinata soglia. Comprensibilmente, diverse persone sono preoccupate per come questa politica possa risultare finanziariamente sostenibile e funzionare dal punto di vista pratico.

Gli esperti di politica stanno svolgendo ricerche sul reddito di base per rendere più stabile una società in cui gli esseri umani verranno sostituiti da robot nel mondo del lavoro. Bill Gates e una serie di politici si sono spinti fino a chiedere una tassa sui robot per ostacolarne la diffusione.

Ma che ne direste di pensare a qualcosa di differente? Cosa succederebbe se le nostra società petrolifere e le altre che sfruttano le risorse naturali — come le falde acque sotterranee, per esempio — contribuissero al benessere della società? In questo modo, potremmo tenerci i nostri robot prosperando allo stesso tempo.

L'idea non è così priva di senso, ed è stata discussa dall'ex ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis in una trasmissione di Al Jazeera. Piuttosto che elargire un reddito di base e tassare i robot impiegati nell'industria, Varoufakis propone che il modo migliore per sostenere una società sempre più automatizzata (con meno posti di lavoro per gli esseri umani) sia un dividendo nazionale.

Essenzialmente l'idea del dividendo nazionale consiste nel distribuire ad ogni cittadino una porzione uguale di utile derivato dalla capacità produttività complessiva di tutta la società d cui fa parte. Nella concezione di Varoufakis, comporterebbe che ogni società dedichi parte delle sue azioni a un trust pubblico, rendendo ogni singolo membro della società come un azionista.

Piuttosto che disincentivare lo sviluppo della robotica attraverso la tassazione, il dividendo nazionale consentirebbe a tutti i membri di una determinata società di vivere nel benessere anche se ogni fabbrica sostituisse i suoi dipendenti umani con dei robot domani stesso.

Ma la concezione Varoufakis è solo una fra le tante. Il concetto chiave è che le aziende — quelle già di proprietà del governo, così come quelle private che traggono profitto dalle risorse naturali — dovrebbero contribuire a finanziare il benessere della società tutta.

"Negli anni Ottanta, lo stato dell'Alaska, pur avendo un governo repubblicano relativamente conservatore, con tutto il petrolio e il gas presente nel suo territorio, ha deciso di convogliare una buona parte dei suoi profitti all'Alaska Permanent Fund," ha dichiarato in un'intervista Jim Mulvale, Direttore della Faculty of Social Work presso l'Università di Manitoba. "Una parte del denaro veniva utilizzato per pagare un dividendo annuale a tutti i residenti dello stato dell'Alaska."

"Non c'è nulla che impedisca ai governi nazionali di adottare questo genere di politiche", ha continuato, "si potrebbe fare in modo che anche le aziende private contribuiscano ad un fondo simile."

"Dobbiamo ripensare completamente la nostra idea di lavoro"

Se da un lato le compagnie petrolifere sono un ovvio punto di partenza, ha spiegato Mulvale, potremmo anche richiedere alle altre industrie di contribuire al dividendo nazionale. Ad esempio, i robot e internet esistono grazie a decenni di ricerca finanziata con fondi e investimenti pubblici, oltre a contributi del settore privato, quindi, si potrebbe chiedere alle aziende che traggono profitto da queste tecnologie di restituire indietro una parte di quanto hanno guadagnato.

"Il succo è questo: che si tratti di terreni o di risorse naturali, idroelettriche, o degli investimenti a lungo termine per sviluppare i robot e Internet: si tratta di capitale sociale", ha spiegato Mulvale.

La più grande differenza tra il reddito di base e un dividendo nazionale è come si relazionano al lavoro e all'occupazione.

Un reddito di base in una società sempre più automatizzata, nonostante garantisca uno standard minimo di vita, non risolve il problema della mancanza di posti di lavoro in generale. Quindi, è necessaria una tassazione dei robot per rallentare la loro diffusione. Ma anche con un dividendo nazionale, un'economia completamente automatizzato terrebbe a galla economicamente tutti: perché i robot lavorerebbero per noi.

E cosa dire degli altri benefici, meno tangibili di un lavoro stabile? Alcuni temono che, senza l'obbligo di lavorare, la società sarebbe dominata dall'ingordigia e dall'accidia, tuttavia le potenzialità offerte da una società estremamente tecnologizzata e più equa hanno catturato da tempo l'immaginazione di generazioni di spettatori attraverso prodotti come Star Trek.

"Potenzialmente, questa linea di pensiero potrebbe essere sostenuta dalle persone coinvolte nel lavoro di comunità o nelle attività artistiche," ha concluso Mulvale. "Dobbiamo ripensare completamente la nostra idea di lavoro — il lavoro utile non è solo quello che cui si viene pagati e si svolge all'interno del mercato del lavoro."