Questo cuore di balenottera azzurra si conserverà per 1000 anni

FYI.

This story is over 5 years old.

Questo cuore di balenottera azzurra si conserverà per 1000 anni

Si tratta del primo cuore di balena al mondo ad essere stato conservato con successo.

Che cos'è che pesa 270 kg, ha viaggiato in giro per il mondo, e di recente ha passato oltre quattro mesi in una camera sottovuoto? Un cuore di balenottera azzurra vero, il primo al mondo ad essere conservato, ora in mostra al Royal Ontario Museum (ROM) a Toronto.

Il cuore della balenottera azzurra è stato sistemato al ROM questa settimana. Video: ROM

È stato svelato giovedì mattina, vicino allo scheletro dell'enorme balenottera azzurra da cui proviene. Il cuore plastinato, che è circa delle dimensioni di un piccolo pony, è "pura bellezza," ha detto Jacqueline Miller, una tecnica di mammalogia del ROM che lavora con la balena da quando è stata scoperta per la prima volta, nel 2014, spiaggiata a Trout River, nei pressi di Newfoundland e della costa occidentale della penisola del Labrador, in Canada.

Pubblicità

"È parecchio più piccolo di quanto ci saremmo aspettati," ha detto Miller. Insieme ad altri, pensava infatti che avrebbero estratto qualcosa di grosso quanto una berlina, o almeno quanto la Smart che hanno inserito nella mostra per mettere in proporzione le dimensioni dell'organo.

Senza il sangue e la struttura di supporto, il cuore pesa circa 180 kg, ma Miller ha spiegato che il peso è aumentato di nuovo quando il loro team ha inserito all'interno una maglia di acciaio, per impedire che i ventricoli e i piccoli vasi sanguigni collassassero.

Il momento dello svelamento di oggi, però, non è stato un rapido "ta-daaan". Il cuore era dentro una scatola. Hanno dovuto spacchettarlo (immaginate la quantità di pluriball) e sollevarlo su una piattaforma. Le cose si sono fatte un po' spinose quando hanno dovuto sollevare il cuore dalla base dentro alla scatola: Miller, che stava annotando il processo, ha detto che temevano di danneggiarlo, ma che alla fine il cuore è stato posizionato sulla sua nuova piattaforma senza un graffio, mentre le persone intonavano un coro di "oooooooh" e "aaaaaahhhhh" davanti alle dimensioni di quell'affare.

Il cuore della balena rappresenta la dimensione massima che un cuore può raggiungere e restare allo stesso tempo in grado di sostenere una creatura vivente e che respira, ha detto Miller. "Non si può andare oltre."

Il cuore viene liberato dal pluriball in cui era avvolto. Immagine: Lisa Cumming

Prima di essere esposto a Toronto, il cuore ha viaggiato dal Canada alla Germania, dove i tecnici del museo Geuben Plastinate GmbH, ci hanno lavorato per oltre un anno. Per via delle sue dimensioni, nessuno sapeva esattamente quanto ci sarebbe voluto per il processo di plastinazione. Miller ha detto che il cuore ha dovuto viaggiare fino in Germania perché non c'è alcuna struttura nell'America del Nord in grado di gestire un cuore di balena. È un organo troppo grande, punto.

Pubblicità

Per prima cosa, gli scienziati hanno dovuto togliere tutta l'acqua dai tessuti, fino a livello cellulare. Lo hanno fatto mettendo il cuore in un bagno di acetone, ha detto Miller. Poi, lo hanno dovuto immergere in una soluzione polimerica. Infine, gli scienziati hanno infilato l'intera vasca di polimeri in una camera sottovuoto così da trasformare in bolle l'acetone e farlo evaporare via.

Il grasso è molto difficile da plastinare," ha detto Miller. Il cuore è rimasto sottovuoto per oltre quattro mesi.

Ora che il processo è terminato, Miller lo chiama con affetto "Frankenheart" e ha paragonato il momento della sua presentazione a quello della nascita di un figlio, perché ci ha dedicato un tempo davvero considerevole.

Il cuore. Video: ROM

"È davvero impressionante," ha detto. "Siamo molto, molto orgogliosi."

Il cuore durerà centinaia di anni, se non un migliaio, ha detto Miller. Così, anche quando gli umani si nutriranno solo di alghe coltivate in modo sostenibile e andranno a caccia di alieni a bordo di sottomarini, saremo sempre in grado di meravigliarci all'idea di ciò che è stato, e di quanto piccoli e insignificanti siamo.