FYI.

This story is over 5 years old.

VICE News

Gli Stati Uniti vorrebbero incrementare le pene per chi passa illegalmente il confine

La commissione americana per le sentenze (USSC) ha proposto un aumento delle pene per gli immigrati illegali che cercano di rientrare nel paese dopo essere stati espulsi.
13.4.16
Foto via Flickr

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Se da un lato le nuove politiche penitenziarie degli Stati Uniti stanno cercando di ridurre la popolazione carceraria nel paese - portando al rilascio, ad esempio, di persone condannate per traffico di droga -, dall'altro spingono per inasprire le pene nei confronti degli immigrati illegali recidivi, sorpresi ad attraversare il confine senza documenti.

Pubblicità

La commissione americana per le sentenze (USSC) ha infatti proposto un aumento delle pene per gli immigrati illegali che cercano di rientrare nel paese dopo essere stati espulsi. Secondo i dati della commissione, questi casi occupano una parte considerevole del sistema giudiziario criminale, costituendo un quarto di tutte le sentenze federali ogni anno.

L'emendamento proposto, che la commissione si troverà a votare questo venerdì, aumenterebbe le sentenze minime per il rientro illegale senza aggravanti: si passerebbe dalla forbice minima attuale (zero-sei mesi), ad una praticamente doppia (da sei a 12). La pena massima per il reato - due anni - rimarrebbe invece la stessa, ma potrebbe teoricamente venire estesa fino a 20 anni, a seconda dei precedenti del condannato.

Il Dipartimento di Giustizia (DOJ) ha espresso un risoluto appoggio alla mozione. Michelle Morales, momentaneamente direttore delle politiche e della legislazione del dipartimento, ha presentato alcune istanze all'USSC lo scorso mese, rivelando che "Il dipartimento concorda con la Commissione: gli imputati che vengono condannati per rientro illegale in più di un'occasione devono ricevere pene maggiori, e tali criminali devono ricevere pene più lunghe a prescindere dai precedenti accumulati."

Il 27,2 per cento delle persone soprese a superare illegalmente il confine è recidiva: secondo il DOJ, bisogna di fare di più per scoraggiare il passaggio non autorizzato delle frontiere.

Pubblicità

"Il bisogno di pene aggiuntive per coloro che persistono a immigrare in maniera legale è evidente, e il Dipartimento elogia l'azione della Commissione per fronteggiare il problema," afferma.

Un portavoce delle forze dell'ordine per l'immigrazione e la dogana non ha risposto alle richieste di commento sulla detenzione di immigrati per rientro illegale né sull'emendamento proposto dall'USSC. Un portavoce dell'USSC ha enfatizzato che la commissione non ha ancora votato definitivamente sulla proposta.

Gli attivisti per l'immigrazione sostengono che misure più dure contro chi si reintroduce nel paese in maniera illegale avrebbero soltanto l'effetto di sovraccaricare di lavoro le prigioni e i tribunali federali, invece che scoraggiare il valico di frontiera clandestino. L'emendamento della commissione stabilirebbe delle raccomandazioni per le sentenze e non degli obblighi, ma i giudici federali hanno stabilito più della metà delle loro sentenze seguendo le linee guida nel 2014, secondo gli ultimi dati dell'USSC.

"Queste sono raccomandazioni da seguire per i giudici – non sono obbligatorie, ma sono strumenti molto importanti. Questo è un documento influente," dice Joshua Breisblatt, un analista delle norme del Consiglio d'Immigrazione Americano.

Leggi anche: Le prigioni private americane guadagnano incarcerando sempre più immigrati

Le aspre condanne per il rientro illegale hanno già messo a dura prova il sistema giudiziario criminale. Secondo il Pew Research Center, questi casi sono stati la prima causa di aumento di detenuti dell'ultimo decennio. Il numero di condannati in corte federale è più che raddoppiata tra il 1992 e il 2012, salendo da 36.564 a 75.867 – e il boom di condanne per rientri illegali costituisce il 48 per cento dell'aumento.

Di solito, le persone venivano deportate, in seguito a un rientro illegale, ma gli ultimi dati dell'USSC mostrano che questi condannati ora scontano una media di 17 mesi in prigione prima di essere espulsi dal paese.

Pubblicità

"Spendi tutti questi soldi e energie per riempire le prigioni, e per cosa?" chiede Breisblatt. "Le autorità per la protezione dei confini e delle dogane americane la vedono come parte di un sistema a conseguenze – che ci dovrebbero essere conseguenze oltre alla deportazione se valichi il confine… Ma non abbiamo visto prove che dimostrino che questo funzioni. Non è chiaro quale sia l'effetto quando potresti procedere con i normali processi di espulsione senza intasare il sistema carcerario."

Grace Meng, un ricercatore di Human Rights Watch, concorda che le pene criminali non hanno scoraggiato gli immigrati senza documenti nel tentare di entrare negli Stati Uniti ripetutamente. Nel fare ricerca sui rientri illegali per un rapporto del 2013 di HRW sulle azioni penali di confine, ha intervistato dozzine di migranti che le hanno spiegato che la possibilità di finire in galera non li aveva scoraggiati.

Uno di loro, una donna messicana identificata nel rapporto con lo pseudonimo "Alicia," aveva provato a introdursi nel paese diverse volte dopo la sua prima deportazione perché voleva riunirsi alle due figlie, nate su suolo americano, una delle quali soffriva di scompensi renali.

"Non ho perso il desiderio di provarci ancora," aveva detto Alicia a Meng, in viaggio verso nord attraverso il Messico, dopo essere già stata deportata tre volte, inclusi due soggiorni in detenzione.

Molte delle storie presentate sono simili.

Pubblicità

"Il nostro sistema di immigrazione non ha permesso a molte famiglie di rimanere unite," dice Meng. "Ci sono forti motivazioni umanitarie per le persone che vogliono stare qui… I loro motivi non sono per niente paragonabili a quelli di qualcuno che vuole commettere reati."

Senza nessuna prova che la permanenza in prigione sia un deterrente per gli attraversamenti futuri, Chris Rickerd, consulente politico per l'ACLU, ha riferito che l'emendamento della commissione sembrerebbe arbitrario e potenzialmente dannoso.

"Siamo molto preoccupati, non c'è nessuna giustificazione per aumentare le sentenze nella fascia bassa," ha detto. "Non rientra nel lavoro dell'amministrazione per la sicurezza nazionale spazzare via le persone che vengono qui per le loro famiglie e per lavoro."

Sebbene il loro unico crimine sia quello di essersi introdotti nel paese, gli immigrati senza documenti vengono inviati nelle peggiori carceri, chiamate CAR, ha detto Rickerd. Poiché questi centri contengono soltanto non-cittadini che verranno deportati dopo le loro sentenze, il governo federale non richiede che le società private che le gestiscono forniscano i servizi sociali che sono disponibili nelle altre prigioni americane.

Mentre gli ufficiali discutono se rinchiudere più a lungo gli immigrati illegali recidivi, gli attivisti chiedono un approccio meno punitivo.

"Abbiamo un sistema d'immigrazione che non permette alle famiglie di rimanere insieme," dice Meng. "La commissione non dovrebbe provare a inasprire le pene per le persone che tentano di ricongiungersi con la propria famiglia," fa notare Rickerd.


Segui VICE News Italia_ su Twitter, su Telegram e _su Facebook

Segui Meredith Hoffman su Twitter: @merhoffman
Foto via Flickr