Foto di Nhau Nha

Dopo la diaspora, la cucina in Vietnam sta rinascendo grazie agli Expat

Dopo essere fuggiti dal paese con le loro famiglie, i giovani vietnamiti stanno tornando in patria con sapori nuovi, esperienza e imprenditorialità.

|
04 ottobre 2018, 1:53pm

Foto di Nhau Nha

Sebbene fosse inizialmente considerato un termine dispregiativo, il termine Viet Kieu è ora utilizzato dai locali per descrivere i vietnamiti nati o cresciuti all'estero

All'età di sei anni, Loc Truong, come altri due milioni di cittadini vietnamiti, ha lasciato il suo paese dopo la caduta di Saigon. Trasferitosi a San Diego, in California, ha passato l'intera adolescenza pensando che non avrebbe mai più fatto ritorno in Vietnam. O almeno fino a quando non ci è tornato durante un viaggio in college, che ha cambiato la sua idea del paese.

Molti anni dopo, Truong ha fatto le valigie e ha preso un volo per Saigon solo andata. Grazie al suo bilinguismo e all'esperienza di lavoro in America, ottiene un lavoro in un'importante azienda immobiliare vietnamita. Ma le sue vere aspirazioni sono altre. Tre anni più tardi, nel 2011, Truong apre insieme ad altri soci il celebre Chill Skybar, il primo dei tanti rooftop bar che ora popolano lo skyline di Ho Chi Minh City (anche detta Saigon).

"Era un concetto internazionale—vietnamita e occidentale al tempo stesso—con un barista esperto e musica occidentale, tra hip-hop e house," spiega Truong. "Da allora, molti altri sky bar hanno aperto in città, facendosi concorrenza e innalzando sempre più la qualità del cibo e dei cocktail della città."

Forse un rooftop bar con musica hip-hop e cocktail eleganti potrebbe non sembrare un concetto particolarmente innovativo a New York o Los Angeles, ma per la middle class in crescita nella città vietnamita, che ha sempre più potere d'acquisto, Chill Skybar e gli altri hanno favorito la proliferazione di nuovi ristoranti di lusso e birrerie artigianali, nella maggior parte dei casi gestiti da vietnamiti rimpatriati dopo la diaspora, anche detti Viet Kieu.

Sebbene fosse inizialmente considerato un termine dispregiativo, il termine Viet Kieu è ora utilizzato dai locali per descrivere i vietnamiti nati o cresciuti all'estero. Viet Kieu denota anche uno status legale—nel 2004, il governo comunista vietnamita aveva dichiarato i cittadini della diaspora come parte integrante della comunità vietnamita. Nel 2007, ha smesso di richiedere il visto a chi potesse dimostrare di avere origini vietnamite. Oggi, i Viet Kieu godono di detrazioni fiscali, agevolazioni sulla proprietà privata e sulle licenze aziendali, inoltre l'ingresso in Vietnam è consentito anche ai loro coniugi e figli, anche se stranieri.

Questi incentivi vogliono valorizzare al massimo il potere d'acquisto dei Viet Kieu, che la Banca Mondiale, nel 2015, ha stimato a circa 13,2 miliardi di dollari. Ma allo stesso tempo, le misure dedicate hanno attirato milioni di turisti, viaggiatori, pensionati e imprenditori che stanno ritornando nella loro madrepatria, riportando la conoscenza e l'esperienza acquisite oltremare per fonderle alla tradizione e alla cultura vietnamita.

"L'esperienza e la percezione dei Viet Kieu in Vietnam non è sempre stata positiva," mi spiega Peter Cuong Franklin, chef e proprietario di un ristorante della nuova scuola, ănăn, e del bar d'ispirazione anni Sessanta Nhau Nhau. "La situazione è migliorata considerevolmente negli ultimi anni. I Viet Kieu hanno dato un importante contributo nell'ambito della ristorazione, dell'arte, della letteratura, della musica e della moda. Hanno portato in Vietnam una prospettiva internazionale e hanno saputo connettere il paese con il mondo intero."

Sebbene tutti i Viet Kieu abbiano dovuto lasciare il paese da piccoli, ognuno ha una storia diversa e insieme costituiscono un gruppo estremamente eterogeneo. Franklin, per esempio, è cresciuto nella città di Da Lat, sui monti, dove la madre gestiva un piccolo ristorante nel salotto di casa. Dopo essere fuggito dal Vietnam a 12 anni, Franklin viene adottato da una famiglia americana e cresce sulla East Coast negli USA. Riuscirà a rincontrare la sua made biologica solo 20 anni più tardi.

Dopo aver frequentato una scuola di cucina e aver lavorato come chef a New York, Londra e Hong Kong, Franklin è tornato in Vietnam due anni fa ed è ormai considerato il più grande precursore della rinascita culinaria della città, insieme allo chef vietnamita-australiano Luke Nguyen, e allo chef vietnamita-danese Anh Le, rinomato in Danimarca e giudice a Top Chef Vietnam.

Foto per gentile concessione di Nhau Nhau.

Franklin si è ispirato al suo stile cuisine mới, o "nuovo vietnamita," nelle tecniche che usa in cucina che fondono tradizione e modernità. Mentre i suoi piatti creativi—come il taco banh xeo, il pho di tartufo nero, e l'incredibile sandwich banh mi con paté e tartufo—sono celebrati dagli esperti di tutto il mondo, Franklin ammette che le sfide non mancano per chi come lui gestisce un business di lusso in un paese povero. Ma nonostante tutto, Franklin è convinto che queste difficoltà siano necessarie per dimostrare il valore della cucina vietnamita e la sua capacità di unire la tradizione dello street-food all'esperienza culinaria raffinata e moderna.

"Cercare di portare la cucina vietnamita a un livello superiore è stata una vera e propria sfida," ha detto Franklin. "Ma con la crescita e la modernizzazione della scena locale, anche il cibo deve evolversi e cambiare per rimanere attuale. Credo che Saigon abbia il potenziale per diventare un'eccellenza nel panorama culinario mondiale, e non solo per lo street-food economico, ma anche per la creatività degli chef in cucina. Sono rimasto particolarmente sorpreso dal riscontro positivo che Anan Saigon ha ricevuto dalla popolazione locale e dai clienti internazionali."

pho vietnam
Il pho di Nhau Nhau. Foto per gentile concessione di Nhau Nhau.

La nascita di tantissimi caffè con prodotti artigianali testimonia la voglia dei cittadini vietnamiti di sperimentare concetti fino a poco tempo fa sconosciuti, come ci spiega Jap Hoang, fondatore metà vietnamita e metà canadese del bar-boutique L’Usine e del negozio di arredamento District Eight in città. Hoang, che ha lasciato il Vietnam nel 1979 con la sua famiglia per stabilirsi a Montreal, dice che non è stato semplice guadagnarsi la fiducia dei cittadini locali.

"Abbiamo dovuto superare molti ostacoli quando abbiamo aperto L'Usine—primo tra tutti invitare i clienti locali a esplorare un posto così diverso da quelli a cui erano abituati e, poi, educarli a nuovi prodotti che avevano visto solo nei magazine internazionali," spiega Hoang. "Siamo stati i primi a portare i cupcake in Vietnam!"

Allo stesso modo, dopo avere lasciato il Chill Skybar, Loc Truong si è ispirato alla passione tutta californiana per la birra artigianale e ha aperto il piccolo birrificio con annesso bar di nome East West Brewing, nel 2016. Quella che inizialmente sembrava un'impresa impossibile, cioè convincere i vietnamiti a lasciare le loro Heineken e le 333 per una birra artigianale sconosciuta e del tutto nuova, si è rivelato più semplice del previsto, anche grazie all'affinità del brand con la generazione di giovani vietnamiti.

Loc Truong dietro il bancone da East West Brewing. Foto per gentile concessione di East West Brewing.

"All'inizio, quando ho pensato di introdurre la birra artigianale, pensavo che il nostro target principale sarebbero stati gli expat," ricorda Truong. "Ma i cittadini locali ci hanno sorpreso iniziando a frequentare il birrificio. Ora sono loro i nostri principali clienti, circa l'80%."

Di questi tempi, molti Viet Kieu stanno tornando in Vietnam non solo per le opportunità di business interessanti, ma anche alla ricerca di libertà creativa e di quel senso di appartenenza che non hanno trovato altrove nel mondo. A quarantatré anni della fine della guerra, questa comunità comprende non solo quelli che sono fuggiti dal paese, ma anche i loro figli che vogliono riscoprire le proprie origini, spesso contro la volontà dei genitori.

Foto per gentile concessione di East West Brewing.

"Da cittadino asiatico-americano, con un nome vietnamita, mi è capitato spesso di essere vittima di piccole discriminazioni, ad esempio essere preso in giro per il mio nome," ricorda Hao Tran, editor del noto magazine Vietcetera, che tratta di business, società e cultura in Vietnam. "Ma in Vietnam non ho mai avuto questo problema. La mia vita di tutti i giorni è più semplice. Ho una cosa in meno di cui preoccuparmi."

Era bastato un solo viaggio di lavoro in Vietnam per convincere Tran, nato a San Francisco, a lasciare il suo lavoro nella finanza per trasferirsi a Saigon, a 24 anni. Da quando è entrato nel team di Vietcetera, Tran ha aiutato ad aprire due bar in città di proprietà del magazine, che sono ora gestiti da una coppia Viet Kieu di Seattle, che prepara caffè tradizionale vietnamita, oltre a birra artigianale locale e limonata.

Foto per gentile concessione di Vietcetera Cafe.

Nel documentare il panorama della ristorazione in Vietnam, Tran dice di aver assistito a molti casi di successo ma anche a molti fallimenti da parte dei Viet Kieu, e per questo mette in guardia gli imprenditori che spesso sono considerati ingenui dalla popolazione locale.

"Ci sono così tante cose che non sono mai state fatte in Vietnam, che ognuno vuole accaparrarsi il suo spazio in questo terreno inesplorato," spiega Tran. "Se riesci ad arrivare sul mercato con un un'idea, un buon piano, un buon team e delle risorse, è probabile che le cose funzionino. E le possibilità di fare successo e sopravvivere sono più alte.

Il team di Saigonita. Foto di Mervin Lee.

Tam Le è nata a Houston ma si è spostata a Saigon un anno fa, oggi sta cercando di ritagliarsi il suo spazio unendo i sapori messicani e la tradizione vietnamita. Questo mese, ha lanciato un nuovo concept restaurant segreto, Saigonita, dove offre ai suoi clienti un'esperienza texana doc. Nel menù: tacos d'ispirazione messicana con influenze vietnamite, un piatto speciale e ibrido chiamato Chaquito (un po' involtino primavera, un po' tacos) e il flan di uova d'anatra con latte di cocco infuso in foglie di Pandan e citronella.

Pietanze al Saigonita. Foto di Mervin Lee.

"Ogni proposta sul menù è molto personale e racconta una storia di identità e migrazione, non solo la mia, ma quella di intere popolazioni e generazioni, in tutti i continenti," spiega la proprietaria di Saigonita. "Per esempio, i tacos al pastor, il piatto messicano per eccellenza, è stato importato da migranti libanesi ma oggi è considerato una specialità messicana. Oppure il flan—un dessert amatissimo in Messico e Vietnam, è stato portato dai cittadini spagnoli e francesi rispettivamente. Ma sapete da dove viene originariamente? Dall'Impero Romano."

I clienti di Saigonita si dividono tra "immigrati non-vietnamiti, cittadini locali e Viet Kieu," e la reazione dei locali ai suoi piatti è estremamente positiva. Con sua grande sorpresa, molti dei dipendenti del ristorante spesso preparano il guacamole con la sua ricetta anche per se stessi. Per lei, questo lavoro è un modo per rendere omaggio alla patria dei suoi genitori e per onorare il legame con la sua terra.

Il flan di Saigonita. Foto di Mervin Lee.

"I nostri genitori non hanno avuto scelta e hanno dovuto lasciare il Vietnam, ma noi abbiamo scelto di tornare, e fare qualcosa—qualsiasi cosa—anche piccola per rilanciare il paese," spiega Le. "Ogni giorno, dopo ogni pasto, ringrazio dal profondo del mio cuore perché abbiamo la fortuna di avere una terra che ci dà spezie, frutta e verdura straordinarie."

Per Le e molti altri figli di vietnamiti in tutto il mondo, il cibo è stato un mezzo per riconnettersi con l la propria terra. "C'è una parola in spagnolo, querencia: è il posto dove ognuno si sente a casa, dove si sente se stesso," spiega. "Viene dal verbo querer, che significa desiderare."

Parlando della sua decisione di tornare in Vietnam, aggiunge, "Ho desiderato fortemente tornare a Saigon. Ero arrivata a un punto in cui se non tornavo a Saigon ogni due mesi circa, mi veniva nostalgia di casa, è assurdo se ci pensi, provare nostalgia per un posto dove non avevo mai vissuto. Ma forse, nel profondo, il Vietnam è sempre stato casa mia."

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali di VICE? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.

Questo post è stato pubblicato originariamente da Munchies US