News

Stormy Daniels ha molti ricordi del pene di Trump—e sono tutti brutti

"Sembra un fungo, tipo quello di Super Mario.”
19.9.18

Il presidente Trump ha un pene a forma di fungo ed è piagato da un "pube da yeti", almeno secondo il nuovo libro della pornostar Stormy Daniels. Queste rivelazioni sono uscite martedì sul Guardian, dopo che nella redazione del quotidiano britannico è arrivata, in anteprima, una copia del memoir Full Disclosure.

Il libro ripercorre l'intera vita di Daniels, da quando era Stephanie Clifford, adolescente a Baton Rouge, alla scalata all'industria del porno alle dichiarazioni sulla sua relazione con Trump, allora imprenditore, nel 2006.

Pubblicità

Il libro di Daniels dovrebbe essere disponibile sul mercato dal 2 ottobre, ma i primi estratti sono stati resi noti solo poche settimane dopo le rivelazioni contenute nel libro di Bob Woodward, Fear: Trump in the White House.

Trump continua a negare di avere mai avuto rapporti con la pornostar.

Oltre al pene "a forma di fungo," Daniels racconta le ragioni della sua scelta di rivelare la—presunta—relazione con Trump; la firma di un accordo da 130.000 dollari con cui era stato comprato il suo silenzio; e l'incredulità nello scoprire che aveva vinto le primarie repubblicane e poi le presidenziali. "Non succederà mai, mi dicevo," scrive Daniels. "Lui non vuole nemmeno diventare presidente."

Queste sono le cinque rivelazioni più strane contenute nel libro:

PICCOLO, MA NON PICCOLO IN MODO SCONVOLGENTE

Con queste parole Daniels descrive il pene di Trump. Era "più piccolo della media" ma "non terribilmente piccolo," ricorda l'attrice. "Lui sa di avere un pene strano. È a forma di fungo, tipo un fungo velenoso."

IL SESSO MENO ENTUSIASMANTE DI SEMPRE

Daniels descrive il disgusto profondo di trovarsi nella situazione di dover fare sesso con Trump. "Me ne stavo lì sdraiata, infastidita da questo tizio che mi scopava con quel pene che sembrava il fungo di Super Mario, e un pube da yeti," dice. "È stato probabilmente il sesso meno entusiasmante che io abbia mai fatto, ma chiaramente lui non era dello stesso avviso," aggiunge l'attrice.

HILLARY CLINTON HA CHIAMATO TRUMP DURANTE LA SHARK WEEK

Pubblicità

Daniels ha già parlato dell'ossessione di Trump per la settimana di programmazione tematica Shark Week su Discovery Channel. Nel libro, l'attrice ricorda che nel 2007, mentre era nella stanza d'albergo di lui a guardare la TV, Trump ricevette una chiamata da Hillary Clinton, che al tempo era nel pieno della campagna contro Obama alle primarie democratiche.

"E poi, per rendere il tutto ancora più folle, chiamò Hillary Clinton," scrive Daniels. "Ebbero un'intera conversazione sulla razza, e Trump fece più volte riferimento al 'nostro piano'."

Ma nemmeno Clinton non poteva distrarlo dagli squali: "Anche mentre era al telefono con Hillary, la sua attenzione tornava continuamente agli squali."

L'IMBROGLIO DI THE APPRENTICE

Stando a quanto dice Daniels, l'unico motivo per cui continuava a rispondere alle chiamate di Trump era che sperava che lui la inserisse nel suo reality show The Apprentice. Daniels sostiene, inoltre, che Trump le aveva promesso di truccare il programma perché lei potesse rimanere più a lungo.

"Troveremo un modo per farti avere i dettagli sulle sfide in anticipo, escogiteremo un metodo," questa la presunta dichiarazione di Trump inclusa nel libro, mentre Daniels sostiene, "voleva che imbrogliassi, ed era stata al 100 percento un'idea sua."

"BLEAH"

Per anni, in seguito alla loro relazione, quando Daniels vedeva Trump in TV le tornava tutto alla mente, e non erano esattamente bei ricordi. Descrive così le sue reazioni: "Mi dicevo, 'Io ho fatto sesso con quella cosa. Bleah'."

Questo articolo è comparso originariamente su VICE News.