Smettetela di confondere un po' di stress con la vera ansia
salute mentale

Smettetela di confondere un po' di stress con la vera ansia

Lo sappiamo che avere l'ansia è di moda, ma continuare a vantarvi di quanto Xanax prendete non fa bene a nessuno.
29 maggio 2017, 11:36am

Soffro da tempo di disturbi della salute mentale, e so quanto sia importante eliminare lo stigma che li accompagna. Ci sono ancora persone fortunate, con cervelli perfettamente funzionanti, che etichettano le persone diverse da loro come pazze o instabili—stereotipi che rendono molto più difficile farsi prendere sul serio, o sentirsi accettati. E poiché sono sempre di più quelli a cui vengono diagnosticati disturbi mentali, parlarne è più fondamentale che mai.

Ma per quanto io sia completamente a favore del dialogo—dopotutto, più ne parliamo, più informazioni divulghiamo e più possiamo abbattere lo stigma—è possibile anche esagerare in senso opposto. Sempre più persone hanno il coraggio di parlare dei loro disturbi; ma questo non fa che rendere più facile anche agli altri saltare sul treno, usare lessico medico e crearsi così uno schermo dietro cui gestire problemi diversi. Niente, oggi, è più alla moda dei disturbi d'ansia.

Abbiamo preso a esagerare qualunque esperienza quotidiana, e punteggiare le nostre frasi con un lessico più adatto a uno psichiatra. Non siamo nervosi per la presentazione che dobbiamo fare davanti a tutto l'ufficio, abbiamo "un'ansia assurda." Non siamo a disagio all'idea di andare a una festa in cui non conosciamo nessuno, abbiamo "l'ansia sociale." E non ci vengono le farfalle nello stomaco, piuttosto "attacchi di panico."

Real Housewives è una serie interamente basata sullo Xanax, e le Kardashian sono considerate vere eroine per essersi "aperte sulla loro ansia davanti alla telecamera." (Sentite, Kim e Kendall: avere la testa leggera in aereo non è la stessa cosa che un attacco di panico.) Il modo in cui le persone, soprattutto le celebrity, trattano un disturbo mentale estremamente debilitante, contribuisce a svuotare di credibilità ogni reale diagnosi.

L'ansia clinica prende forme diverse: il disturbo d'ansia generalizzato, il disturbo da attacchi di panico, il disturbo d'ansia sociale. L'ansia, in una determinata forma, è anche un'emozione comune a tutti. Il nervosismo e l'ansia cronica, però, non sono la stessa cosa.

"L'ansia di per sé è un'esperienza normale," dice Shanthi Mogali, direttore psichiatrico del Mountainside Treatment Center, in Connecticut. "Diventa non normale quando comincia a mettersi di traverso alla tua vita quotidiana—e allora ti ritrovi a preoccuparti anche di cose non preoccupanti, cose che le altre persone riescono a gestire. Comincia a consumarti."

Anche compiti apparentemente facili, come scegliere cosa mettere o fare piani per quel giorno, sono trigger per una spirale d'ansia, che si manifesta anche con sintomi fisici come un aumento di velocità del battito cardiaco, della sudorazione, e respirazione affannata.

Che sia per l'attenzione che circonda il termine al momento, o per una generale assenza di comprensione del modo in cui funziona realmente, comunque l'uso colloquiale della terminologia legata all'ansia è uno schiaffo in faccia per chi ne soffre realmente, chi vorrebbe provare solo farfalle nello stomaco—e invece sente intorno a sé persone che usano il termine in modo triviale, facendoli prendere poco sul serio e impedendo loro di differenziarsi nella percezione altrui.

Alyssa Jeffers, 26 anni, ha una diagnosi per disturbo d'ansia generalizzato, disturbo da attacchi di panico, ansia sociale, e disturbo ossessivo-compulsivo. Anche se è in terapia psicologica e farmacologica, Alyssa dice che l'ansia la sta distruggendo. "È molto frustrante quando qualcuno mi dice 'oddio, come sono in ansia' quando in realtà sono solo nervosi," dice, "perché c'è una grossa differenza tra avere un disturbo d'ansia ed essere nervosi, e la gente proprio non lo capisce."

Anche se si considera una persona estroversa, non si trova a suo agio in molte situazioni sociali, e spesso è così sopraffatta all'idea di uscire con gli amici da cancellare gli appuntamenti. Il disturbo da attacchi di panico la manda in iperventilazione al punto che a volte sviene. Una volta, il debito d'ossigeno è statao tale che muscoli e giunture hanno smesso di rispondere ed è finita in ospedale.

Siete mai stati così nervosi da sentire lo stomaco arrivare alla gola, i palmi delle mani sudati, e un ronzio in testa? Mi dispiace essere io a dirvelo, ma quello non è un attacco di panico. Un attacco di panico si manifesta in modi diversi in persone diverse, ma tutte descrivono una sensazione di totale impotenza—spesso pensano di stare per morire. Alcuni addirittura lo scambiano per un attacco di cuore, dato che si verificano dolore al petto e respiro affannato.

Jeffers descrive il suo vissuto in questi termini:

"Quando mi sta venendo un attacco di panico, mi iniziano a tremare le mani. Mi sembra di avere un blocco di cemento sullo stomaco. Ho la strana sensazione che tutti i miei sensi siano più acuti e mi viene un rash cutaneo sul petto, e poi—be', la componente respiratoria è la peggiore. Devo ricordare a me stessa di respirare, e se non ci riesco comincio a inspirare ed espirare superficialmente, inutilmente, e prima di rendermene conto sono completamente andata. L'ultima volta hanno cominciato a formicolarmi mani e piedi. Mi si intesiscono tutti i muscoli, e non riesco a muovermi bene. Mi sento paralizzata anche se non lo sono realmente, perché non puoi muoverti durante un attacco di panico ma dipende solo dal tuo cervello. Pensi un milione di cose e, oh mio dio, morirò, è terribile. Perché io? Perché succede? Cominci a pensare cose terribili, e questo non fa che peggiorare le cose."

A differenza degli attacchi d'ansia, che hanno gli stessi sintomi ma dipendono da uno stimolo (il partner che ti ha appena lasciato, sei stato licenziato, ti hanno urlato contro), gli attacchi di panico non dipendono da nulla. E possono essere resi ancora peggiori dall'ansia che li precede, o dalla paura costante che succeda di nuovo.

La soluzione? Ovviamente uno Xanax. Questo farmaco è un vero salva-vita per alcuni, ma per altri è solo una battuta. Dello Xanax normalmente si fraintende il motivo di utilizzo: non per "calmarsi"—si usa per uscire da uno stato mentale orribile.

"È frustrante perché non faccio che sentire, 'Oh, prendi uno Xanax, e andrà tutto a posto,' e 'Mio dio quanto ho bisogno uno Xanax,' ma in realtà io lo prendo solo quando mi sta arrivando un attacco di panico," dice Jeffers. "Se riesco a rendermene conto e prenderlo prima di perdere la testa, posso tirarmici fuori."

Una soluzione comune per i disturbi d'ansia—oltre alla terapia cognitivo-comportamentale—sono gli antidepressivi SSRI come lo Zoloft o il Lexapro presi quotidianamente, e le benzodiazepine (Xanax, Ativan, Klonopin) prese al bisogno, per esempio quando si sentono le avvisaglie di un attacco di panico.

Complici anche medici abbastanza generosi con le prescrizioni, mettere le mani su un blister di Xanax non è difficile, al giorno d'oggi. Aggiungiamo anche il fattore culturale, per cui essere ansiosi è la normalità e una generazione intera pensa che prendere Xanax sia come prendere vitamine: ne risulta che è molto difficile farsi prendere sul serio, se si ha una vera prescrizione per Xanax.

L'ansia è una risposta biologica: indica al nostro corpo che c'è un pericolo in agguato. Il meccanico combatti-o-scappa che accompagna una botta di adrenalina è utile quando, che so, hai un orso alle calcagna, ma può essere controproducente se devi lavorare o pagare le bollette. Ma un pochino di ansia può essere utile anche in situazioni più varie, e non sempre va mascherata.

"In molti casi livelli base di ansia, che dovrebbero essere intesi come funzionali alla sopravvivenza, vengono sedati," dice Mogali. "E questo fa peggiorare molti disturbi, perché non siamo più in grado di tollerare livelli anche normali di ansia."

Se diventiamo nervosi, diamo la colpa "all'ansia", prendiamo una pillola e continuiamo a fare quello che stavamo facendo. E questo, oltre a mascherare una normale emozione umana che esperiremmo comunque, fa sì che le persone prendano molti più farmaci del necessario, cosa che alza la soglia di tolleranza e dipendenza.

"Esiste una dipendenza da questi farmaci—una dipendenza fisica," spiega Mogali. "È molto nociva per la salute. Anche la dipendenza psicologica è un problema. Puoi finire in disintossicazione, sicuro."

Per ogni celebrity che rivela a un magazine o a un programma TV di soffrire di attacchi di panico (hanno sempre attacchi di panico) ci sono milioni di persone che soffrono in silenzio, che vivono sentendosi prigionieri nella loro mente. Certo, non sono una psichiatra—forse a Hollywood c'è davvero un'epidemia di attacchi di panico—ma soffro di disturbo d'ansia da quando ho 12 anni, e ogni piccola cosa mi preoccupa, mi sveglio nel cuore della notte con veri attacchi di panico, penso di stare per morire. Sì, mi è anche capitato di essere solo nervosa per un colloquio di lavoro e di avere le farfalle nello stomaco, e sono cose molto diverse.

L'ansia non è carina, non è chic, non è alla moda. Non è solo una parola da usare fino allo sfinimento. È un disturbo debilitante, di cui soffrono milioni di persone. Queste persone si meritano di essere prese sul serio. Tutti gli altri dovrebbero trovare un'altra parola per comunicare il modo in cui si sentono. A volte, va bene essere semplicemente nervosi.

Thumbnail via Flickr. Questo articolo è tratto da Tonic.