salute mentale

Il perfezionismo può essere un'ossessione potentissima

Il perfezionismo non si manifesta soltanto nel disturbo ossessivo-compulsivo, ma può stare alla base di molti suoi sottotipi.
illustrazioni di Calum Heath
03 maggio 2019, 8:13pm
1551812006086-6-Perfectionist-OCD (1)
Illustrazione di Calum Heath.

Un giorno, al mio primo anno di college, mi sono ritrovata davanti alla porta della lezione pomeridiana, incapace di girare la maniglia ed entrare. Ero in ritardo di cinque minuti. Dal vetro riuscivo a vedere i miei compagni di corso, una quindicina, che mi davano la schiena. Il professore aveva già iniziato a spiegare.

Entra e basta, mi sono detta. Che cosa aspetti? Ma mentre me ne stavo lì, l'umiliazione di essere in ritardo, unita al pensiero di tutte quelle teste che si voltavano e mi guardavano entrare, immaginando cosa avrebbero pensato di me in quel momento, mi bloccava. Ho tolto la mano dalla porta e sono tornata a casa.

Una volta saltata quella lezione, l'angoscia per l’assenza ingiustificata mi ha impedito di andare la settimana successiva. Come potevo farmi vedere dopo essermi persa le lezioni della settimana precedente? La cosa si faceva sempre più grande. Alla fine del semestre non ho dato l'esame, con grande stupore del professore (ci siamo sentiti dopo la mia laurea, e mi ha detto che gli ero sembrata attenta e interessata. Partecipavo, fornivo spunti. Quindi cosa era successo?)

Alle elementari, ricordo di essere stata descritta dai miei insegnanti e dai miei genitori come una perfezionista. Il commento arrivava, spesso, insieme all'accenno di un sorriso. Essere una perfezionista non era un problema, implicava quel sorriso. Era eccedere in una cosa buona, come avere troppi soldi. Era un tratto che mi rendeva una brava studentessa, meticolosa e precoce.

Il perfezionismo non si manifesta soltanto nel disturbo ossessivo-compulsivo (OCD), ma può stare alla base di molti suoi sottotipi—contribuendo alla necessità di eseguire un certo rituale alla perfezione, o di avere le cose sistemate nel modo giusto. Ma spesso si pensa al perfezionismo come a un sottotipo di OCD a sé, dice Jeff Szymanski, direttore esecutivo della International OCD Foundation e psicologo clinico che ha lavorato presso l’istituto per il disturbo ossessivo-compulsivo del McLean Hospital, dove ha diretto il gruppo sul perfezionismo. Qualsiasi versione estrema del perfezionismo, se radicata nell’ossessione e nella compulsione—come nella fuga— potrebbe essere considerata OCD, se è abbastanza grave da causare angoscia o disfunzionalità.

Il perfezionismo può manifestarsi in maniera diversa a seconda della persona, mi dice Szymanski, ma nella sua esperienza al McLean ha rilevato alcuni aspetti comuni: i perfezionisti sentono il bisogno di seguire le regole in maniera rigida e pensano che le cose debbano essere fatte in un certo modo oppure per niente. Devono sentire di avere sempre la situazione sotto controllo. Si preoccupano eccessivamente di commettere errori—specialmente se gli altri possono vederli, quegli errori. Pensano che sbagliare abbia a che fare col loro valore come persone, e hanno un enorme bisogno di compiacere gli altri. Le relazioni con figure autoritarie, come un capo, possono essere cariche d’ansia.

I perfezionisti hanno problemi a stabilire delle priorità. Quando Szymanski ha fatto stilare ai suoi pazienti una lista di dieci cose che volevano ottenere, e poi decidere di sforzarsi per alcune al 100 percento, per altre all’80 percento e per altre ancora il 50 percento, in molti hanno fatto fatica.

“Per queste persone è stato molto difficile, e questo mi ha fatto capire che ogni volta che si trovavano di fronte a un compito, che fosse un loro punto di forza o una debolezza, che avessero o meno delle competenze a riguardo, si sentivano sempre di dover dare prestazioni di alto livello,” dice Szymanski.

La mia diagnosi di OCD è stata determinata principalmente dalle mie varie ossessioni su possibili contaminazioni e problemi di salute. Sapevo che queste erano problematiche, ed è stato più facile distinguere queste ossessioni da ciò che sono—_dal mio cervello “razionale” e dai miei pensieri. Il perfezionismo è più difficile da distinguere, perché è un tratto intrecciato con la mia personalità. Io _sono una persona attenta ai dettagli, e molte volte questo mi è utile e funziona. Mi piace persino, questo lato di me. Quando mi rema contro, mi ci vuole più tempo per rendermene conto.

Quindi, come si fa a distinguere tra perfezionismo sano e non sano? Quando passi dall’essere coscienzioso e attento ai dettagli all’essere rigido e con manie di controllo. Quando l’idea di perfezione inizia a impedirti di fare qualsiasi cosa. Qui è quando un perfezionismo sano viene sostituito da uno disfunzionale, che insiste sul fatto che gli errori siano catastrofi, e che devi sempre essere all'altezza delle aspettative altrui. Questo può diventare paralizzante e indurre ansia, perché cose a cui gli altri non avrebbero mai nemmeno fatto caso cominciano a dover essere perfette. La pressione diventa così pesante che è più semplice mollare tutto.

Szymanski lo chiama “proteggere il proprio potenziale.” Se fallisci, non è perché non sei perfetto, ma perché non ci hai provato abbastanza. Quando Szymanski chiede ai suoi pazienti qual è il più grande insulto che potrebbero ricevere, molti di loro rispondono allo stesso modo: essere mediocre. “Mi aspettavo 'disordinato' o ‘incapace'," dice. “Ma è sempre mediocre. Non hanno mai voluto essere percepiti come ordinari.”

Il desiderio di perfezione può portare a rifiutare tutto ciò che è non è assolutamente perfetto—che tra l’altro significa tutto, dal momento che nulla nella vita è perfetto.

La terapia è faticosa perché Szymanski dice di non voler fare agire una persona in modo stupido o meno performante—e sarà difficile farglielo fare, mi dice. Inviare un'e-mail al capo con errori di battitura, ad esempio, non è un comportamento che un terapeuta vuole imporre a qualcuno, anche se è un modo di affrontare il problema. L’obiettivo non è eliminare le qualità del perfezionismo sano.

“Non è questo che voglio mettere in discussione,” dice Szymanski. "Non sto mettendo in discussione i risultati della persona, i suoi obiettivi. Sto mettendo in discussione il modo in cui questa persona li raggiunge.”

Sto iniziando ora a occuparmi del perfezionismo in terapia, dopo che ho capito quanto influenzi la mia felicità giorno per giorno, e la mia autostima. Ho scelto una professione insolita per un perfezionista—sono una giornalista, spesso soggetta a scadenze veloci, critiche online da parte di estranei e a modifiche del mio lavoro da parte dei miei superiori. Rispondo male alle critiche (anche se tra me e me, di solito, perché non mi piace perdere il controllo delle mie emozioni di fronte agli altri), ma ho iniziato a imparare a riconoscere la differenza tra le cose da prendere e non prendere a cuore. Sono ancora una persona attenta ai dettagli. Apprezzo l'accuratezza, l’organizzazione e la ricerca, e affrontare il mio perfezionismo non eliminerà queste qualità.

In un certo senso, penso che scrivere abbia contribuito a migliorare la mia concezione del perfezionismo. Stendere una bozza, vedere un lavoro evolversi e sapere che fa parte di un processo più ampio è il perfetto tipo di esposizione sana di cui ho bisogno. Una scadenza è una cosa meravigliosa, perché mi costringe a smettere di lavorare. È una lezione che trascende il mio lavoro: nulla è perfetto, ma non ci sarà nulla se non lo fai.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI .