Dr. Octagon, il ginecologo più pazzo del rap, è tornato dallo spazio

Dopo 22 anni e con l'aiuto dei collaboratori Qbert e Dan the Automator, Kool Keith indossa la maschera di Dr. Octagon per un nuovo album.
4.5.18

Kool Keith sta sorseggiando una tazza di camomilla nella redazione di VICE di Brooklyn mentre parla di quando ha fatto nascere il bambino di Lady Gaga su un jet privato. Naturalmente, questo avvenimento potrebbe non essere avvenuto davvero, ma è esattamente il tipo di scena che si può ritrovare fra le buffe avventure di Dr. Octagon, il personaggio del ginecologo avventuriero fantascientifico che Keith, famoso per essere uno dei personaggi più eccentrici dell'hip-hop, ha creato a metà anni Novanta. Aiutato dalla produzione di Dan The Automator e dalla destrezza allo scratch di DJ Qbert, l'album del 1996 Dr. Octagonecologyst è diventato un'opera di culto grazie al suo mix di beat sinistri e cinematici e testi dall'aggressività astratta con curiosi riferimenti a strane patologie, tipo api che ronzano attorno al retto. Ora il trio ha aggiornato la formula per Moosebumps: An Exploration Into Modern Day Horripilation .

Pubblicità

"Dr. Octagon si è preso una pausa per un buon motivo", dice Keith, vestito con pantaloni di velluto rosso acceso, pesanti stivali neri e un pesante berretto di lana dei Cleveland Cavaliers. Parlando dei 22 anni passati tra i due album, dice: "è una figata perché eravamo molto più avanti dei nostri tempi con il primo". A fianco a lui c'è Qbert, anche lui beve camomilla e fa notare che il secondo volume delle avventure di Dr. Octagon "è lo stesso mondo ma esteso in un universo più grande". Mentre i due aspettano Dan The Automator, che è in ritardo perché sta facendo il sound check prima di un concerto, scherzano sulla presunta mania di accumulo del producer. "Colleziona lingerie per sé, quello è un altro lato di lui", dice Qbert, poi Keith dichiara che lo studio di Automator a San Francisco, dove hanno registrato il nuovo album, ospita esattamente 3600 sintetizzatori. "Se entra qua dentro", dice Keith indicando la stanza in cui ci troviamo, "prenderà tutto quello che sembra una tastiera e se lo porterà a casa".

Quando arriva Dan The Automator, si mette comodo su una sedia e spiega che, nonostante l'aura bizzarra dei progetti a nome Dr. Octagon, il processo di ritrovarsi insieme per un nuovo album è andato liscio come l'olio. "So che tutti pensano che Keith sia un pazzo ma in realtà è molto concentrato quando lavoriamo", dice, aggiungendo soltanto che una serie di DVD porno anni Novanta ha iniziato ad accumularsi in studio aumentando a ogni ritorno di Keith. "Con lui, tutto scorre, scorre dalla penna, scorrono le rime e o è buono oppure si rifiuta; non c'è altro, non c'è una via di mezzo. Quindi produciamo molto perché non ci fermiamo a correggere strofe, una strofa crolla se ti metti a fare così, l'ho capito nel corso degli anni".

Pubblicità

Come l'album che lo ha preceduto, Moosebumps crea un universo che sembra allo stesso tempo futuristico (è ambientato nell'anno 3000) e ancorato al presente. La base arriva dalla produzione di Dan The Automator, che mette insieme giri di batteria spigolosi come i breakbeat dell'hip-hop di fine anni Ottanta con linee di synth che sembrano provenire dallo spazio profondo. “Bear Witness IV”, da Moosebumps, suona come se qualcuno stesse trasmettendo la traccia da party definitiva “Dope On Plastic” dalla Luna, specialmente quando Qbert aggiunge al beat profondissimo i suoi scratch a velocità della luce. Su questi sfondi musicali evocativi, le liriche di Keith viaggiano nel tempo, prendendo oggetti e riferimenti di oggi e lanciandoli verso un regno fantastico del futuro.

Il nuovo album apre con la notizia che Dr. Octagon è diventato pazzo dopo aver accumulato un impero universale che comprende, nelle parole di Keith, "una frenesia di ogni cosa: tè Octagon, caffè Octagon, torta Octagon, fragole Octagon, scarpe Octagon, cravatte Octagon, sarebbe potuto andare in ogni direzione". (Quando Qbert suggerisce che gli piacerebbe vedere un vibratore firmato Octagon "per la moglie del mio amico", Keith chiede, molto seriamente: "Sembra un cuckold o qualcosa del genere. Tu sei un cuckold?") Moosebumps passa velocemente a raccontare i dettagli delle missioni del Dr. Octagon in posti come "Area 54", dove Keith invoca il suo "dialetto spaziale" per dipingere il ritratto di un mondo popolato da dinosauri ma anche da dischi volanti, e "3030 Meets The Doc Pt. 1", che unisce i due mondi di Dr. Octagon e Deltron 3030 con un cameo di Del The Funky Homosapien. Quando si incontrano nel laboratorio di Octagon, il personaggio Deltron si complimenta con l'ospite per "le tue scoperte scientifiche leggendarie".

Pubblicità

Questa fede nella promessa di altri mondi oltre la Terra unisce i protagonisti del Dr. Octagon. Keith e Qbert dicono entrambi di credere all'esistenza di forme di vita aliene. Dopo aver parlato di come avesse visto "tre puntini che si sono messi a girare e poi sono volati verso lo spazio profondo" cinque anni fa in un locale appena fuori da San Francisco, Qbert ipotizza che il governo stia "tenendo nascosta tutta la roba sugli UFO per via dell'energia gratuita. Se la gente fosse al corrente degli UFO direbbe 'come sono arrivati fin qua?' Quella è l'energia gratuita che il governo ci vuole tenere nascosta". Keith aggiunge: "Ho visto strane navette spaziali ma nessuno mi crederà mai". Forse ha ragione se parliamo della Terra, ma quando questi pensieri e queste teorie sono presentati attraverso la lente di Dr. Octagon raccontano un mondo credibile anche se un po' cartoonesco.

"Ho fantasie di scrittura illimitate", dice Keith. Le storie fantastiche che racconta "sono elastiche come le gomme da masticare. Non mi dispiace far dire alla gente 'wow, che cos'ha detto?' Sono uno scrittore audace da anni".

Ascolta Moosebumps: An Exploration Into Modern Day Horripilation.

La versione originale di questo articolo è stata pubblicata da Noisey USA.

Segui Noisey su Instagram e su Facebook.