FYI.

This story is over 5 years old.

i-D

Il fondatore del Terraforma ci racconta come nasce un festival internazionale

Ruggero Pietromarchi ha portato in Italia un nuovo concetto di rassegna musicale che unisce sostenibilità ambientale, valorizzazione del territorio e artisti internazionali.

Threes è una casa di produzione che si sta prendendo il suo spazio nell'organizzazione degli eventi musicali a Milano e dintorni, con una speciale attenzione alla sostenibilità ambientale e alla riqualificazione del territorio. La settimana scorsa ha portato, in collaborazione con Basemental, il leggendario musicista ambient William Basinski alla Chiesa Rossa, dove capeggia l'installazione postuma di Dan Klavin commissionata dalla Fondazione Prada, e per il secondo anno consecutivo si appresta a curare l'apertura dei Bagni Misteriosi, in cui nel 2016 una big orchestra ha reinterpretato le musiche di Lorenzo Senni.

Pubblicità

Il fiore all'occhiello di Threes è però il Terraforma Festival, che tra il 23 e il 25 giugno porterà musica di qualità alla splendida Villa Arconati di Bollate. Il progetto non prevede solo un'accurata selezione artistica per la tre giorni nel verde, ma ha un più ampio respiro e una più nobile missione: quella del progressivo restauro del parco della villa e della realizzazione del Labirinto sul modello originale risalente al XVIII Secolo. Attendendo con ansia quella che sarà la quarta edizione del Festival, abbiamo fatto una chiacchierata con Ruggero, uno dei quattro soci di Threes e fondatore di Terraforma, che ci ha raccontato com'è nato questo progetto e che cosa dobbiamo aspettarci dalla nuova edizion

Continua a leggere su i-D: Il fondatore del Terraforma ci racconta come nasce un festival internazionale