Come sarebbe la Terra se i domini web fossero regioni
Se i domini web di ogni paese fossero regioni, la Terra apparirebbe così. (Clicca sull'immagine per ingrandirla) Immagine: Nominet

FYI.

This story is over 5 years old.

Come sarebbe la Terra se i domini web fossero regioni

Ecco come apparirebbero le grandi nazioni in base al numero di domini registrati.

In questa mappa il mondo ha un aspetto diverso dal solito. Perché? Perché le dimensioni dei paesi sono state scelte in base al numero di nomi di dominio registrati in ogni singola nazione e non per le dimensioni geografiche.

La mappa è stata pubblicata da Nominet, la società responsabile per l'infrastruttura Internet britannica, in concomitanza con ICANN55, il cinquantacinquesimo incontro della comunità mondiale che si occupa di domini.

In questo mondo parallelo, nazioni influenti come gli Stati Uniti e la Russia hanno dimensioni relativamente ridotte, mentre la piccolissima isola di Tokelau (indicata come .tk) è gigantesca, visto che vi sono registrati ben 31.311.498 domini. Anche se Tokelau ha una popolazione di solo 1.400 abitanti, il paese ha più di 31 milioni di domini perché consente di registrarli gratuitamente.

Gli Stati Uniti totalizzano solo 687.107 domini registrati come .us forse perché gli indirizzi che finiscono con .com sono più popolari. Paesi come la Siria (.sy) e la Somalia (.so) risultano quasi invisibili. Il vasto continente africano appare minuscolo: infatti, solo il 15 per cento del suo miliardo di abitanti ha la possibilità di accedere regolarmente ad internet. In questo mondo alternativo, Il Regno Unito, con i suoi 10.660.818 domini, è il quarto paese più grande dopo Tokelau, la Cina e la Germania.

Nel complesso, L'Europa online risulta molto più estesa delle sue effettive dimensioni geografiche, "a causa del utilizzo elevato di internet nell'area," spiega Russell Haworth, CEO di Nominet.

Non è la prima volta che la mappa del mondo viene reinventata utilizzando una serie di dati curiosi. In precedenza, i ricercatori del Oxford Internet Institute, avevano visualizzato il mondo valutando in quali paesi registrano il maggior numero di utenti online e in seguito focalizzandosi sulle nazioni meno connesse del pianeta.