Il postino che ha mappato a mano la più grande favela del brasile
Foto: Matias Maxx

FYI.

This story is over 5 years old.

Il postino che ha mappato a mano la più grande favela del brasile

Carlos pedro è un surfista. Adesso sta lavorando come postino e ha pensato un algoritmo per mappare a mano la favela in cui lavora.
20 ottobre 2014, 6:13am

Mi trovo con Carlos Pedro su una strada sterrata a un chilometro di distanza dalla via Gavea presso Vila Verde, a Rocinha, la più grande favela del Brasile. Accanto a noi scorre un fiume di acque di scarico e alcune scale piuttosto malridotte conducono ai tre lati del quartiere. Sopra il torrente si trova una casa di mattoni di due piani arroccata su pilastri di calcestruzzo. "Non cadrà", mi assicura Pedro.

"La maggior parte dei fondatori di Rocinha erano operai edili del Nord-Est", dice Pedro. "Ogni baraccopoli ha una peculiare caratteristica, Rocinha è famosa per la qualità dei suoi edifici. Ma dimmi una cosa: dove ci troviamo ora? Qual è il nome di questa strada? È effettivamente una strada? La nostra cartina risponderà a tutte queste domande."

Pedro è un ex campione di bodysurf amatoriale, nato e cresciuto a Rocinha. Nel 2000, assieme ai suoi amici Eliane Ramos e Silas Viera, ha trovato un posto di lavoro nell'ufficio di censimento. È stata una conquista piuttosto frustrante però, perché in questa comunità di oltre 60 000 persone quasi nessuno è in grado di spiegare dove vivesse. In altre parole, nessuno aveva un indirizzo.

Questo è un problema tipico delle decine di baraccopoli brasiliane. Il governo per legge non è autorizzato a creare strade per edifici senza possedimento terriero, e l'ufficio postale non è tenuto a recapitare la posta in assenza di un indirizzo legale.

Senza un indirizzo è molto difficile ricevere la posta, e i problemi legati a questo fatto sono molti. Una delle soluzioni potrebbe essere la raccolta della posta presso i centri di ritrovo della comunità , o presso alcune attività commerciali sulla strada. Ma non potrebbe mai funzionare―immaginate di ricevere in ritardo la lettera che vi avvisa che vostro figlio è stato accettato in qualche scuola quando fosse già troppo tardi per cogliere l'occasione. Oppure immaginate di voler comprare qualcosa su internet, o di aspettare una nuova carta di credito, senza però sapere come vi possa essere recapitata.

Carlos Pedro,foto: Matias Maxx

Pedro, Ramos e Viera hanno deciso di prendere in mano la situazione e anche guadagnarci qualcosa. Il primo passo è stato quello di realizzare una mappa della comunità e creare indirizzi virtuali che avrebbero potuto usare per creare una organizzazione che si occupasse di consegnare la posta.

È stata un'operazione molto più complessa di quanto avessero immaginato. Se aveste digitato 'Rocinha' su Google Maps qualche mese fa, avreste visto soltanto la strada di nome Gavea, mentre, in realtà, ci sono centinaia di strade, vicoli e scale.

Uno dei problemi dell'operazione di mappatura di una baraccopoli è che molti edifici sono caratterizzati da gallerie che attraversano i vicoli. Un altro problema è che a volte sono usate come pavimentazione di una strada le lastre di cemento utilizzate per i tetti.

Pedro, Ramos e Riviera hanno rinunciato all'idea iniziale di una mappa visiva, e hanno iniziato a costruire una mappa logica generando degli algoritmi. Gli algoritmi sono una serie di istruzioni per specifiche operazioni; un esempio classico di algoritmo è la ricetta per preparare le lasagne.

I dati, aggiornati giornalmente, usati per creare la mappa. Foto: Matias Maxx

Gli algoritmi creati da Pedro e i suoi colleghi sono ovviamente più complessi della ricetta delle lasagne. Senza utilizzare un'immagine visiva, sono riusciti a creare uno pseudo-codice, un linguaggio informale di categorie per descrivere ogni struttura fissa, naturale o artificiale, presente in ogni strada, scala o vicolo, all'interno della grande comunità di Rocinha. Ad esempio, un "condominium" definisce un vicolo cieco con meno di 12 case.

Poiché la maggior parte delle strade di Rocinha non possiedono nomi ufficiali, sono stati i residenti a sceglierli. Una strada, di solito, ha almeno due o tre nomi. Le strade non iniziano in modo arbitrario; a seconda della persona con cui si parla, una strada può iniziare sul lato superiore della baraccopoli e scendere, o viceversa, o addirittura iniziare da qualche parte nel mezzo. Pedro e i suoi amici hanno dovuto creare un inizio e una fine virtuale per ciascuna strada.

Il risultato finale è un algoritmo per ogni strada, scala o vicolo. Insieme queste centinaia di pagine scritte a mano si sono trasformate in un'enorme mappa, piena di linee e codici, impossibile da decifrare per chi non conosca i criteri logici che hanno portato alla sua creazione.

LA SEQUENZA TIPICA è QUESTA: MURO, PIETRA, POLLAIO, NEGOZIO, CASA, CONDOMINIO

Una sequenza tipica è questa: "Muro, pietra, pollaio, negozio, casa, condominio", spiega Pedro. Ognuno di questi concetti possiede definizione specifica, il che rende il lavoro più semplice. "Rocinha è in costante costruzione," aggiunge. "È possibile che tra un mese un pollaio non ci sarà più e al suo posto ci sarà una casa. Per questo motivo abbiamo bisogno di documentare tutto; in modo tale che sarà più facile per noi cambiare la mappa quando sarà necessario."

Terminata la mappa, il team l'ha brevettata e, successivamente, ha creato un servizio di consegna della posta chiamato Carteiro Amigo. È stato un successo, ed anche il primo franchise nato in una baraccopoli nella storia del paese. Attualmente, il gruppo Carteiro Amigo opera in otto baraccopoli di Rio.

Ogni residenza che utilizza il servizio paga un canone mensile―che attualmente è di 16 real a Rocinha, circa 5,2 euro. Ciascuna casa ottiene un indirizzo e un numero in base all'ordine del servizio scelto. Ogni giorno il furgone dell'ufficio postale si ferma all'ufficio di Carteiro Amigo, lasciando lì la posta a tutta la comunità. I dipendenti consegnano poi la posta alle loro migliaia di clienti. Successivamente il furgone dell'ufficio postale si ferma per raccogliere qualsiasi cosa sia rimasta, per poi parcheggiare in cima a una collina per consentire alla gente di controllare se nelle scatole è presente della posta.

La cartografica – e segreta– versione della mappa del vecchio postino. Foto: Matias Maxx

Ritornando sul sentiero della comunità di Vila Verde, ci addentriamo in buco nel mezzo di due edifici e iniziamo a salire una lunga strada.

"Cos'è questa?" chiede Pedro. "E' una strada? Dove comincia?" Mostra la pagina della mappa che si riferisce a quella parte della scalinata. "Guarda questo. Si tratta di un edificio o di una casa? E questa qui è una strada o un condominio? La mappa ti dice tutto."

Pedro indica le porte sulle case. "Questo qui è un cliente di Carteiro Amigo dice indicando l'adesivo con il logo di Carteiro Amigo e il numero 1166.

"Noterai che i numeri non sono in ordine," prosegue. "Guarda questa casa qui: 8044. Questo avviene perché le case ottengono i loro indirizzi in base alla data di registrazione al servizio. Nessuno è in grado di usare la nostra mappa se non glielo spieghiamo."

Photo: Matias Maxx

Pedro mi ha spiegato le linee generali della mappa, ma ci sono alcuni elementi che rimangono segreti. Questa mappa, inoltre, cambia ogni giorno.

"Ogni volta che uno dei nostri postini compie il proprio lavoro, aggiorna la mappa," spiega. "È possibile che dove una settimana prima c'era un muro, oggi ci sia qualcosa di completamente diverso. Abbiamo realizzato la nostra mappa digitale e vogliamo creare anche un'App in modo tale che i nostri postini possano fare gli aggiornamenti attraverso il loro smartphone.

NESSUNO CAPIRà LA MAPPA, A MENO CHE QUALCUNO NON GLIELO SPIEGHI

"Ci sono dei problemi con il traffico di droga?" ho chiesto.

"Nessuno", mi ha detto. "Pensi che i signori della droga non vogliano ricevere la propria posta? Pensi che non vogliano comprare scarpe da tennis su internet? Tutti lo vogliono. Con Carteiro Amigo le vendite sono aumentate esplonenzialmente a Rocinha. E come si può notare, ci sono un sacco di soldi in questa comunità, un sacco di commercio e la maggior parte delle persone che vivono qui sono benestanti. Questa è una caratteristica di Rocinha. Se si va alla collina Juramento, per esempio, non c'è commercio. È una comunità più povera e facciamo decisamente meno consegne lì. Il mondo è pieno di baraccopoli e tutti hanno bisogno di un servizio di posta. Quindi stiamo guadagnando, il che è buono, ma forniamo allo stesso tempo un servizio volto a migliorare la vita dei membri di queste comunità."

Siamo tornati al quartier generale di Carteiro Amigo per un caffè. C'è una grande cartina tradizionale sulla parete che mostra tutti i vicoli della comunità. "Guarda qui," dice Pedro. L'abbiamo creata sulla base alla nostra operazione mappatura. Il team di Google è venuto qui il mese scorso e ha chiesto se poteva fare una foto alla nostra mappa. Io ho risposto di no. Che se la facciano da soli."