Come sostituire la batteria di una cartuccia dello SNES

L'operazione chirurgica che ogni appassionato di retrogaming deve conoscere
03 gennaio 2016, 10:28pm

Un Natale di molti anni fa mia madre e mio padre mi regalarono un Sega Mega Drive perché erano dei genitori stupendi. È ovvio che a questo punto della storia c'è un "ma"—come ebbi modo di scoprire quasi subito, ero l'unico dei miei amici a possedere quella console: tutti gli altri se la spassavano con il Super Nintendo Entertainment System e questo genere di divario si sarebbe riproposto anche in seguito—ho avuto una Playstation quando tutti gli altri giocavano con il N64 e una Playstation 2 mentre nel resto del mondo spopolava la Xbox. Detto ciò, se da piccolo ho amato il Sega Mega Drive—Sonic spacca e fine della storia—per il mio ultimo compleanno mi sono comprato un Super Nintendo in modo da tentare di vivere un'infanzia da giocatore di videogame alternativa a quella che ho avuto.

Ho appena finito di giocare tutto Super Mario All-Stars + Super Mario World e il mio fantastico coinquilino ha regalato Zelda: A Link to the Past alla mia ragazza, una grande fan dei gdr, per il suo compleanno. C'è solo un piccolo problema: abbiamo scoperto di non riuscire a salvare le partite. A quanto pare tutti i giochi per SNES sfruttano una sorta di RAM alimentata da una pila per orologi all'interno delle cartucce per garantire che non venga perso nulla anche quando queste non sono inserite all'interno della console. Questo genere di batterie dura in media 10 anni o poco più. Ma nel nostro caso, era giunto il momento di cimentarci nella sostituzione delle batterie, il genere di intervento che qualsiasi giocatore di SNES prima o poi è costretto ad eseguire. Per fortuna non è nulla di estremamente complesso.

Come cambiare la batteria di una cartuccia per SNES

Per prima cosa facciamo un po' di shopping. I principali materiali di cui avete bisogno sono:

  • Un security bit da 3,88 mm per rimuovere le viti della cartuccia
  • Una batteria CR2032
  • Nastro elettrico
  • Un rasoio affilato
  • Un drink per garantirvi una mano ferma visto che si tratta pur sempre di effettuare degli interventi su dei pezzi storici.

Per ulteriori interventi, potete anche prendere in considerazione una batteria nuova, ad esempio questa.

Prima di procedere, devo farvi una raccomandazione molto importante: a fine operazione, perderete per sempre qualsiasi partita salvata fino ad ora. Ma se farete tutto a dovere, vi guadagnerete un altro decennio o due di tempo per salvarne delle nuove. Proprio per questo, vi suggerisco di svolgere la procedura appena mettete le mani su una cartuccia nuova oppure quando la batteria interna di quelle che state utilizzando è completamente scarica. Tenete conto che l'unico modo di sostituire la vecchia batteria comporta la rimozione della stessa e almeno io non ho nessuna intenzione di mettermi a sperimentare metodi alternativi. Inoltre, visto che parliamo di prodotti elettronici vecchi e piuttosto delicati, prima di iniziare, vi suggerirei di fare pratica su copie di giochi che non valgono molto. Se rovinate qualcosa, non venite a prendervela con me. Intesi?

Una volta acquistato tutto l'occorrente, il primo passo è quello di lavarsi le mani, dopodiché potete rimuovere le due viti che tengono insieme la cartuccia.

Aprite la cartuccia sollevando per prima la parte anteriore...

E sbloccatela dai ganci della parte posteriore. Questa potrebbe essere una delle fasi più difficoltose di tutto il processo. Quando l'avrete superata, sentitevi liberi di festeggiare con un drink.

Eccoci qui. È un po' strano vedere un intero mondo di un videogame che ha fatto la storia condensato in un piccolo pezzo di plastica e metallo.

Capovolgete la scheda del gioco e troverete la batteria in alto a sinistra. A Link to the Past è uscito nel 1992, quindi direi che il 92-02 stampato sulla batteria originale è la durata di vita prevista o una specie di data di scadenza.

La batteria si trova tra due estremità metalliche, i terminali (frecce arancioni e azzurre). La batteria è collegata fisicamente solo al terminale superiore, con due o quattro gocce di colla oppure per mezzo di una saldatura, a seconda del gioco. Il vostro obiettivo è liberare la batteria senza piegare o rompere i terminali.

Se avete gli strumenti adatti e sapete saldare, probabilmente l'acquisto di una batteria con il terminale già attaccato è la via più facile. Ma non vorrei suggerire di acquistare un kit di saldatura solo per sostituire la batteria di un gioco, potete cavarvela anche senza. In sostanza, dovete semplicemente cercare di far passare il rasoio tra il terminale e la batteria per riuscire separarli. Prima di estrarre la batteria, contrassegnate in qualche modo la parte che stava sopra.

Ci hanno detto che riscaldare la lama può rendere più agevole l'operazione e in linea di massimo è vero. Però non scaldatela troppo, altrimenti non riuscirete a tenerla in mano oppure rischierete di danneggiare la batteria. Inoltre, assicuratevi che la lama sia pulita.

Altra raccomandazione: mentre tagliate non dirigete la lama verso di voi. Detto questo, essendo fragile, dovrete reggere il terminale mentre effettuate il taglio. Dei guanti potrebbero aiutare. In ogni caso, l'ideale è procedere partendo dal lato posteriore.

Fatto!

Guardiamo più da vicino i due terminali della batteria. Ora dobbiamo solo inserirci una nuova batteria in mezzo. Nel nostro caso, i terminali sono un po' rovinati, quindi ci siamo assicurati che finissero effettivamente a contatto con la batteria una volta che questa è stata inserita.

Giungiamo al nastro isolante: fate scorrere circa 6 cm di nastro sotto il terminale inferiore. Noi lo abbiamo tagliato in modo che la sua larghezza si adattasse allo spazio disponibile.

Fate scorrere la nuova batteria al suo posto, badando a posizionare il lato corretto all'insù. Come potete vedere il nostro terminale si è un po' piegato durante il processo, ma le conseguenze non dovrebbero essere gravi.

Sistemate la batteria al sicuro.

Dopo aver verificato che entrambi i terminali siano a contatto con la batteria (abbiamo aggiunto un po' di nastro in più a questo scopo), sistemate la scheda con il lato batteria verso il basso. Effettuate le stesse operazioni di prima in ordine inverso: fate scorrere i ganci, chiudete la cartuccia e fissate le due viti senza stringerle troppo perché la plastica è vecchia. Provate a scuotere la cartuccia: se la batteria è fissata correttamente non dovete sentire alcun tintinnio.

Ora, la parte più importante: inserite la cartuccia nella console, verificate che funzioni e giocate abbastanza a lungo per arrivare ad un punto di salvataggio. Poi tirate fuori la cartuccia e scuotetela. Se la batteria è allentata oppure i terminali non sono collegati in modo sicuro, vorrete scoprirlo ora piuttosto che dopo ore e ore di gioco.

Il momento della verità: inserite di nuovo il vostro gioco nella console e tutto funziona a dovere, significa che vi siete assicurati un altro decennio di retrogaming. Se la partita non è stata salvata, probabilmente la batteria è allentata, oppure i terminali non la toccano in maniera corretta. (Se i problemi persistono anche dopo queste verifiche, forse c'è qualcosa che non va nella cartuccia, ma per ora non mi è mai successo nulla del genere.)

Dopo tutto questo lavoro potete sedervi e giocare con la certezza che la vostra partita non verrà perduta. Adesso potete godervi un po' di meritato relax da retrogamer!

@derektmead