Cultura

[NSFW] Le succubi surreali di Alva Bernadine

Questo fotografo esplora le fantasie maschili attraverso una serie di scatti di nudo ispirati al folklore.
26 ottobre 2015, 12:07pm

L'articolo seguente contiene immagini esplicite.

Tutte le immagini per gentile concessione dell'artista

“L’inferno non conosce furia pari a una donna respinta.” Così recita il vecchio detto—ma se quella donna fosse proprio una creatura proveniente dalle profondità dell’inferno? Secondo l’antico folklore, una succube è un demone femmina che dimora nel corpo delle ragazze e donne particolarmente belle. Nelle storie, gli uomini descrivevano i propri incontri sessuali con queste streghe ipnotiche e seducenti come “visite” notturne—l’orario preferito dalle succubi—e le rappresentazioni moderne vanno dal romanzo Breaking Dawn di Stephenie Meyer al franchise giapponese Digimon, dove uno degli antagonisti principali, Lilithmon, è ispirato a Lilith, la prime moglie di Adamo secondo la Zohar. Il mito delle succubi ha anche ispirato il fotografo Alva Bernadine a esplorare l’evoluzione delle fantasie maschili attraverso una serie di fotografie e video particolarmente inquietanti, intitolata Succubus - A Female Demon.

Le immagini non sono ritratti accurati (qualsiasi cosa si possa intendere per accurati) di succubi, che si dice si travestano da donne qualsiasi, ma riflettono l’immaginario dell’artista. “Il mio lavoro è surrealista e ho sempre amato trasmettere un senso di disagio con le mie immagini,” dice. “Mi piace l’idea che un’immagine possa attirare le persone per l'elemento erotico che contiene e allo stesso tempo risulti repellente per la stranezza che rivela.” In alcune immagini, due paia di gambe fuse all’altezza della vita implicano doppi organi genitali femminili e i corpi femminili sono fotografati nudi o poco vestiti, in diretto contrasto con le donne completamente vestite delle leggende sulle succubi.

La serie include anche un video, in cui questi corpi si muovono in modo sinuoso e inquietante. Bernadine ha sviluppato il progetto nel corso di diversi anni e in diversi modi. Ha iniziato a creare le succubi nel 1993, prima di Photoshop, e molte delle sue illusioni sono frutto di una manipolazione manuale. “Ho raggiunto l’effetto che volevo con una doppia esposizione e un cartoncino nero messo davanti alla lente di un 35mm,” ha detto. I corpi fusi davanti e dietro, torso e genitali, erano così perfetti, racconta, che hanno avuto bisogno di interventi digitali irrisori. Più avanti, ha iniziato a lavorare su Photoshop per questioni di efficienza. Il che ha portato ad un secondo importante sviluppo nel suo studio del corpo femminile e delle distorsioni che animano le sue fotografie. L’attenzione si concentra sulle gambe e sul sedere—aree che circondano la vulva, che, nell’antico folklore, è ritenuta essere l'elemento rivelatorio e mortale di una visita notturna, perché sputa fuori la progenie della succube o liquidi alieni e viscosi.

La serie delle succubi fa eco all’opera generale di Bernadine, che gioca con il confine tra lo sfruttamento del corpo femminile e la critica verso lo stesso sfruttamento operato società, tramite un racconto surrealista. “Se realizzassi un’immagine esplicita di un uomo che fa sesso con una succube, sarebbe pornografia o sarebbe arte o potrebbe essere entrambe le cose? Pornografia come forma d’arte, se vogliamo,” ha detto, facendo riferimento al prossimo progetto su cui sta lavorando che porta questo tipo di conflitto un gradino più in alto: un film che documenta l’invasione degli spazi pubblici dell’arte—istituzioni come la Royal Academy of Art a Londra—con queste immagini sessuali in modo inquietante, o sessualmente inquietanti, che dir si voglia.

Scoprite di più sull’opera di Alva Bernadine sul suo sito.