alcol

Il primo carico del superalcolico prodotto a Chernobyl è stato confiscato

Le 1.500 bottiglie di vodka prodotta usando mele e grano coltivati vicino alla centrale nucleare di Chernobyl erano dirette nel Regno Unito.
11.5.21
chernobyl impianto nucleare
Vista aerea della zona dell'impianto nucleare di Chernobyl. : DeSid, via Getty Images 

Le autorità hanno sequestrato e confiscato 1.500 bottiglie di Atomik, un superalcolico artigianale fatto usando mele e grano coltivati nei pressi dell’impianto nucleare di Chernobyl. Le ragioni ufficiali del sequestro, però, non sono ancora note.

Il professor Jim Smith, che ha istituito la Chernobyl Spirit Company dopo aver passato diversi anni a lavorare nella zona del disastro nucleare, ha rivelato in un comunicato stampa che il primo lotto sperimentale della vodka Atomik è stato intercettato dalle autorità subito dopo aver lasciato la distilleria, nel nord dell’Ucraina. Il carico avrebbe dovuto raggiungere il Regno Unito, ma ora “resta nelle mani dei procuratori di Kiev.” Smith ha detto che i motivi non erano chiari.

“Sembra che ci stiano accusando di usare bolli di accisa ucraini falsificati,” ha detto, “ma questa accusa non ha senso dato che le bottiglie sono per il mercato del Regno Unito e mostrano chiaramente bolli di accisa inglesi validi.”

Pubblicità

La Chernobyl Spirit Company sta lavorando senza sosta per riavere il carico. Elina Smirnova, avvocata che rappresenta l’azienda in tribunale, ha detto che la confisca è stata compiuta in violazione delle leggi dell’Ucraina e ha accusato le autorità di prendere di mira “un’azienda straniera che ha cercato di costruire un mercato etico principalmente per aiutare l’Ucraina.”

“Le azioni della polizia ucraina stanno danneggiando la reputazione dell’Ucraina come paese libero in cui fare affari,” ha detto Smirnova. “Crediamo che la verità alla fine trionferà.”

Gli studi di Smith e colleghi nella zona di esclusione di Chernobyl puntano a dimostrare che molte delle aree ritenute ancora contaminate dal disastro nucleare del 1986 siano in realtà sicure per coltivare prodotti di consumo.

“In molte aree il terreno potrebbe essere utilizzato per produrre sementi sicure da mangiare,” si legge in una dichiarazione sul sito di Atomik. “Come molti chimici sanno, la distillazione di grano fermentato scarta molti degli elementi più pesanti, per cui l’alcol distillato è più ‘puro’ del grano originale a livello di radioattività. Abbiamo usato il processo di distillazione per ridurre ulteriormente la radioattività del grano e creare un prodotto che viene da Chernobyl e che speriamo le persone vorranno consumare.”

Le mele usate per produrre Atomik sono state coltivate nella zona di Narodychi: una delle aree tutt’ora più colpite dal disastro, e che è per questo soggetta a dure restrizioni su agricoltura e sviluppo, stando a BBC. La ricetta originale dello spirito impiega grano di segale, il che significa che somiglia a un tipo di vodka.