FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Ragazzi, dovete accettare di essere attratti dalle ragazze grasse

Sono grassa e non me ne vergogno. È quello che dovrebbero fare tutte le donne come me, mentre gli uomini etero dovrebbero accettare che, nonostante ciò che gli dice la società, anche noi possiamo essere attraenti.
17 luglio 2015, 9:57am

L'autrice

Non mi vergogno delle dimensioni del mio corpo. Per come la vedo io, se non ti piacciono le mie smagliature allora non ti meriti la mia cellulite. Ma non sono sempre stata così. Prima ero la classica ragazza che si vergogna e vuole fare sesso con le luci spente. Mi coprivo appena uscivo dal letto. Non volevo mai stare sopra, avevo paura di come sarebbe apparsa la mia pancia vista dal basso. Dio, quanto mi rattrista pensare a quella versione di me.

La mia autostima si è risvegliata quando ho realizzato che il mio essere grassa è una cosa che non posso nascondere. Quindi perché provarci? Quando facevo sesso mi comportavo come se l'altra persona non sapesse cosa aspettarsi dal mio corpo, come se fino a quel momento non avessimo fatto altro che guardarci in faccia. In più, la maggior parte degli uomini con cui vado a letto mi dicono che gli piace il mio corpo. Dicono cose tipo, "Mi piacciono le ragazze con le curve." Pensavo che con questi complimenti volessero semplicemente farmi un favore—dicendomi che ho le curve, non che sono grassa. Ma per me 'grassa' non è una brutta parola, e non vedo perché evitarla.

Di recente ho parlato di questo con un ragazzo che mentre facevamo sesso mi aveva chiamata "formosa." "Chiamami grassa," gli ho detto. "Non ci rimango male – è quello che sono." La sua risposta mi ha sorpresa. "Credimi. Non sei grassa. Non sono attratto dalle ragazze grasse."

La cosa mi ha colpita. Oh, quindi non lo stai facendo per me. Lo fai per te. Questo ragazzo, come probabilmente molti altri, non voleva accettare di essere attratto dalle ragazze grasse.

Capisco. Non sono solo le donne a crescere con la convinzione che sia solo uno il tipo di corpo ad essere considerato "sexy." Ammettere apertamente di essere attratti da un tipo di corpo che si allontana dalla norma accettata dalla nostra società è fonte di imbarazzo. Anche chi non si vergogna delle sue preferenze a volte sente il bisogno di mantenerle segrete. Secondo il professore di studi di genere Hugo Schwyzer, gli uomini etero "vengono educati ad essere attratti da ciò da cui sono attratti gli altri uomini." Praticamente, nel mondo etero, l'attrazione sessuale è un costrutto sociale dove le donne sono dei pilastri per l'autostima dei propri compagni. Le donne grasse sono considerate "degradanti" e questo porta molti uomini etero a negare completamente ogni forma di attrazione nei loro confronti.

Ovviamente questo non vale per tutti gli uomini eterosessuali. Esistono comunità di cosiddetti "fat admirer." Nel 2011, il Village Voice ha pubblicato un profilo di Dan Weiss, un "fat admirer" dichiarato non che il fondatore di "Ask A Guy Who Likes Fat Chicks." Sul suo blog, Weiss smonta i miti sui motivi per i quali un uomo può preferire le donne grasse: non è perché le donne grasse sono più facili da portare a letto, e non è vero che gli uomini che frequentano le donne grasse devono avere poca autostima. Il fatto è che queste credenze comuni dicono prima di tutto qualcosa su come le donne grasse vengono viste all'interno di un contesto sessuale.

Un quadro di Botero. Foto via Flickr/

Enrique Vázquez

L'autrice e attivista Virgie Tobvar ha fatto notare che esiste anche un altro luogo comune fondamentalmente sbagliato al riguardo: "gli uomini che sono attratti dalle donne grasse vengono considerati dei deviati o dei pervertiti, perché le donne grasse non sono conformi all'idea di bellezza dominante nel mondo occidentale," mi ha detto. "La verità è che il desiderio umano—e sì, il desiderio maschile—varia molto, e se vivessimo in un mondo meno omologato capiremmo quanto sono diversi i nostri gusti. Purtroppo non viviamo in quel tipo di mondo. Siamo in occidente, e l'occidente apprezza la magrezza."

Le cose potrebbero cambiare se le donne grasse venissero rappresentate diversamente dai media. Hollywood può fare decisamente di meglio che selezionare Melissa McCarthy in alcuni ruoli divertenti ma completamente desessualizzati. E anche nell'industria musicale sentiamo parlare di donne grasse molto di rado. È strano come l'argomento sia dominato dagli stereotipi, considerando il fatto che ad un certo punto della storia culturale del mondo occidentale, le donne grasse erano considerate attraenti.

Le sociologhe Samantha Kwane Jennifer Fackler della University of Houston hanno scritto una piccola storia di come gli ideali di bellezza siano cambiati nei secoli, in un libello intitolato "Women and Size." Secondo loro, fino al diciannovesimo secolo, le donne ritratte da artisti come Ruben e Renoir erano "in carne" e "voluminose" (parole loro, non mie. Personalmente, entrambe queste espressioni mi fanno vomitare, perché sembrano prese da un orribile romanzo erotico.) Comunque sia, i corpi magri sono diventati attraenti solo dopo che il mercato di massa nella moda ha cominciato a farsi largo, in contemporanea con il mercato delle diete.

Secondo quanto sostenuto dalla gastronoma Sarah Lohman, è stato intorno a questo periodo che le taglie sono diventate standard e la scoperta delle calorie ha improvvisamente fatto sì che il controllo del peso entrasse nella coscienza collettiva. In altre parole, le diete sono diventate una faccenda di marca, un prodotto da vendere. Negli anni Venti, "la maggior parte delle donne americane erano a dieta o si sentivano in colpa per non esserlo. E il resto è storia." La nostra intera percezione della bellezza in relazione alla magrezza deriva soprattutto dalle persone che nel corso della storia hanno cercato di guadagnare sulla nostra autostima. E noi ci siamo cascati in pieno.

"Siamo vittime di un lavaggio del cervello," ha detto Ken Page, psicoterapeuta e autore del libro Deepr dating: How to Drop the Games of Seduction and Discover the Power of Intimacy. "La nostra educazione su cosa è attraente, il modo in cui siamo obbligati ad apparire—è come se tutto ciò sia stato deciso da un gruppo di adolescenti ansiosi. È pericoloso, sbagliato e soprattutto non ha alcun fondamento scientifico."

La verità è che l'attrazione ha molto meno a che fare con l'aspetto di quanto noi pensiamo. Stando alla scienza, gran parte dell'attrazione sessuale si riduce alla fertilità del nostro odore, a tratti personali come la gentilezza e l'intelligenza, e a quello che Page chiama "attrazione emozionale," che praticamente significa quanto ti trovi bene con l'altra persona. "Pensare che il tuo aspetto o il tuo peso possano attrarre le persone è semplicemente falso."

Se questo è come funziona l'attrazione a un livello scientifico, allora perché non lo riscontriamo nella vita di tutti i giorni? Perché mia madre, ebrea e iperprotettiva, insisteva sempre perché perdessi peso così da poter sposare un dentista ebreo? Perché su internet degli sconosciuti mi dicono continuamente che dimagrire mi aiuterebbe a trovare l'amore?

Lo so che non è vero. Ho un sacco di amiche che sono belle ragazze. Ho imparato da loro che le vite sentimentalidelle ragazze alte, magre e bellissime fanno schifo quanto la mia. Magre o grasse, quando si tratta di essere tradite o scaricate siamo tutte sulle stessa barca. L'unica differenza è che quando succede alle mie amiche magre loro non danno automaticamente la colpa al loro peso. Allora perché mi fanno costantemente sentire come se il mio peso sia ciò che complica la mia vita sentimentale?

Sappiamo tutte cosa vuol dire vergognarsi del proprio corpo. Ma come mi ha spiegato Tovar, il modo in cui processo la mia vergogna è diverso dal modo in cui gli uomini con cui sono stata a letto processano la loro. "Alle donne, quando si vergognano, viene insegnato a rivolgere quella vergogna all'interno, verso se stesse," ha detto Tovar. " Gli uomini invece rivolgono quella stessa vergogna lontano da loro stessi. Le donne tendono ad assorbirla—non solo la vergogna che probabilmente già sentono per essere grasse, ma anche la vergogna di aver messo a disagio il proprio partner."

Questo è dimostrato dal fatto che le donne si sentono in imbarazzo a esporre totalmente il proprio corpo durante il sesso, anche quando i nostri partner ci hanno già esternato la propria attrazione e il loro desiderio di strapparci i vestiti. Come dire "Mi imbarazza il fatto che tu possa essere imbarazzato dal mio corpo."

Per porre fine a questo tipo di vergogna, le donne – e non solo le donne grasse – devono accettare i propri corpi per ciò che sono. Come mi ha spiegato Page, può capitare che le parti del nostro corpo di cui ci vergogniamo di più siano proprio quelle che eccitano di più il nostro partner.

Ovviamente è più facile da dire che da fare. Non provare imbarazzo per ciò che ci viene costantemente descritto come un difetto è estremamente difficile. Per aiutarci, gli uomini potrebbero esprimere meglio il desiderio che provano nei nostri confronti—non solo in privato, ma anche in pubblico.

E in quanto a voi, uomini eterosessuali là fuori che non riuscite ad ammettere apertamente che le ragazze grasse possono essere attraenti proprio come quelle magre, chiedetevi: Perché? Di cosa ho paura in realtà? Della reazione dei miei amici? Che amici sono, se cercano di impedirmi di essere felice?

La morale è che le donne grasse non vogliono più essere trattate come casi strani, e gli uomini che sono attratti dalle donne grasse non vogliono più essere trattati come deviati. L'attrazione ha diverse sfumature, ed è giusto che vengano prese in considerazione tutte.

Segui Alison Stevenson su Twitter.