FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Il meglio del 2011 secondo gli amici di VICE - Seconda parte

Seconda parte della lista delle cose migliori dell'anno migliore dell'anno.

Seconda parte della lista delle cose migliori dell'anno migliore dell'anno.

Congorock

L'attesa dell'11/11/2011 per me era associata all'uscita di Skyrim, videogioco che sin dagli episodi precedenti ha influenzato negativamente i miei livelli di produttività e la mia propensione alla vita sociale. Pochi giorni dopo averlo acquistato, mi sono reso conto che rientravo in casa esaltato all'idea di mettermi a letto e giocarci. L'inizio della fine. Non ne vado fiero, ma è la verità.

Pubblicità

Nel mio iPod c'è sempre pochissima cassa dritta, anzi. Per compensare il sovraccarico a cui sono esposto, cerco di risolvere con dischi che vanno in direzione opposta. Il disco chitarristico che mi è piaciuto di più è stato quello di Amen Dunes, Through Donkey Jaw, un album con pochi fronzoli capace di farmi venire voglia di riprendere in mano uno strumento musicale vero, con delle corde, anziché il computer. Il disco più attuale de 2011 è Far Side Virtual di James Ferraro, una serie pazzesca di jingle, suonerie per cellulari e tanto altro materiale che sembra rubato da una schermata di attesa in un videogioco Wii-Fit.

Rimanendo in ambito di meta-musica, sono rimasto ipnotizzato dal video di Rebecca Black "Friday" e non capisco come mai nessuno ne parli più.

Dopo aver visitato il loro store/tempio a Bali, ho completamente perso la testa per i tipi di Deus Ex Machina, quindi includo nel 2011 qualunque cosa sia uscita dal loro laboratorio negli ultimi 12 mesi. Tim Small

I miei dischi dell'anno in nessun ordine specifico:
A$ap Rocky - LIVELOVEA$AP
John Fahey - Your Past Comes Back To Haunt You Vol.1-5
Iceage - New Brigade
The Weeknd - House of Balloons
The War on Drugs - Slave Ambient
The People’s Temple - Sons of Stone
Cass McCombs - Humor Risk
Bonnie “Prince” Billy - Wolfroy Goes To Town
James Ferraro - Far Side Virtual
Clams Casino - Instrumentals
Drake - Take Care
Fucked Up - David Comes To Life
Sleep Over - Forever
Araabmuzik - Electronic Dream
Sic Alps - Napa Asylum
Real Estate - Days
Nodzzz - Innings
Grimes / D’Eon - Dark Bloom
Ducktails - Ducktails III: Arcade Dynamics
Bill Callahan - Apocalypse

Pubblicità

Dischi che mi sono piaciuti moltissimo quest’anno ma che non sono usciti quest’anno:
Grateful Dead - American Beauty
Grateful Dead - Live / Dead
Grateful Dead - Workingman's Dead
Mike Bones - A Fool for Everyone
Endless Boogie - Focus Level

Il miglior disco synth pop che tratta solo di cuori infranti da ex-fidanzate cantato dal pupazzo-Dracula del musical ‘A Taste for Love’ di Forgetting Sarah Marshall del 2011:
Future Islands - On The Water

Gruppo entrato quest’anno nella mia Top 5 di sempre:
Grateful Dead

Gruppo uscito quest’anno dalla mia Top 5 di sempre:
The Replacements

Gruppo più inspiegabilmente noto nel 2011:
Oneida

Gruppo più inspiegabilmente non-noto nel 2011:
Cheeseburger ex aequo con Endless Boogie

Capigliatura rock dell’anno:
Paul Major degli Endless Boogie

Fumetti più belli dell’anno:
Powr Mastrs Vol. 3 - C.F.
Gangsta Rap Posse Vol. 2 - Benjamin Marra
Prison Pit: Book Three - Johnny Ryan
Forming - Jesse Moynihan
1-800-MICE - Matthew Thurber
X’d Out - Charles Burns
Love and Rockets: New Stories #4 - Gilbert & Jaime Hernandez

Film più sottovalutato dell’anno:
L’alba del pianeta delle scimmie

Film più sopravvalutato dell’anno:
Tree of life

Film più bello dell'anno:
Drive

Libri dell'anno, nel senso migliori libri che ho letto quest'anno, non necessariamente libri usciti quest'anno:
Il tempo è un bastardo - Jennifer Egan
Dog Soldiers - Robert Stone
Tutti i racconti di James Salter
Mrs. Bridge - Evan S. Connell
Pastorale Americana - Philip Roth
The Great Night - Chris Adrian
Warlock - Oakley Hall
Cockfighter - Charles Willeford
Train Dreams - Denis Johnson
Il Terzo Reich - Roberto Bolaño
Così si muore a God's Pocket - Pete Dexter
Stoner - John Williams
A Way Of Life, Like Any Other - Darcy O’Brien
Edisto - Padgett Powell
The Complete Peanuts
Revolution - Deb Olin Unferth
Magic For Beginners - Kelly Link

Pubblicità

Miglior autore che non avevo mai letto prima di quest’anno:
Padgett Powell

Stagione televisiva più bella dell’anno:
Boardwalk Empire, seconda stagione

Nuova serie televisiva più bella dell’anno:
Il trono di spade, prima stagione

Nuova serie televisiva che più è riuscita a autodistruggersi in una sola stagione:
American Horror Story, prima stagione

Stagione televisiva più offensivamente brutta nel senso che stai insultando il mio cervello mentre ti guardo dell’anno:
The Walking Dead, seconda stagione

Stagione televisiva più deludente in rapporto diretto alla stagione precedente:
Parks & Recreation, quarta stagione

Stagione televisiva che più ti fa chiedere come sia possibile che una merdata per casalinghe assetate di sangue del genere vada avanti così a lungo senza che nessuno dica che è una merdata per casalinghe assetate di sangue del 2011:
Dexter, sesta stagione

Stagione televisiva più divertente dell’anno:
Community, terza stagione ex aequo con Curb Your Enthusiasm, settima stagione e Eastbound & Down, seconda stagione

Stagione televisiva che più ci sta preparando a una delusione l’anno prossimo:
Breaking Bad, quarta stagione

Presentatore meno divertente dell’anno:
Fiorello

Sport dell'anno:
Pallacanestro

Atleti dell’anno: 
Antonio Cassano 
Kenny Powers di Eastbound & Down 
Blake Griffin 
Simone Farina
Tyson Chandler

Droga dell’anno:
The Elder Scrolls V: Skyrim

Scoperta culinaria dell’anno:
Acqua di cocco Laura Spini

Pubblicità

Un film che mi è piaciuto molto quest'anno, titolo: Drive.

RECENSIONE
A me al cinema piace andare per vedere gli uomini grandi. Un uomo su 18m di larghezza > un uomo qualsiasi incontrato per strada. Sebbene questo ragionamento porti a un sacco di equivoci, per esempio: tutti sono convinti che Heath Ledger sia questo marcantonio stazzato, invece è un nano. (Ora comunque è morto). Il miracolo di questa nostra amatissima settima arte. Il regista di Drive è un uomo danese. Drive parla di un signore che non dice mai niente, nome: Ryan (non nel film). Lo inquadrano sempre benissimo perché risulti affascinante, tranne qui che è quando minaccia una bella ragazza:

In foto: ti do una papina che ti fa girare per tre ore.

O anche qui:

In foto: c'è anche la bella ragazza (JOAN di Mad Men)

Drive è un film, lo avrete capito dal titolo se conoscete bene l'inglese, sulle macchine. C'è questo che guida per tre quarti d'ora mentre ascolta il synthpop. A volte torna a casa per innamorarsi. Compare anche quello che costruisce le droghe pesanti in Breaking Bad che, qui, nel doppiaggio italiano parla con la voce di Nonno Simpson, ma comunque è un personaggio secondario (non ci interessa).
A un certo punto c'è un inseguimento in cui ryangosling guida un'auto rapidissima nera e poi d'improvviso la macchina dei cattivi cerca di speronare lui che corre a mille all'ora in retromarcia. (Io non ho la patente). In famiglia disapprovano tutti questa scelta. Mio zio Paolo è un appassionato delle quattro ruote. Nel film si balla tantissimo il synthpop. PER I VIDEOGIOCATORI: la scena iniziale vi ricorderà un videogioco, si chiama GTA.

Pubblicità

Ho molti amici che parlano di composizione delle scene, rinnovamento dei generi cinematografici, tempi iperdilatati che riflettono i tempi della mente del personaggio «manco si trattasse di una pièce di Robert Wilson», ma secondo me non hanno capito niente, men che meno il senso del film, che è: ci sono questi due che si amano, poi però muoiono tutti. Che disdetta!!!!!
Ciao a tutti belli e brutti. Lorenzo Senni

http://dismagazine.com/trancewar/
http://urbanomic.com/pub_collapse7.php
http://www.aids-3d.com/
http://www.youtube.com/watch?v=Qg_EKsFaIu8
http://vimeo.com/30358780
http://www.youtube.com/watch?v=o0Wvn-9BXVc Francesco Pacifico

Autoregali fatti nei mesi prima di Natale:
I mimi - V.S. Naipaul
NBA League Pass
Il Kindle
La mia vita di uomo - Philip Roth
Mildred Pierce - James M. Cain
Spritualized - Ladies and Gentlemen we’re Floating in Space LP
Eastbound and down, seconda stagione 
Grantland.com, The 12 Days of NBA Christmas
Io le pago - Chester Brown
American Dad, settima stagione
Louie, seconda stagione
Gottland - Mariusz Szczygiel  
Drive - Nicolas Winding Refn 
La casa dei buchi - Nicholson Baker
Il tempo è un bastardo - Jennifer Egan
Breaking Bad, quarta stagione
Il Barça - Sandro Modeo

Alessio Ascari

La mia (ri)scoperta del 2011 è stata Jean-Léon Gérôme. È stato celebrato da una mega-mostra retrospettiva che durante l'anno ha girato alcuni tra i più prestigiosi musei del mondo, prima Parigi, poi L.A. e Madrid.

Pubblicità

Jean-Léon Gérôme era un artista pazzo e reazionario dotato di uno stile superbo, che lavorava a Parigi nella seconda metà dell'Ottocento. Mentre i suoi coetanei (gente come Monet e Manet, per dirne due a caso) rivoluzionavano il modo di fare arte con l'impressionismo, cambiando per sempre le regole del gioco, lui dipingeva tele gigantesche che celebravano un'idea malata di classicità e portavano alle estreme conseguenze i valori dell'imperialismo coloniale francese. Il suo stile, in pittura come in scultura, era sensazionale, iperrealista, fotografico: col senno di poi, alcuni hanno paragonato i suoi lavori a fermi immagine di kolossal hollywoodiani.

L'immaginario era abbastanza truzzo: combattimenti di gladiatori, scene di guerra, bestie feroci, mercati di città esotiche, beduini nel deserto, palazzi da paura. E poi, attenzione, faceva davvero un sacco di soldi perché, oltre a frequentare l'élite napoleonica, aveva messo su una vera e propria factory che sfornava opere su commissione per il jet set francese ed europeo dell'epoca, una specie di Wharol ante-litteram. Procuratevi il catalogo, da sfogliare ascoltando del rap ignorante, tipo Waka Flocka Flame, o quella pacchianata di Watch The Throne.

Palm Wine

Fare liste mi piace, ma ho uno strano rapporto con i rewind di un intero anno. Il 2011 è stato vivacemente prolisso. Lo vedo come un anno di raccordo, il punto è capire verso cosa. La lista è random e in ordine sparso. È perlopiù musicale, con qualche sbandata regalata dalla rete e da chi la scava, e da un paio di situazioni vissute. Buon 2012.

Pubblicità

Fatima Al Qadiri - "Vatican Vibes"

Shabazz Palaces - Black Up

"Spiderman & friends get loose at a Kids birthday party"

James Ferraro - Farsidevirtual + Rapture Adrenaline (Hundebiss/Music City)

Scambaiting - Natasha Stagg

Odd Future live at Low End Theory, Los Angeles 03/03/2011

Christopher Kirkley - Music from Saharan Cellphones

Beyond Digital - Morocco

Dayone - "Multiply" - Duppy Gun Productions