Foto della scena skate dell'Iran

FYI.

This story is over 5 years old.

Foto

Foto della scena skate dell'Iran

Il fotografo francese Mathias Zwick ha passato un periodo in Iran a fotografare la viva scena dei giovani skater iraniani.
11.4.16

All'improvviso, richiamati dal rumore delle ruote sull'asfalto, gli spettatori si girano a osservare un'orda di 30 skater. Sfrecciano per le strade a una velocità mozzafiato. Indossano vestiti di marche americane, hanno macchinette GoPro e gli skate ricoperti di teschi. Sembra una scena della California del sud. Ma, di fatto, ha luogo a Teheran, la capitale della Repubblica Islamica dell'Iran.

Per i cittadini francesi visitare l'Iran è abbastanza semplice. Dopo aver fatto richiesta per un visto all'ambasciata iraniana a Parigi, ho preso un volo dalla capitale francese a Teheran nel settembre del 2015 per incontrare e fotografare gli skater della repubblica islamica di otto diverse città.

Pubblicità

Stando a diverse persone che ho incontrato durante il mio viaggio, nel paese ci sono circa 2mila skater—la maggior parte studenti tra i 15 e i 25 anni. Viste le difficoltà nell'importare prodotti americani nel paese, lo skate non è accessibile a tutti.

"È un hobby costoso. Al momento è uno sport limitato alla classe media e alle classi più alte," mi ha detto Alireza Ansari, il proprietario di TSIXSTY, il primo skate shop del paese.

Mentre a Teheran ci sono alcuni parchi costruiti appositamente per lo skate, lo stesso non vale per altre città. Ma a praticare lo sport sono indifferentemente ragazzi e ragazze: con in testa cappellini al contrario sopra veli discreti ma obbligatori, le ragazze fanno skate insieme ai ragazzi.

Tutte le fotografie di Mathias Zwick. Puoi saperne di più del suo lavoro qui.

Il primo negozio di skate è stato aperto sei anni fa. Si trova nel centro commerciale di Teheran, e dispone di tutte le più popolari marche americane. Le sanzioni economiche e finanziarie imposte all'Iran hanno costretto Alireza, il proprietario, a importare questi prodotti da Dubai. I ritratti dei leader supremi padroneggiano sui muri di tutti i negozi. Anche se non è obbligatorio, Alireza li espone per evitare di offendere alcuni clienti.

Di fronte a una moschea, Erfan si fa trainare da una carrozza solitamente destinata ai turisti.

Mentre aspettano un gruppo di amici da Isfahan, gli skater di Teheran si divertono improvvisando un gioco in cui usano una tavola da skate senza ruote.

Di solito il

Grand Bazaar di Teheran è affollatissimo, ma non nei giorni dedicati al riposo. In uno scenario spettrale gli skater si perdono tra il labirinto del mercato.

Nel sud di Teheran, Ashkan fa skate di fronte a un murales che ritrae l'Ayatollah Khomeini, il leader supremo della rivoluzione islamica del 1979.

Kerman, sud-est

del Paese. Con i veli obbligatori e le maniche lunghe, tre ragazze si allenano.

Il gruppo di Teheran continua il suo viaggio attraverso il paese. Vicino Yazd, devia leggermente per concedersi un po' di skate tra le montagne.

Per tutto l'anno, Erfan insegna skate ai più giovani nelle varie tappe del suo viaggio.

Isfahan.

Âbo atash (acqua e fuoco) è lo skatepark più grande del Medio Oriente. Costruito a Teheran da una compagnia tedesca tre anni fa, molti giovani vi si recano con i loro skate, roller, o biciclette.

Teheran.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: