Pubblicità
Stuff

Come sostenere una conversazione con una persona che non sopporti

Alcuni consigli per sopravvivere a quelle situazioni in cui dobbiamo forzatamente avere a che fare con una persona fastidiosa.

di Jay Heinrichs
09 dicembre 2016, 6:03am

Una cena di Natale tra persone che non c'entrano con questo articolo.

Questo articolo è tratto da Tonic


È stato odio a prima vista. Quando l'ho incontrato per la prima volta insieme alla mia amica Heather, il tizio era seduto al ristorante di un aeroporto, e mangiava huevos rancheros. È venuto fuori che era il cognato di Heather e che ci stava aspettando per fare colazione insieme.

Lo chiamerò Buff, anche se non è il suo vero nome. Aveva l'aspetto di uno che ha giocato a football all'università ma che da allora ha messo su qualche chilo. Indossava una giacca costosa, un Rolex e aveva una spilla in sostegno di un partito politico che non sopportavo.

Ci siamo seduti e gli ho chiesto cosa facesse nella vita. Mi ha raccontato che era il dirigente di una prigione privata che guadagnava a palate grazie a contratti pubblici, facendosi pagare per incarcerare immigrati illegali. Durante la nostra colazione, ha fatto una battuta sessista in cui è riuscito a includere anche sua moglie. E questo è stato prima che iniziassimo a parlare di politica e prima che lui iniziasse a spiegarmi come il fatto di aver avuto un presidente nero avesse diviso il paese.

Ora, ucciderlo non era un'opzione. Era più grosso di me e Heather non avrebbe approvato. Perciò ho messo in pratica una serie di tecniche che ho passato anni a insegnare, tutte aventi come obiettivo il parlare a persone che si odiano. Si tratta di artifici retorici e tecniche di persuasione. Se abbastanza persone le conoscessero, in giro per questo paese ci sarebbe meno rabbia e probabilmente anche migliori risultati elettorali. Per non parlare del fatto che i pranzi in famiglia sarebbero finalmente tollerabili.

GLI OBIETTIVI

Datevene uno. L'errore più grande è iniziare a combattere senza avere una strategia e un obiettivo. La prima cosa da fare quando ci si trova faccia a faccia con uno stronzo è sempre chiedersi cosa vogliamo ottenere dal nostro confronto. Vogliamo umiliarlo? Ottima idea! Eccetto che forse a lungo termine non è la soluzione migliore. E poi, a litigare con gli stronzi si rischia di causare danni collaterali. Per cui, quale può essere il nostro obiettivo?

Un obiettivo può essere quello di migliorare le proprie relazioni se non con lo stronzo in questione, con qualcun altro. Nel mio caso si trattava della mia amica Heather. Un altro obiettivo possibile può essere quello di imparare qualcosa. Lo stronzo in questione—per quanto fosse appunto stronzo, oltre che volgare—rappresentava una visione della vita diversa da quella che conosco io. Durante la nostra colazione gli ho fatto un po' di domande su come funzionassero queste prigioni private e chi vi fosse detenuto. Lui mi ha risposto volentieri dicendomi un sacco di cose che non avrebbe mai detto a un giornalista.

Un altro obiettivo ancora può essere quello di trovare una cosa—qualsiasi cosa—che voi e lo stronzo avete in comune. Potreste vederla come una sorta di gioco: trovare qualcosa di buono nelle persone peggiori. Nel mio caso, Buff si è dimostrato un padre amorevole. Ma in ogni caso, non era lui il mio vero obiettivo.

IL PUBBLICO

Perché il mio vero obiettivo era il pubblico. Pensate ad Abraham Lincoln. Ok, non è la prima persona che viene in mente pensando a come sopportare un pranzo di Natale. Ma è proprio questo il punto. Verso la fine della sua presidenza, la gente diceva che non solo aveva vinto la guerra di secessione ma anche il dibattito sulla schiavitù. Il punto è che non bisogna focalizzarsi sul battere il proprio avversario, che sia fisicamente o in altro modo. Bisogna focalizzarsi sul vincere il favore del pubblico.

E come si può fare? Dimostrando di essere la persona migliore. Se l'altro è davvero uno stronzo, non sarete certo i soli ad accorgervene. Per cui dovete rimanere posati. Quando Buff si è vantato di quanti soldi si facessero mettendo in prigione gli immigrati illegali, non mi sono incazzato. Mi sono mostrato interessato e gli ho fatto domande. Quando si è lamentato di sua moglie di fronte alla sorella di questa, gli ho detto, "Mia moglie avrebbe un sacco di motivi per lamentarsi, è una santa." Heather è partita subito in quarta a raccontare a Buff di quanto mia moglie fosse una brava donna, lanciandomi uno sguardo grato.

Ma quel momento di calma non è durato molto. Buff si è presto annoiato di quell'argomento e ha preso a parlare delle elezioni, dicendo cose razziste su Obama e incensando Trump persino per cose che Trump ha poi ritrattato. Non ho provato a smentirlo, non mi sono messo ad argomentare contro di lui. Può sembrare un atteggiamento codardo, ma la retorica ci offre un'arma molto più efficace in questi casi.

L'INTERESSE AGGRESSIVO

Ho cominciato a fare domande su domande, concentrami su definizioni, dettaglie dati. Quando Buff ha detto che gli immigrati messicani non diventano mai dei veri americani, gli ho chiesto cosa intendesse per messicani. Le persone nate in Messico? I figli di immigrati messicani? I messicani-americani di terza generazione? Di quarta? Gli ho detto che la famiglia di mia madre è arrivata in America da Cuba nell'Ottocento. Secondo lui i cubani diventano mai dei veri americani? Quando Buff ha detto che tutte le mogli vogliono solo meno regole, gli ho chiesto cosa intendesse con "regole" e se sua moglie avesse un lavoro.

Perché tutta questa fatica? Perché quando chiedi alle persone di definire in modo preciso il significato delle parole che usano, queste tendono a usare termini meno estremi. Alla fine, Buff ha dovuto ammettere che i figli degli immigrati messicani tendono a integrarsi molto bene e ha corretto "meno regole" in "più spazi."

Si se va nel dettaglio sulle cose si ottengono gli stessi risultati. Quando Buff si è messo a parlare del muro che Trump ha promesso di costruire durante la sua campagna elettorale (e che adesso non sembra intenzionato a portare avanti), io gli ho chiesto come pensava che sarebbe stato, da dove a dove sarebbe stato costruito, di che materiale, chi avrebbe pagato per costruirlo. Come Trump, alla fine Buff ha dovuto trasformare il muro in una recinzione e ammettere che il Messico non ne sosterrebbe mai la costruzione.

Lo stesso discorso vale per i dati. Come Trump, a un certo punto anche Buff ha parlato del fatto che i messicani "ci stessero invadendo." Così gli ho chiesto quanti fossero gli immigrati illegali negli Stati Uniti e se il loro numero fosse in aumento. "È un argomento che mi confonde," ho detto. Anche se alla fine Buff non ha voluto ammettere che in realtà tra i messicani ci sono più emigranti che immigrati, ha comunque concesso che nella prigione che gestisce se ne vedono sempre meno.

In breve: più gli chiedevo definizioni, dettagli e dati, più lui modificava le sue opinioni. Ma questa non è l'unica ragione per cui ho scelto di utilizzare questa strategia. Le mie domande gli hanno fatto passare la voglia di sostenere quella conversazione e alla fine non vedeva l'ora che la colazione finisse. Ha anche pagato il mio conto.

L'EMPATIA

Quella che a quel punto ho iniziato a provare per lui. Se vuoi persuadere qualcuno, devi lavorare sulle sue credenze e sulle sue aspettative. Devi capire quello che prova. Alla fine della nostra colazione, ho notato che Buff stava andando sempre più nella mia direzione. Certo, non sarebbe scoppiato a piangere e diventato di sinistra da un giorno all'altro. Ma le mie domande mi avevano fatto capire che voleva il meglio per il suo paese e che era confuso su cosa questo implicasse nella pratica. A questo punto, è stato facile fingere amore.

AMORE

Durante i miei corsi insegno ai miei studenti come tenere conferenze e presentazioni nel migliore dei modi. Uno dei consigli migliori è questo: prima di cominciare a parlare, ripetetevi varie volte che amate il pubblico che state per affrontare. È un consiglio che funziona bene anche se in realtà il pubblico vi è ostile e anche se è composto da un solo stronzo che vota Trump. Immaginatelo coccolare un gattino o piangere alla notizia della morte di Leonard Cohen. Pensate all'amore puro.

Non intendo dire che dovete davvero cercare di amarlo. Stiamo parlando di retorica, non di religione. Dovete solo fare finta di amarlo. Così il vostro pubblico penserà che siete persone nobili. Oppure penserà che siete d'accordo con la persona con cui state discutendo, almeno finché non cominciate a fare domande.

Fingere di amare l'interlocutore funziona nello stesso modo in cui funziona il fargli tante domande: contribuisce a spingerlo più verso le vostre posizioni. Aggiungetevi un pizzico di simpatia e un minimo di consapevolezza da parte del pubblico riguardo all'argomento di cui si discute, e il gioco è fatto.

Thumbnail via Flickr.

Tagged:
parenting
odio
consigli
natale
Vice Blog
pranzi
conversazioni