FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Un bocciolo di rosa avrebbe la stessa puzza anche con un altro nome

Non è una novità: negli ultimi decenni, i film porno sono diventati molto più aggressivi e violenti. Ma ciò che succede quando pratiche tipiche del sadomaso o del porno gay passano a un pubblico mainstream è un po' più inquietante.
19 giugno 2014, 1:16pm

Illustrazione di N. Gazin.

"Puzza di sangue. E sa di carne cruda. Non somiglia a nulla di ciò che puoi aver vissuto prima. Ma ti tocca dentro." È così che Sheena Shaw, pornostar ventinovenne specializzata nel sesso anale estremo, descrive il fascino del "rosebud" (letteralmente "bocciolo di rosa")—un genere di sesso anale sempre più popolare nel mondo della pornografia, e che causa erezioni e nausea in ugual misura.

Anche se prende il nome da quei fiori rossi che si regalano a San Valentino, è il luogo in cui ogni accenno di dolcezza o amore tramontano. L'atto sessuale in cui Shaw è specializzata è, nei fatti, causato da un prolasso anale—una condizione medica in cui le pareti interne del retto collassano e fuoriescono dall'ano, con il rosso acceso dei tessuti interni che sboccia come una rosa del deserto (vedere alla voce Sting).

Ovviamente, le varie pratiche di sesso anale estreme come rusebud, fisting e ass gaping non sono nulla di nuovo né per il pubblico sadomaso né per l'industria del porno gay. Ciò che è nuovo, invece, è il passaggio di questi sottogeneri particolarmente hardcore da una nicchia al pubblico mainstream. "Sentiamo tutti la pressione a fare sesso anale," dice Sheena. "La cultura ci insegna cosa deve e cosa non deve piacerci."

Quello che un tempo era un tabù oggi è il punto di partenza, e il pubblico se ne è reso conto. In una discussione del settembre 2013 sul forum di Adult DVD Talk intitolata "Le ragioni della crescente visibilità dei prolassi rettali," un utente commenta così: "Una volta era esclusiva di attrici che avevano girato una scena di sesso anale di troppo (Ava Devine, Amy Brooke: sto parlando di voi). Oggi ne girano sempre di più, e anche con volti quasi nuovi nell'industria del porno." Cosa c'è, quindi, dietro tutto questo sbocciare? Lo stesso utente ipotizza che queste attrici abbiano tenuto nascosti alle telecamere i loro prolassi rettali durante le scene di sesso anale girate in passato. "Li fanno vedere solo adesso perché è accettato e ha un mercato in crescita."

Le grandi case produttrici del porno come la Evil Angel hanno iniziato a vendere pellicole di alta qualità contenenti scene di sesso anale estremo girate da pornostar di alto profilo. Una volta che una moda di questo tipo ha preso il via, entra in un circolo vizioso che ne garantisce la propagazione. "Se una pornostar molto bella gira una scena simile, questa diventa di culto per i fan. Ciò porta molti altri ingaggi per le ragazze che possono e vogliono farlo," sostiene il regista porno californiano Jay Sin. Lui ha assistito alla nascita del fenomeno in prima persona—alcuni suoi film, come Deep Anal Abyss, Anal Acrobats e Anal Buffet sono diventate pellicole di culto. (Anal Buffet è giunto al nono episodio.)

Ma concludere che tutti, dal vostro capo a quello zio un po' inquietante, abbiano iniziato a guardare e a eccitarsi con i prolassi ha un che di inquietante—nonché semplicistico. I film porno sono diventati molto più aggressivi e violenti negli ultimi decenni, ma questo potrebbe essere il risultato non dell'evoluzione dei gusti degli spettatori quanto dell'impatto di internet sull'industria.

La grande quantità di video amatoriali disponibili gratuitamente sui siti di streaming rappresenta un grande problema per gli affari delle compagnie che operano nel settore. Perché mai qualcuno dovrebbe comprare un film quando a soli pochi click di distanza esistono migliaia di video di coppie che fanno sesso nelle loro camere da letto? Per tutta risposta, l'industria ha rivolto la sua attenzione ai mercati di nicchia, i cui desideri non possono essere soddisfatti gratuitamente sui video online. Dopotutto, la ragazza della porta accanto potrà anche essere in grado di fare sesso come Sasha Grey, ma è molto probabile che possa far fuoriuscire i suoi tessuti interni a comando.

Mike South, un blogger soprannominato "il re del gossip pornografico," crede che, spingendosi sempre più all'estremo, il mondo del porno abbia perso il contatto con la sua fan base. Secondo South, quando lui è entrato per la prima volta in quel mondo come regista e attore, nel 1992, l'industria del porno era particolarmente prolifica. C'era una grande offerta, il che voleva dire che i film dovevano differenziarsi molto perché li si notasse. "All'inizio questa cosa non ha fatto che bene all'industria—si è iniziato a filmare scene di sesso di gruppo e di sesso anale, cose così," racconta. "Poi si è passati al vestire le attrici come ragazzine e a portarle su set costruiti in modo da somigliare ai giardinetti delle scuole, con scene di sesso orale forzato e sesso anale forzato... Meno sembravano a loro agio, più la pellicola avrebbe vinto premi."

"Le aziende che lavorano nell'industria del porno sono come degli uccellini che si posano sui fili elettrici," continua. "Quando una spicca il volo, le altre la seguono. In questo caso si sono dirette tutte verso l'ipocrisia."

In modo simile, essere disposte a girare scene con prolassi rettali consente alle attrici di differenziarsi dalle concorrenti. Non è per niente facile lavorare a quel livello. Bisogna girare molte lunghe scene in cui si inseriscono grossi oggetti nell'ano, finché le pareti del retto sono così elastiche che si è in grado di spingerle fuori volontariamente. Secondo Sheena, è una sensazione simile a quella che si prova durante il parto. La maggior parte deve prepararsi a partire dalla sera precedente, andando a dormire con dei dilatatori per allargare l'orifizio. Si allenano anche ad avere un grosso controllo sui muscoli addominali, rilassando lo sfintere e i muscoli pelvici e contraendo i muscoli addominali. "Vorrei che facesse male, ma non è così," dice, ridendo.

Eppure, come immaginabile, i prolassi sono estremamente rischiosi. Per paura di perdere i gli ingaggi, poche attrici saranno disposte ad ammettere che un effetto collaterale comune del girare queste scene sono i problemi nella defecazione. Molte attrici dichiarano di fare pause, ma nemmeno questo aiuta a risolvere il problema. La chirurgia rettale, in genere riservata agli anziani, è l'unica soluzione medica disponibile.

Il problema è che, in un ambiente in cui al passaparola viene spesso dato più credito che ai fatti, molte attrici non sono a conoscenza o non credono a questi rischi a lungo termine per la salute. "Quando ho iniziato a girare queste scene, non ero consapevole delle conseguenze," ammette Sheena. "La gente dice, 'Oh, sono tutte dicerie.' Ma conosco donne che sono state davvero male."

Roxy Raye, foto per gentile concessione di RoxyRaye.com

Roxy Raye, un'altra veterana delle scene di sesso anale specializzata in rosebud, ha fede nell'invincibilità della propria prestanza fisica. "Non mi preoccupano i rischi a lungo termine. Giro queste scene da sei anni e sono in ottima salute," afferma. "Una persona comune non immagina nemmeno quanto è elastico l'ano. Ma può darsi che tra dieci o 15 anni sarò la prima cavia su cui verranno studiati gli effetti a lungo termine di queste pratiche."

L'atteggiamento dominante nell'industria del porno è espresso in modo esemplare da Jay Sin, che ha diretto Roxy in molti dei suoi film. "Se ci sono conseguenze, ok," afferma con un tono in un certo qual modo scherzoso. "Allora si può smettere di farle."

In un certo senso, le pornostar che girano queste scene sono come i calciatori, e incorrono in ripetuti infortuni fisici per il nostro intrattenimento. Ma, a differenza degli atleti professionisti, è molto raro se non impossibile che guadagnino di più girando una scena con un prolasso anale che non girando una "semplice" scena di sesso anale. (Anche se le regine del sesso anale come Roxy e Sheena vengono pagate più di altre.) Quando ho chiesto a Sheena che cosa succederebbe nel caso di un infortunio sul set, ha risposto, "Di questo non parla mai nessuno. Ti fanno firmare delle liberatorie prima di girare queste scene. Non abbiamo alcuna tutela."

Quando invece si tratta di ciò che attende le attrici una volta che lasceranno quest'ambiente, South fa tristemente notare che le possibilità di assistenza sono poche. Si esprime così: "All'industria del porno non interessano le attrici. Vogliono solo massimizzare i profitti."

Forse l'unica cosa da fare, per la prossima ondata di pornostar pronte a cimentarsi in questo sottogenere, è seguire il consiglio di quelle con più esperienza. Sheena Shaw ricorda le parole con cui Amy Brooke si rivolgeva alle attrici più giovani. "Ok ragazze, continuate così e sarete degli ottimi volti per le pubblicità dei pannoloni!"

Segui__ Michelle su Twitter.