FYI.

This story is over 5 years old.

Voyeurismo di Stato

Fotografie dagli archivi dei servizi segreti comunisti cecoslovacchi.
23.4.12

Probabilmente non scopriremo mai i nomi di alcuni dei nostri fotografi preferiti dello scorso secolo, dato che molti di loro non lavoravano per la gloria artistica o la fama. Anzi, tanti preferivano rimanere anonimi, come quelli che lavoravano per uno stato totalitario che non aveva nulla da invidiare al governo di 1984.

Queste, cari compagni, sono fotografie di sorveglianza scattate dai servizi segreti comunisti in Cecoslovacchia negli anni Settanta e Ottanta. Questi compagnoni spiavano a tempo pieno la gente comune, sperando di beccarla in situazioni che potevano portare all’arresto per attività anti-comuniste e a qualche annetto in una cella segreta. Con le macchine fotografiche nascoste nelle borse, o sotto i cappotti, gli agenti non potevano puntare l’obiettivo, e di conseguenza, i negativi regalano una quantità di dettagli astratti della vita a Praga nel suo periodo più buio, oltre che svariati momenti rubati da un tempo che pochi stranieri hanno avuto la sfortuna di poter osservare. Ma che gemme di ritratti, tra l’altro! Arte completamente inaspettata da un gruppo di leccapiedi e scagnozzi comunisti. Chi l’avrebbe mai detto

Queste foto sono tratte da Prague Through the Lens of the Secret Police.

Cliccare sull'immagine per ingrandire.