Stuff

Abbiamo chiesto a Craig Silverman cosa ci trova di così divertente nella tv italiana

Da ormai un mese Craig Silverman di Buzzfeed Canada si dedica a commentare i programmi trash della tv italiana. Gli abbiamo chiesto perché, e cosa pensa delle reazioni degli italiani.
10 maggio 2016, 8:53am

È passato poco più di un mese da quando Craig Silverman di Buzzfeed Canada si è imbattuto in Ciao Darwin e ha espresso il suo stupore in un commento che—come si legge sul tweet fissato in alto sul suo profilo—lo ha reso una celebrità dell'internet italiano.

Come già avevamo spiegato, il tweet era diventato virale, scatenando migliaia di commenti e portando lo stesso Bonolis—con una spiegazione alquanto fantasiosa—a "confermare" l'impressione di Craig Silverman. Dopodiché Silverman deve averci preso gusto, e mentre per i giornali italiani diventava una specie di opinionista televisivo ha continuato a cazzeggiare raggiungendo il possibile picco della sua fama con una bestemmia. Un sacco di gente ha deciso di eleggerlo a personale idolo, altri hanno riso di lui o con lui, tutti hanno avuto qualcosa di cui scrivere e qualcuno ha silenziosamente iniziato a pregare che smettesse.

Oggi, a distanza di un mese, anche se le dinamiche di Internet avrebbero suggerito tutt'altro, Silverman non solo è ancora completamente in fissa con l'Italia e con le attenzioni rivoltegli da questa parte di mondo, ma ha deciso di estendere i suoi orizzonti ad Amici e Uomini e donne.

A questo punto ci sono delle domande che sorgono spontanee: per quale ragione al mondo un canadese dovrebbe decidere di impiegare le sue giornate in un'attività del genere? Cosa ci trova di così interessante, e quando smetterà di trovarlo interessante? C'è modo di farlo dedicare ad altro? Per risolvere questi importanti quesiti, abbiamo deciso di rivolgerci direttamente a lui.

Il profilo Twitter di Craig Silverman con il suo velato interesse per la questione "tv italiana".

VICE: La prima domanda da fare non può che essere una: PERCHÉ?
Craig Silverman: Per puro caso. Ero a Perugia [durante il Festival del Giornalismo_] e sono andato a cena fuori con dei colleghi. C'era la tv accesa, con _Ciao Darwin, e ho iniziato a guardarlo proprio in una scena dove facevano uscire Madre Natura. C'era quest'inquadratura ravvicinatissima e infinita del suo culo, e poi è arrivato un dinosauro.

Ammetterai che è una scena abbastanza strana, mi ha lasciato piuttosto confuso. Così ho fatto un paio di foto e mandato quel primo tweet. Ovviamente non c'era niente di serio, stavo cazzeggiando—era semplicemente la mia reazione. Non capivo perché così tanta gente mi stesse retwittando, non so chi ha fatto uscire il tweet... forse qualcuno che qualche ora prima mi aveva sentito parlare al festival.

Ok, l'inizio è stato un incidente e sei giustificato. Ma poi? Perché dedichi così tante attenzioni alla tv italiana?
Adesso la guardo perché ci sono tanti italiani che la guardano con me, mi spiegano quello che succede, mi fanno domande e ridono delle cose che dico. È divertente. In tanti mi chiedono di dare un parere su un certo programma e io lo faccio. La cosa fantastica è che ho visto dieci minuti di Ciao Darwin e sono finito sui giornali, incredibile!

Sì, c'è gente che lo guarda da anni ma non ha mai avuto alcun riconoscimento. Come hai fatto da Ciao Darwin a passare a Maria De Filippi? Chi te l'ha suggerita?
La gente su Twitter. Dopo Ciao Darwin un sacco di gente ha cominciato a scrivermi dicendomi, "dovresti guardare anche questo," "guarda quello" e via dicendo. Quindi non devo neanche pensarci su, sento quello che dice la gente, e Uomini e donne me l'avevano suggerito un sacco di persone—ora in tanti mi stanno suggerendo anche quello per anziani, che credo sarà il prossimo.

C'è una differenza essenziale con Ciao Darwin. Paolo è bravo, ma dicono che il suo show si basi sulle battute e sul personaggio, che io non capisco. Di Queen Mary invece riesco a sentire la presenza. Tipo a Uomini e donne, lei è la conduttrice eppure apre a malapena bocca, e se ne sta seduta sulle scale con l'atteggiamento di qualcuno a cui non frega niente. Fantastico.

Detto ciò, ovviamente c'è anche gente che mi scrive chiedendo di smetterla, che quello è il peggio del peggio che c'è in Italia—gente che ha paura che valuti l'Italia in base a quei programmi.

E tu cosa ne pensi? Credi che i programmi trash italiani che hai visto rispecchino la nostra società?
Sono stato un sacco di volte in Italia, prima per il mio viaggio di nozze e poi in altre occasioni. Sinceramente non ho mai visto in giro Madre Natura e Queen Mary, quindi in generale la risposta è no. O meglio, sono sicuro che rispecchi una parte della società, ma non credo sia l'Italia intera.

La stampa però ha iniziato a prenderti per un opinionista tv. Non sei preoccupato che le tue opinioni possano essere prese dagli autori di questi programmi per legittimarli?
No, assolutamente. Questo non è il mio intento né il mio ruolo. Io faccio notare il fatto che agli occhi di un non italiano una determinata cosa è strana. Ma questi programmi esistono ovunque, e non sono il male o il bene, giusti o sbagliati. La gente li guarda e non credo che si debba sentire in colpa. Si tratta di intrattenimento, non valuto la qualità.

Sì, le stesse persone che hanno risposto ai tuoi primi tweet hanno fatto presente che il trash esiste ovunque. Alcuni non sapendo fossi canadese ti hanno detto di tornare a guardare Jersey Shore. Ma a proposito della tv degli USA, non potevi concentrarti su quella? O non potresti iniziare a farlo ora?
Certo che potrei farlo, ma non sarebbe la stessa cosa. Ogni paese ha la sua versione della tv trash. In Nord America sai quanta ce n'è? Me lo facevano notare tutti—credendo che americani e canadesi fossero la stessa cosa—ma io non l'ho mai negato. La tv trash è ovunque: sai che è fatta male, sai che è tutto finto e costruito e anche male magari, ma un sacco di gente non riesce a evitare di guardarla.

Il Canada com'è messo a programmi trash?
Molto bene, infatti il paragone è più tra l'Italia e il Canada che tra l'Italia e gli Stati Uniti. In Canada la cultura e la televisione americane sono molto forti. Ma poi abbiamo anche i programmi canadesi molto più piccoli, e in parte questo si lega a ciò che avviene in Italia.

Anche a voi arriveranno un sacco di programmi trash americani, che sono fatti per un pubblico più vasto, però poi ogni paese ha i suoi. Sono programmi che a regola sono destinati solo al pubblico locale, sono fatti per gli italiani dagli italiani, quindi capisco che visti da un'altra parte del mondo risultino stranissimi.

Infatti, proprio per questo i tuoi commenti hanno avuto così tanta risonanza. Tra l'altro le opinioni degli stranieri qua assumono un valore maggiore... funziona allo stesso modo in Canada?
Sì, qui valgono le stesse dinamiche, quando un non canadese nota qualcosa sulla nostra cultura quello che dice diventa immediatamente rilevante. Ma devo dire che in Canada, perché succeda, devi essere quantomeno un minimo famoso.

Ti faccio un esempio: tempo fa un'attrice americana [Mindy Kaling] ha detto di aver imparato a pronunciare una regione del Canada, e la gente è impazzita. Però, come dicevo, devi essere un minimo famoso. Io sono un canadese qualunque, non sono una star, quindi è pazzesco che abbia ricevuto così tante attenzioni.

Tornando alla nostra tv, dato che quello che hai visto basta e avanza, pensi di esportare in Canada un formato trash italiano?
Lasciami dire una cosa: in Canada non siamo pronti per la mancanza di vestiti. Siamo un po' puritani in confronto alla vostra tv. Per noi Ciao Darwin sarebbe impossibile... secondo me ci sono almeno due telecamere che hanno il compito di riprendere i sederi della gente. No, in Canada non penso potrebbe succedere.

Sembra che ti diverta proprio questa cosa.
Troppo. I colleghi qua vogliono levarmi Twitter. Ci sono persone che credono che stia prendendo in giro l'Italia, o che tendono quasi a giustificarsi, mi scrivono dicendo "Mi dispiace che tu debba vedere questo programma, spero che non pensi che l'Italia sia tutta così." Ma io non posso che parlare bene dell'Italia e degli italiani... è fantastico, nella maggior parte dei casi la reazione è stata positiva. È semplicemente una bella esperienza, mi diverto e continuerò fino a quando durerà.

Ecco a tal proposito, ultimo tentativo di farti desistere: in Italia d'estate ci sono solo repliche di programmi del 1200. Quindi dovrai smettere per forza.
Eh me ne sono accorto, un po' perché funziona così anche in Canada e un po' perché tutti i programmi che guardo stanno finendo... che tempismo orribile, avrei dovuto cominciare prima. Non so cosa farò, devo certamente trovare qualcosa. Magari lo chiedo ai miei amici italiani su Twitter.

Segui Flavia su Twitter