FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Gli etero non esistono, dice la scienza

Secondo un recente studio che analizza le risposte fisiche alla visione di materiale pornografico, gli orientamenti sessuali non sono ben definiti come li intendiamo tradizionalmente, e termini come "eterosessuale" non hanno senso.
9.5.16

Non sappiamo molto dell'orientamento sessuale di queste ragazze. Foto di Sasha Mademuaselle. Questo articolo è tratto da Broadly.

Secondo uno studio pubblicato recentemente sul Journal of Personality and Social Psychology, l'eterosessualità non è la norma. Lo studio ha preso anzitutto in esame l'espressione della sessualità nelle donne, e ha misurato la loro risposta fisiologica durante la visione di materiale pornografico di tipi diversi. Indipendentemente da come queste donne definiscono il proprio orientamento, hanno avuto la stessa reazione fisica sia davanti al porno eterosessuale che a quello omosessuale. Questo dimostrerebbe che la sessualità femminile è complessa e non si può relegare nella polarità etero-omo.

Ritch D. Savin-Williams è professore di psicologia dello sviluppo e direttore del Sex and Gender Lab presso la Cornell University. Lo studio è stato condotto nel suo laboratorio e, mi spiega, è parte di un progetto di ricerca molto più ampio—insieme ad altri ricercatori sta cercando di scoprire la verità sulla sessualità umana analizzando le risposte fisiche.

Pubblicità

"Di base, lo studio valuta l'orientamento sessuale in base alla dilatazione o meno delle pupille—che non è controllabile. In sostanza, vuole analizzare la sessualità senza passare per quello che i soggetti dichiarano o pensano di sé. Un altro parametro, naturalmente, sarebbe l'eccitazione genitale, ma così diventerebbe un po' invasivo."

Comunemente, si pensa alla sessualità come etero o gay. Solo di recente la bisessualità ha cominciato a essere presa sul serio. L'idea che gli orientamenti sessuali siano separati, statici e ben definiti è radicata nel tessuto sociale e fa parte della nostra concezione del genere; i veri uomini sono mascolini e attratti dalle donne.

I risultati dello studio di Savin-Williams possono cambiare del tutto la nostra idea di sessualità, ma l'autore non è certo sorpreso alla notizia che la sessualità non sia una dicotomia. "Ovviamente non sono sorpreso," conferma. "Stiamo cercando di capire come siamo fatti davvero. A volte, per esempio, siamo in un modo ma pensiamo di doverci mostrare nel modo opposto, e questo non va bene."

Savin–Williams ha spiegato che il motivo per cui alcuni individui riportano in modo inaccurato i propri desideri è la paura delle restrizioni sociali—ovvero, di quelle norme che determinano come veniamo percepiti e trattati. Lavora da tempo sull'idea dell'uomo perlopiù etero. "Siamo d'accordo sull'idea di donne perlopiù etero, ovvero che se messe davanti alla donna giusta potrebbero decidere di provare. Ma pensavamo fosse un fenomeno solo femminile."

Pubblicità

"Abbiamo mostrato a un gruppo di uomini etero una foto di una donna che si masturba e hanno reagito da etero, ma poi abbiamo mostrato loro anche la foto di un uomo che si masturba e hanno reagito allo stesso modo. Quindi, possiamo dimostrare con prove fisiologiche i ragazzi non sono catalogabili come etero, gay o bisex." Lo studio di Savin-Williams riguarda sia uomini sia donne di vari orientamenti e dimostra che noiose convinzioni, per esempio che le persone siano al 100 percento etero o gay, non resistono a un'analisi scientifica accurata.

"Ci sono aspetti [della sessualità maschile] che si situano lungo un continuum, proprio come esistono per le donne—e lo sappiamo da tempo. Gli uomini devono fare i conti con tali aspettative 'culturali' che anche se hanno una qualche attrazione per un altro ragazzo, non lo ammetteranno mai."

Dalle suffragette del 19esimo secolo ai vari movimenti per la giustizia sociale di metà Novecento, gli attivisti hanno cercato di eliminare l'ingiustizia sociale. Anche norme socioculturali apparentemente innocue svolgono un ruolo significativo nel mantenere la disuguaglianza di genere. Con il nuovo studio Savin-Williams e i suoi colleghi vogliono modificare l'idea che quelle norme siano scientificamente valide.

"Credo che stiamo assistendo a un allentamento dei confini," dice. "E vale per entrambi i sessi. È una cosa positiva, perché in questo modo i bambini hanno esempi più vari, e non sentono di doversi adeguare a uno stereotipo [a tutti i costi]. Oggi donne e uomini etero si sentono più che mai a loro agio ad assumere ruoli e comportamenti tradizionalmente relegati all'altro sesso."

Anche se un individuo con un'identità sessuale fluida può subire discriminazioni o essere soggetto a pregiudizi, dal punto di vista "umano" far parte del mondo LGBT può essere considerata una cosa positiva, perché spinge a mettere in discussione le norme sociali e culturali che invece gli etero "subiscono". Una società repressiva può causare danni anche materiali a chi si situa in parti non accettate del continuum, ma quegli stessi confini impediscono a chiunque di esplorare la propria sessualità.

"Prendi le donne lesbiche, la loro autostima di solito è superiore a quella delle donne etero," spiega Savin-Williams. "Forse si sentono più libere [di essere chi sono veramente]. Certo, non sempre la società le accetta, ma sono loro stesse."

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: