Afghanistan

'Non sono più al sicuro': donne afghane parlano della presa talebana di Kabul

Un giorno dopo la conquista talebana, le strade della capitale dell'Afghanistan appaiono vuote—università, scuole e negozi sono rimasti chiusi.
17.8.21
Kabul donne
Un lavoratore davanti a un centr mentre copre con la vernice un poster di grandi dimensioni che ritrae una donna, a Kabul, il 15 agosto 2021, in seguito alla presa della capitale da parte dei talebani. Photo: Kyodo via AP Images.

Dopo giornate di panico diffuso a Kabul, le strade della capitale dell’Afghanistan si sono riempite di solo silenzio, mentre la popolazione si chiede cosa comporterà il ritorno al potere dei talebani.

Molti residenti, specialmente le donne, hanno scelto di restare a casa, mentre luoghi di lavoro, negozi e università sono rimasti chiusi lunedì 16 agosto, la mattina dopo che i funzionari governativi sono fuggiti dal paese e i talebani hanno preso il controllo della capitale e del palazzo presidenziale.

Pubblicità

Per quanto i talebani abbiano assicurato che alle donne sarà lasciato il diritto di lavorare e di andare a scuola, molte persone sono scettiche a riguardo.

“Avevo una vita sicura e bella. Facevo il mio lavoro, i miei doveri, facevo sport. Uscivo di casa senza paura e portavo avanti i miei impegni della giornata,” dice a VICE World News una studentessa di 22 anni. Ora, non sa se potrà continuare il master in Scienze Politiche o andare almeno in palestra, cosa che ha definito come “l’unica gioia nella mia vita.”

Eppure, questo è solo l’ultimo dei suoi pensieri.

“Ho più paura degli stupri e delle violenze sulle donne, del vivere in cattività e tra costrizioni, e che tutti gli sforzi che abbiamo compiuto negli ultimi vent’anni vadano in fumo,” dice. “Vivere sotto il regime talebano è stata un’esperienza terribile. Ci aspettiamo di tutto, dai talebani.”

PHOTO-2021-08-16-14-47-28.jpg

Kabul's streets are empty the day after the Taliban took control of the capital. Photo sourced by VICE World News

Una giornalista afghana fa eco alle preoccupazioni della studentessa.

Dice di essere spaventata e angosciata che la vita che conosce stia per cambiare e che torneranno al “periodo buio” del controllo dei talebani.

“Ho paura che limiteranno le attività per le donne, e la loro libertà di parola,” dice a VICE World News la ventisettenne. “Ho paura per le donne… che hanno lavorato tanto duramente e portato progresso, che hanno raggiunto tanto per il paese e loro stesse.”

La paura della morte è particolarmente pervasiva tra le donne che hanno sfidato concezioni e aspettative. Un’atleta e attivista per i diritti delle donne con cui VICE World News ha parlato è preoccupata di ciò che i talebani “mi faranno.”

“Ora i talebani sono davanti a casa mia,” dice a VICE World News. “Non posso uscire e so che non sono più al sicuro qui. I talebani mi uccideranno. Non tollerano le donne come me.”

Pubblicità

I talebani sono stati al potere in Afghanistan dal 1996 fino alla loro caduta nel 2001, per mano di un governo appoggiato dagli Stati Uniti. Il gruppo fondamentalista proibiva alle bambine di andare a scuola e alle donne di lavorare e praticare sport; vigeva tolleranza zero su musica, film e televisione; i gruppi talebani sono stati accusati di svariati abusi di diritti umani, poiché la loro idea di giustizia seguiva un’interpretazione della Sharia che include punizioni come lapidazione e amputazioni.

In un’intervista con la BBC, il portavoce talebano Suhail Shaheen ha tentato di rassicurare le donne dicendo che non hanno nulla da temere e che “possono vivere le loro vite normalmente.”

“Non devono avere paura. Il loro diritto all’educazione e al lavoro resta,” ha detto domenica 15 agosto. “Ci impegneremo in tal senso.” Ha anche detto che i talebani non compiranno vendette su nessuno.”

PHOTO-2021-08-16-14-47-35.jpg

Shops, schools and workplaces remained closed in Kabul, a day after the government collapsed. Photo sourced by VICE World News

Ma mentre la città aspetta di vedere cosa succederà e i talebani chiedono un trasferimento di poteri ufficiale, la popolazione a Kabul avverte già un cambiamento.

Senza una via di uscita dal paese, le donne si nascondono nelle case, mentre l’ufficio passaporti resta chiuso e l’aeroporto di Kabul piomba nel caos. In televisione, molti programmi sono stati sostituiti da altri religiosi, nonostante Shaheen avesse assicurato che la libertà di espressione e di parola sarebbe stata rispettata. Alcuni notiziari locali sono ancora in onda, almeno mentre questo articolo viene scritto.

Pubblicità

Nel corso delle ultime settimane—mentre gli Stati Uniti finalizzavano il ritiro delle truppe dopo 20 anni di operazioni—i talebani hanno guadagnato terreno a un ritmo aggressivo, assumendo il controllo di città strategiche e riuscendo, alla fine, a conquistare rapidamente l’intero paese.

È difficile per le donne non provare frustrazione per ciò che appare come un tradimento da parte degli Stati Uniti, un sentimento condiviso da molte persone nel paese, ora intrappolate nell’incertezza e nella paura.

“Finché le truppe americane erano qui in Afghanistan, tutti, specialmente i residenti di Kabul e le donne, vivevano normalmente,” dice la giornalista. “Quando gli americani se ne sono andati, tutte le insicurezze e i problemi sono tornati.”

La studentessa dice di volere che le persone nel resto del mondo sappiano quanto è grave la situazione per le donne e chiede che la comunità internazionale e le Nazioni Unite non si voltino dall’altra parte, ma affrontino ciò che sta succedendo in Afghanistan.