FYI.

This story is over 5 years old.

Il nuovo servizio con cui Snapchat sta monetizzando le foto di nudo

Snapchat inaugura Snapcash, il servizio per inviare denaro ai tuoi amici. E alle tue camgirl preferite.
24.11.14
Immagine: Maurizio Pesce/ Flickr

Da applicazione sottilmente scandalosa con la quale ​si possono mandare foto osé a amici e amiche, Snapchat sta diventando una vera e propria piattaforma di messaggistica istantanea.

Alla luce di questo, non sorprende che Snapchat abbia annunciato il suo nuovo sistema di pagamenti in-app, Snapcash, e che la prima reazione di internet sia stata più o meno quella di ​questo redditor "…e l'evoluzione ad agenzia porno è completa."

Pubblicità

Snapcash permetterà agli utenti di inviarsi soldi a vicenda collegando una carta di credito ai loro account attraverso ​Square, una piattaforma di commercio basata sui dispositivi per aziende e singoli utenti. Scrivendo "$" e una somma di denaro nel campo di inserimento testo della app, potrai inviare denaro all'utente con cui stai chattando.

Che Snapchat fosse un servizio popolare per i lavoratori del sesso—come le camgirl, per esempio—che possono pubblicizzare i loro servizi e vendere foto di nudo non è un segreto.

Le piattaforme di messaggistica per i lavoratori dell'industria del sesso sono popolate da discussioni su ​quanto far pagare gli abbonamenti ai servizi su Snapchat e si è generato anche ​un mercato nero a parallelo presenti in diversi ​anfratti torbidi della rete, dove delle persone piuttosto tristi si scambiano cavi di accesso per vedere portnostar e camgirl su Snapchat.

Dovrebbe essere ovvio che questi link sono NSFW, in base a dove lavori, ma hey, non sono il tuo capo, o uno sbirro, o tua madre.

Sulla scia del più recente e conclamato caso di leak di foto, in cui gli ​hacker hanno caricato almeno 500 MB di foto sul web, l'impulso più normale sarebbe quello di porsi domande sulla sicurezza di Snapcash. Hacking a parte, Snapchat ​raccoglie una serie di dati degli utenti, incluse le identità dei mittenti e dei destinatari dei messaggi e le coordinate cronologiche dei messaggi.

Snapchat raccoglie anche informazioni come il modello del dispositivo e identificatori unici dei telefono, come l'​IMEI. Aggiungici i dati di una carta di credito e il risultato è abbastanza per far sorgere qualche dubbio a qualche lavoratrice del sesso.

Alcune, come la blogger "Victoria Joy" su Tits and Sass, un sito mandato avanti da lavoratrici del sesso e dedicato ad elucubrazioni sulla cultura del sesso per lavoro, si sono immediatamente scoraggiate viste la scarsa protezione privacy di Snapchat. ​Secondo un post che ha pubblicato a Giugno, non lo userà più.

Le lavoratrici del sesso che usano Snapchat per marketing o per lavoro devono sapere che Snapchat non è molto più sicuro del sito di cam che usano. Devono valutare se vale la pena portare i loro clienti su un'altra app, ugualmente insicura. La differenza tra relazionarsi con gli utenti su un sito di cam piuttosto che su Snapchat è da ritrovarsi nel fatto che nel primo caso le camgirl hanno strumenti come iban degli user secondo la provenienza o l'indirizzo IP.

Rimane da vedere come, esattamente, Snapcash si inserirà all'interno della sotto-cultura delle camgirl e delle pornostar amatoriali già presenti su Snapchat, ma è assolutamente plausibile che riuscirà ad avere un suo ruolo, in un modo o nell'altro. Le foto già ci sono, dopo tutto, e Snapchat potrebbe averle inavvertitamente rese più facilmente monetizzabili.